Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Ott 2018

Torna il Festival della Felicità Interna Lorda

Scritto da: Redazione

Dal 28 novembre al 2 dicembre torna a Catania il FILFest, Festival della Felicità Interna Lorda, che dal 2013 rappresenta un'occasione di incontro e confronto sulla costruzione di una società ed una economia più felice. Il tema della quarta edizione dell'evento, al quale Italia che Cambia partecipa come mediapartner, è il tempo e la figura ispiratrice è l'astrofisica Margherita Hack.

Italia che Cambia è mediapartner del FILFest, il Festival della Felicità Interna Lorda che torna a Catania dal 29 novembre al 2 dicembre. Giunto alla quarta edizione, il festival quest’anno ha come focus il “Tempo”, un bene immateriale la cui disponibilità e la cui capacità di gestione possono determinare diversi gradi di felicità nella vita dei singoli e della collettività. Un tema ampio, che sarà affrontato in varie declinazioni nel corso di tre giorni di incontri, dibattiti, attività varie che coinvolgono la città e la collettività con una serie di iniziative dal basso.

fil-fest

“Già da qualche anno – spiegano Maria Clotilde Notarbartolo, Manuela Trovato e Rosario Sapienza, organizzatori/curatori del FILFest 2018 – avevamo avviato una riflessione sulla possibilità di dedicare un’edizione al Tempo. È arrivato il momento e desideriamo affrontare un argomento dalle tante sfaccettature con profondità, ma anche con un sentimento di leggerezza. Il FILFest, come sempre, sarà il luogo per riflettere insieme con gioia e partecipazione su come prendere coscienza di tematiche che certamente possono aiutarci a costruire una società e una economia più felice, permettendoci di allontanarci dalla “dittatura” di parametri come il Pil (Prodotto interno lordo) per adottarne, magari, altri come la Fil (Felicità interna lorda)”.

 

Come in ogni edizione, anche il FILFest 2018 ha la sua figura ispiratrice. Dopo Adriano Olivetti (2013), Danilo Dolci (2014) e Maria Montessori (2016), nel 2018 la “madrina” ispiratrice del FILFest è Margherità Hack, l’astrofisica della quale il FILFest ha sposato l’approccio all’esistenza, nonché co-autrice del libro “L’idea del tempo” insieme con Pippo Battaglia e Rosolino Buccheri, entrambi ospiti della tavola rotonda che aprirà l’evento il 28 novembre.

 

Proprio per la sua caratteristica di costruire un percorso condiviso, il FILFest sta mettendo in piedi il programma definitivo (presto sarà reso pubblico, con eventi ed ospiti) con l’apporto di molti, singoli e società civile, associazioni e organizzazioni no profit. Un percorso di avvicinamento che è partito dalloscorso giugno con le Conversazioni sul Tempo, momenti di confronto volontario sul tema centrale del FILFest. Il calendario delle Conversazioni ne ha viste svolgersi già tre – i resoconti sono tutti documentati sul sito web www.filfest.org – e proseguirà sino alle date ufficiali del Festival.

FILFEST

Il FILFest è realizzato grazie al contributo dei Main Partner Enisie, Fab Move – entrambi progetti sostenuti con il contributo della Commissione europea, rispettivamente con il Programma RISE Marie Curie e con il programma Interreg Italia-Malta – nonché Four Points by Sheraton Catania.

 

Partner del festival sono anche MusicaInsieme a Librino, Libreria Vicolo Stretto, A Fera Bio, Open – Creative Work Space, Italia Che Cambia, Banca del Tempo Catania, Banca del Tempo Termini Imerese, Villaggio Maori Edizioni, Kids Trip, Opera Nazionale Montessori, Rifiuti zero Sicilia, Rifiuti Zero Umbria, Notti di Zucchero, Le Galline Felici, Scuola Popolare Sambazita, Fusion Pilates & Yoga, Microfinanza. Media Partner è Italia che Cambia.

 

Per sostenere il FILFest, come sempre autoprodotto e autofinanziato dagli organizzatori, è stata lanciata anche una campagna di crowdfunding su buonacausa.org/cause/filfest2018 .

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Esplosione a Beirut: i nuovi retroscena – Io Non Mi Rassegno #196

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti

|

Piccole scuole e piccoli comuni? Creiamo un’allenza educativa virtuosa

|

Come creare una società più equa e collaborativa nella ripresa post Covid-19?

|

Nocciola Italia: contadini e cittadini contro l’avanzata delle monoculture