Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
31 Gen 2019

Sardex sbarca in Liguria: l'economia collaborativa avanza in Italia

Scritto da: Redazione

È Sardex-Liguria l’ultimo arrivato del circuito di credito commerciale già presente in altre regioni italiane e che coinvolge attualmente circa quattromila aziende. Gli effetti sono già visibili: alcune imprese liguri hanno già concluso le prime transazioni, esempi di un’economia collaborativa e inclusiva.

Arriva anche in Liguria il circuito di credito commerciale Sardex che, nato nel 2007 dall’idea di un gruppo di ragazzi sardi, ha ottenuto negli anni un incredibile successo divenendo un modello replicato in altre regioni italiane e studiato nel mondo.

 

Il nuovo modello che vede Sardex.net impegnato direttamente sul territorio ligure permette alle imprese locali che aderiscono alla piattaforma di moltiplicare esponenzialmente le occasioni d’affari. Il nuovo modello, più snello ed efficiente, permetterà alle PMI del territorio di concludere accordi commerciali tra loro con le oltre 4 mila che fanno già parte della rete Sardex e con numerose altre presenti nelle regioni italiane dove il modello è stato replicato direttamente come, ad esempio, Piemonte ed Emilia-Romagna.

sardex-

La sede principale è a Genova in Calata Andalò di Negro, 16. Acquisire nuovi clienti, selezionare nuovi fornitori e regolare i pagamenti con la moneta complementare sono le caratteristiche del progetto. “Approdiamo in Liguria con un nuovo modello: più snello, più efficiente, che apporterà sin da subito benefici alle aziende”, evidenzia il co-founder e amministratore delegato di Sardex SpA, Gabriele Littera. La sfida sarà affrontata con tutta la forza derivante da anni di esperienza al servizio del tessuto produttivo sardo e non solo: “Sardex – puntualizza il co-founder e direttore commerciale Piero Sanna – entra in un territorio nuovo, la Liguria, riversandovi tutta la sua forza commerciale e relazionale. Lo fa con una squadra attiva costantemente in loco e con il sostegno di partners locali”.

 

Attenzione al territorio ma con uno sguardo attento alle dinamiche globali: “Sardex – chiarisce il direttore generale Franco Contu, anche lui tra i co-founder dell’azienda – si conferma elemento di unione in grado di esaltare l’economia locale conferendole un respiro più ampio, capace di andare oltre i confini regionali”.

 

Gli effetti sono già visibili: alcune imprese liguri hanno già concluso le prime transazioni, primi esempi di un’economia fondata sulla reciprocità, sul mutuo aiuto, sulla fiducia che ha permesso ad esempio a un carrozziere di pagare la parcella del commercialista in crediti sardex o a un’altra azienda di confezionare un piano welfare per i propri dipendenti sempre in crediti. Non una semplice nuova geografia ma valore messo in rete, opportunità, tutela e valorizzazione delle peculiarità produttive. Sardex-Liguria è l’ultimo arrivato all’interno della famiglia Sardex; lo sforzo quotidiano è e sarà enorme ma la forza in campo è pari alla sfida: una rete fatta di migliaia di imprese e di professionisti, accompagnata giorno dopo giorno nella sua crescita da una squadra di persone animate dall’utopia di rivitalizzare le comunità attingendo al loro giacimento di relazioni e di competenze.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Acque contaminate, impollinatori in pericolo e scampi tritaplastica – Io Non Mi Rassegno #177

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”

|

Pensa 2040: “Costruiamo una rete di buone pratiche contro le mafie”

|

Al via Ecofuturo: “Salviamo il pianeta e l’economia con le eco-innovazioni!”

|

Il Mio Nido di Treviglio: rivoluzionare la scuola a partire da 0 anni! – Scuola che Cambia #7

|

Si conclude la prima parte di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile

|

Sei anni di energia rinnovabile, etica, sostenibile: ènostra festeggia con sconti e promozioni