23 Lug 2019

Play Hospital: giochi in regalo per i piccoli pazienti

Scritto da: Redazione

Portare i giocattoli a tutti i bambini per regalare loro un sorriso durante la permanenza in ospedale. Da questo sogno e per iniziativa dell'associazione LeuceVia nasce il progetto Play Hospital presentato all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. La mission, con il contributo indispensabile dell'equipe medica dell'OPBG, è quella di incoraggiare e diffondere l'importanza dell'attività ludica nell'ambiente ospedaliero.

Roma, Lazio - È stato presentato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma Play Hospital, progetto firmato LeuceVia che vedrà il Day Hospital Onco-Ematologia ricevere ogni giorno, per almeno un anno, un flusso continuo di giocattoli da destinare ai piccoli pazienti.

 

L’iniziativa “prende vita dalla storia di Olga Sbutega, la mamma di una piccola paziente che, consapevole delle potenzialità e del valore prezioso delle attività ludiche per i bambini, decide di contattare Riccardo Paciaroni, Presidente dell’Associazione LeuceVia, organizzazione umanitaria non lucrativa di utilità sociale, nata nel 2016, con l’obiettivo di con l’obiettivo di ottimizzare i dipartimenti di ematologia e oncologia sul territorio nazionale e favorire le donazioni di sangue, piastrine e midollo osseo.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

 

Da subito nasce la condivisione di un sogno: quello di portare i giocattoli a tutti i bambini per regalare loro un sorriso durante la permanenza ospedaliera. Viene avviata una raccolta fondi sui social, con l’obiettivo di strutturare un progetto per la distribuzione di materiale ludico e didattico, inizialmente a favore del DH del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG), ma con l’intenzione di espanderlo in altri reparti ed ospedali pediatrici.

 

A fornire il suo contributo in tema di giocattoli è intervenuta la catena di negozi Flying Tiger Copenhagen che, colto il nobile fine dell’iniziativa, ha messo a disposizione i suoi prodotti a sostegno del progetto. Oggi “Play Hospital” è caratterizzato da un flusso continuo di invio di giocattoli, quadernini, puzzle, pennarelli, pennelli, borse in tela da colorare, cerotti in lattice a tema, barattolini di pongo e tanto altro.

bambino-ospedale

La mission, con il contributo indispensabile dell’equipe medica dell’OPBG, è quella di incoraggiare e diffondere l’importanza dell’attività ludica nell’ambiente ospedaliero, finalizzata a favorire l’adattamento psicologico dei bambini alla malattia e a ridurre l’impatto traumatico dell’ospedalizzazione.

 

Per conoscere le evoluzioni di Play Hospital, garantirne continuità con una donazione, o per ricevere ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito www.leucevia.it oppure seguire la pagina LeuceVia sui canali Facebook ed Instagram.

 

 

Articoli simili
Praticare il futuro in una Cascina alle porte di Milano

A Torino il primo “Southern Europe Green Office Summit”

Voce Amica Firenze: in ascolto contro la solitudine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa