7 Set 2020

Prendere decisioni in maniera condivisa: come mettere in pratica la Sociocrazia

Scritto da: Lorena Di Maria

A Mondovì il 26 e 27 settembre avrà luogo il Laboratorio di Sociocrazia - Governance Dinamica condotto da Pierre Houben, per diffondere e far conoscere principi, valori e vantaggi del metodo decisionale in cui tutte le persone possono sentirsi riconosciute, lavorando insieme per realizzare uno scopo condiviso.

Cuneo - Diremmo che è impossibile sperimentare e realizzare un mondo in cui tutti sono ascoltati e nessuno è ignorato. Ma è davvero così? Conoscere i principi e mettere in pratica la sociocrazia potrebbe essere la soluzione giusta per farci vedere le cose da una nuova prospettiva e aiutarci a realizzare uno scopo condiviso.

A Mondovì, in provincia di Cuneo, avrà luogo un incontro di due giorni sulla Sociocrazia – Governance Dinamica organizzato da Sociocracy for All – italia, per imparare tutti i segreti dei processi decisionali. Il corso sarà tenuto da Pierre Houben, facilitatore, formatore e consulente. È membro di Transition Italia e co-fondatore di Sociocracy for All – italia. In questi anni è partito da alcuni personali interrogativi: «come possiamo organizzarci meglio in modo da essere più coinvolti e felici in ciò che realizziamo? Come possiamo prendere decisioni condivise che siano maggiormente supportate?». Proprio da queste domande Pierre aiuta e supporta i gruppi intenzionali e le organizzazioni a realizzare i loro progetti.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, bisogna sapere che la sociocrazia, come modello di governance, si diffonde in Olanda dagli anni ’70 grazie a Gerard Endenburg, facendosi conoscere anche all’estero per giungere poi in Italia. Viene applicata in ambiti anche molto diversi tra loro: dalle comunità intenzionali alle aziende, in qualsiasi contesto in cui ci sia la volontà di collaborare per realizzare uno scopo comune. Rappresenta insomma un metodo decisionale e organizzativo in cui ogni individuo è riconosciuto ed in questo modo l’intelligenza collettiva stimola una presa di decisione supportata da tutti.

«Obiettivo del corso è la messa a disposizione di strumenti e modelli operativi pratici e di immediata applicazione. Un laboratorio nel vero senso della parola: teoria quanto basta, pratica in piccoli gruppi per imparare “dagli errori” e per praticare nuovamente».

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Come si legge su sito dell’evento, «al giorno d’oggi molte aziende, scuole, istituzioni, organizzazioni di rete e un numero crescente di gruppi intenzionali utilizzano la Sociocrazia, che può essere usata in tantissimi contesti organizzati, dove le persone vogliono realizzare qualcosa… insieme!».

Il corso

Durante il corso si sperimenteranno e si metteranno in pratica:

• La presa di decisioni e come poter apprendere e migliorare continuamente grazie ai feedback (ritorno di informazioni) delle persone intorno a noi

• Come creare proposte insieme e facilitare una presa di decisione unanime

• Come definire specifici ruoli con l’assenso del gruppo e come far sì che i vari componenti possano realizzare un miglioramento collettivo nel tempo

• Come suddividere il lavoro e le varie competenze e responsabilità facendo sì che le informazioni possano circolare agilmente ed essere condivise.

Dove e quando

• Come impostare un confronto tra le persone e un sistema di feedback per imparare e migliorare che ci aiutino a migliorare continuamente

L’evento, in forma online e in presenza, sarà condotto da Pierre Houben. Il primo incontro dal nome “Introduzione alla Sociocrazia e al laboratorio” si terrà lunedì 21 settembre 2020 e avrà luogo in forma virtuale dalle ore 18.30 alle 20.30 sulla piattaforma zoom. Seguirà il “Laboratorio di Sociocrazia – Governance Dinamica” organizzato da Associazione Onda, che si svolgerà in presenza i giorni sabato 26 e domenica 27 settembre presso la Cascina Gallo, via Frustetto 1 a San Michele Mondovi (CN).

Il costo del corso è di 200 euro, con possibilità di riduzioni. Come specificato nel programma, «Se il vostro punto di equilibrio attuale è diverso, proponiamo a scalare contributi di 160 e 120 euro. Non chiederemo spiegazioni, abbiamo fiducia che sceglierete il vostro punto di equilibrio (e se ancora non ci fosse vi invitiamo a contattarci».

Per maggiori informazioni sul pernottamento e per i dettagli degli incontri è possibile consultare il sito dell’evento.

Articoli simili
Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni
Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni

Corviale Domani: la periferia abbandonata dalla cattiva amministrazione rinasce dal basso
Corviale Domani: la periferia abbandonata dalla cattiva amministrazione rinasce dal basso

Beni comuni: l’ex macello sia destinato a usi civici e collettivi
Beni comuni: l’ex macello sia destinato a usi civici e collettivi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk