Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
7 Set 2020

Prendere decisioni in maniera condivisa: come mettere in pratica la Sociocrazia

Scritto da: Lorena Di Maria

A Mondovì il 26 e 27 settembre avrà luogo il Laboratorio di Sociocrazia - Governance Dinamica condotto da Pierre Houben, per diffondere e far conoscere principi, valori e vantaggi del metodo decisionale in cui tutte le persone possono sentirsi riconosciute, lavorando insieme per realizzare uno scopo condiviso.

Diremmo che è impossibile sperimentare e realizzare un mondo in cui tutti sono ascoltati e nessuno è ignorato. Ma è davvero così? Conoscere i principi e mettere in pratica la sociocrazia potrebbe essere la soluzione giusta per farci vedere le cose da una nuova prospettiva e aiutarci a realizzare uno scopo condiviso.

A Mondovì, in provincia di Cuneo, avrà luogo un incontro di due giorni sulla Sociocrazia – Governance Dinamica organizzato da Sociocracy for All – italia, per imparare tutti i segreti dei processi decisionali. Il corso sarà tenuto da Pierre Houben, facilitatore, formatore e consulente. È membro di Transition Italia e co-fondatore di Sociocracy for All – italia. In questi anni è partito da alcuni personali interrogativi: «come possiamo organizzarci meglio in modo da essere più coinvolti e felici in ciò che realizziamo? Come possiamo prendere decisioni condivise che siano maggiormente supportate?». Proprio da queste domande Pierre aiuta e supporta i gruppi intenzionali e le organizzazioni a realizzare i loro progetti.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, bisogna sapere che la sociocrazia, come modello di governance, si diffonde in Olanda dagli anni ’70 grazie a Gerard Endenburg, facendosi conoscere anche all’estero per giungere poi in Italia. Viene applicata in ambiti anche molto diversi tra loro: dalle comunità intenzionali alle aziende, in qualsiasi contesto in cui ci sia la volontà di collaborare per realizzare uno scopo comune. Rappresenta insomma un metodo decisionale e organizzativo in cui ogni individuo è riconosciuto ed in questo modo l’intelligenza collettiva stimola una presa di decisione supportata da tutti.

«Obiettivo del corso è la messa a disposizione di strumenti e modelli operativi pratici e di immediata applicazione. Un laboratorio nel vero senso della parola: teoria quanto basta, pratica in piccoli gruppi per imparare “dagli errori” e per praticare nuovamente».

Come si legge su sito dell’evento, «al giorno d’oggi molte aziende, scuole, istituzioni, organizzazioni di rete e un numero crescente di gruppi intenzionali utilizzano la Sociocrazia, che può essere usata in tantissimi contesti organizzati, dove le persone vogliono realizzare qualcosa… insieme!».

Il corso

Durante il corso si sperimenteranno e si metteranno in pratica:

• La presa di decisioni e come poter apprendere e migliorare continuamente grazie ai feedback (ritorno di informazioni) delle persone intorno a noi

• Come creare proposte insieme e facilitare una presa di decisione unanime

• Come definire specifici ruoli con l’assenso del gruppo e come far sì che i vari componenti possano realizzare un miglioramento collettivo nel tempo

• Come suddividere il lavoro e le varie competenze e responsabilità facendo sì che le informazioni possano circolare agilmente ed essere condivise.

Dove e quando

• Come impostare un confronto tra le persone e un sistema di feedback per imparare e migliorare che ci aiutino a migliorare continuamente

L’evento, in forma online e in presenza, sarà condotto da Pierre Houben. Il primo incontro dal nome “Introduzione alla Sociocrazia e al laboratorio” si terrà lunedì 21 settembre 2020 e avrà luogo in forma virtuale dalle ore 18.30 alle 20.30 sulla piattaforma zoom. Seguirà il “Laboratorio di Sociocrazia – Governance Dinamica” organizzato da Associazione Onda, che si svolgerà in presenza i giorni sabato 26 e domenica 27 settembre presso la Cascina Gallo, via Frustetto 1 a San Michele Mondovi (CN).

Il costo del corso è di 200 euro, con possibilità di riduzioni. Come specificato nel programma, «Se il vostro punto di equilibrio attuale è diverso, proponiamo a scalare contributi di 160 e 120 euro. Non chiederemo spiegazioni, abbiamo fiducia che sceglierete il vostro punto di equilibrio (e se ancora non ci fosse vi invitiamo a contattarci».

Per maggiori informazioni sul pernottamento e per i dettagli degli incontri è possibile consultare il sito dell’evento.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il punto sul reddito di cittadinanza – Io Non Mi Rassegno #119

|

Quanta co2 indossiamo? Moda sostenibile alla Fashion Revolution Week

|

Genova e “Il ponte silenzioso”. Riflessioni di quasi due anni dopo

|

Banca Etica lancia i “cultura bond” per sostenere le imprese culturali in crisi

|

Tre amiche e un’idea nata “per caso” per valorizzare la Sicilia

|

“Ragazzi irresponsabili” e Italia che Cambia a Torino per il festival di Cinemambiente

|

Leila, la biblioteca degli oggetti apre alla condivisione dei saperi

|

Francesco Bernabei: dall’istruzione parentale alla finanza etica, storia di uno “sviluppatore del cambiamento”