21 Ott 2020

Le Galline Felici supportano la Sicilia Che Cambia!

Scritto da: Gabriele Giannetto

Una proposta di rinuncia agli sconti per sostenere l’attivazione del progetto Sicilia che Cambia, per raccontare, mappare e mettere in rete le realtà virtuose siciliane. È l’iniziativa promossa da Roberto Li Calzi del consorzio Le Galline Felici, tra i pionieri dell’economia solidale sull’isola e partner storico di Italia che Cambia.

Sicilia - Le Galline Felici è uno dei progetti pionieri di consumo critico ed economia solidale in Sicilia. Nato più di dieci anni fa grazie all’iniziativa di Roberto Li Calzi, oggi è un consorzio che riunisce decine di realtà ed è conosciuto a livello europeo.

Il consorzio mette insieme tanti produttori agricoli dediti all’agricoltura biologica e serve numerosi Gas (gruppi di acquisto solidali) al centro-nord Italia e all’estero. Riunisce siciliani innamorati della propria terra e determinati ad agire per cambiare.

SICILIA CHE CAMBIA 2 1024x683 1
Roberto Li Calzi insieme ad alcune partecipanti all’incontro del 23 febbraio scorso sul progetto Sicilia che Cambia

Dall’incontro con Italia Che Cambia è nata una sinergia speciale. In questi anni, infatti, sono stati i principali sostenitori del progetto regionale Sicilia Che Cambia. Con l’intento comune di valorizzare e raccontare le storie di cambiamento in atto e dunque creare una rete sul territorio hanno, da poco, promosso l’iniziativa di “proposta di rinuncia agli sconti” rivolta ai Gas per supportare attivamente il progetto regionale.

Siamo contenti per il loro prezioso sostegno e fiduciosi che il loro aiuto possa stimolare altri – singoli o gruppi – ad attivare sane e interessanti collaborazioni. Sentiamo l’esigenza di continuare a raccontare un’altra Italia, un’altra Sicilia, diversa da quell’immagine di crisi e decadenza che i mass media ci restituiscono ogni giorno. Un’isola piena di storie interessanti e progetti di cambiamento che meritano di essere raccontati.

Una moltitudine di esperienze virtuose, spesso poco conosciute, dei veri e propri tesori nascosti, fatti di persone, organizzazioni, aziende che mettono al centro la sostenibilità umana e ambientale, di giovani che scelgono con gioia di tornare alla terra o di realizzare progetti di integrazione sociale e tanto altro ancora. Questa Sicilia sta costruendo silenziosamente un nuovo paradigma culturale e un nuovo modo di vivere e agire. Insieme vogliamo creare uno strumento a disposizione delle realtà siciliane che lavorano per il cambiamento.

Se volete saperne di più vi invitiamo a scriverci all’indirizzo mail: siciliachecambia@gmail.com

Di seguito trovate il link del comunicato delle Galline Felici.
Prendi parte anche tu al cambiamento!

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Imprenditori sovversivi: lavorare meno, ma meglio

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova
The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

Italia che Cambia è su Lilo, il Google virtuoso

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti