20 Nov 2020

Cibo e agricoltura, una chiamata alle idee per la creazione di filiere sostenibili

Scritto da: Selena Meli

Ripensare la produzione agricola e alimentare in un’ottica di resilienza e circolarità, favorendo la creazione di filiere virtuose e sostenibili. Questo l’obiettivo della Challenge Lab di EIT Food, una chiamata rivolta a tutti coloro che si occupano di cibo e agricoltura per proporre soluzioni innovative per la costruzione di un modello produttivo etico e competitivo.

Dal 3 novembre al 3 dicembre 2020 sono aperte le iscrizioni per partecipare al Challenge Lab di EIT Food, l’Istituto europeo di innovazione e tecnologia, organismo indipendente dell’Unione europea creato per coinvolgere i territori locali a partecipare in modo attivo all’avanzamento della conoscenza sui temi legati al mondo del cibo.

A ospitare virtualmente l’unica tappa siciliana sarà per il secondo anno consecutivo Impact Hub Siracusa. L’evento si terrà in modalità digitale dal 9 al 19 dicembre: undici giorni in cui si alterneranno momenti di plenaria e momenti di lavoro in “stanze” separate per ripensare insieme la produzione agricola e la filiera del food, avendo come riferimenti la cura del territorio, le relazioni fra i produttori e la creazione di filiere sostenibili.

cibo agricoltura

La domanda a cui sono chiamati a rispondere i partecipanti, emersa da vari focus group, è anche una sfida: Come possiamo usare innovazione, tecnologia e reti umane e sociali per generare flussi di cassa integrativi e a cascata per l’impresa agricola in un’ottica circolare e rigenerativa?

La call for solution è aperta a tutti, in particolare a coloro che si occupano di agricoltura e di food: imprese produttrici, industrie per la trasformazione del cibo, consorzi, istituti di ricerca, professionisti e ricercatori specializzati, agricoltori, founder di startup innovative di settore, mondo accademico, formatori, investitori, consumatori consapevoli che potranno proporre il proprio progetto iscrivendosi gratuitamente al seguente link.

Ti è piaciuto questo contenuto? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Le proposte più votate dagli altri partecipanti saranno oggetto del lavoro collettivo che si svolgerà nei giorni del Challenge e concorreranno ad aggiudicarsi i premi messi in palio dai diversi partner dell’iniziativa.

Un’occasione importante per partecipare in modo attivo alla costruzione di soluzioni concrete per le imprese che vogliono adottare un modello produttivo etico e sostenibile senza rinunciare a una collocazione competitiva sui mercati.

L’iscrizione al Challenge Lab è gratuita. Qui trovate tutte le informazioni su come iscrivervi e presentare la vostra proposta!

L’evento è supportato dal progetto Enisie del programma Interreg Italia-Malta, dal dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania, Star Boost Academy, The Valletta Design Cluster.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5