20 Nov 2020

Cibo e agricoltura, una chiamata alle idee per la creazione di filiere sostenibili

Scritto da: Selena Meli

Ripensare la produzione agricola e alimentare in un’ottica di resilienza e circolarità, favorendo la creazione di filiere virtuose e sostenibili. Questo l’obiettivo della Challenge Lab di EIT Food, una chiamata rivolta a tutti coloro che si occupano di cibo e agricoltura per proporre soluzioni innovative per la costruzione di un modello produttivo etico e competitivo.

Dal 3 novembre al 3 dicembre 2020 sono aperte le iscrizioni per partecipare al Challenge Lab di EIT Food, l’Istituto europeo di innovazione e tecnologia, organismo indipendente dell’Unione europea creato per coinvolgere i territori locali a partecipare in modo attivo all’avanzamento della conoscenza sui temi legati al mondo del cibo.

A ospitare virtualmente l’unica tappa siciliana sarà per il secondo anno consecutivo Impact Hub Siracusa. L’evento si terrà in modalità digitale dal 9 al 19 dicembre: undici giorni in cui si alterneranno momenti di plenaria e momenti di lavoro in “stanze” separate per ripensare insieme la produzione agricola e la filiera del food, avendo come riferimenti la cura del territorio, le relazioni fra i produttori e la creazione di filiere sostenibili.

cibo agricoltura

La domanda a cui sono chiamati a rispondere i partecipanti, emersa da vari focus group, è anche una sfida: Come possiamo usare innovazione, tecnologia e reti umane e sociali per generare flussi di cassa integrativi e a cascata per l’impresa agricola in un’ottica circolare e rigenerativa?

La call for solution è aperta a tutti, in particolare a coloro che si occupano di agricoltura e di food: imprese produttrici, industrie per la trasformazione del cibo, consorzi, istituti di ricerca, professionisti e ricercatori specializzati, agricoltori, founder di startup innovative di settore, mondo accademico, formatori, investitori, consumatori consapevoli che potranno proporre il proprio progetto iscrivendosi gratuitamente al seguente link.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Le proposte più votate dagli altri partecipanti saranno oggetto del lavoro collettivo che si svolgerà nei giorni del Challenge e concorreranno ad aggiudicarsi i premi messi in palio dai diversi partner dell’iniziativa.

Un’occasione importante per partecipare in modo attivo alla costruzione di soluzioni concrete per le imprese che vogliono adottare un modello produttivo etico e sostenibile senza rinunciare a una collocazione competitiva sui mercati.

L’iscrizione al Challenge Lab è gratuita. Qui trovate tutte le informazioni su come iscrivervi e presentare la vostra proposta!

L’evento è supportato dal progetto Enisie del programma Interreg Italia-Malta, dal dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania, Star Boost Academy, The Valletta Design Cluster.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
I vini “eroici” della Liguria:  La Polenza racconta la vita in vigna
I vini “eroici” della Liguria: La Polenza racconta la vita in vigna

Con il pretesto della guerra in Ucraina il Parlamento invita il Governo ad aprire alla coltivazione di OGM
Con il pretesto della guerra in Ucraina il Parlamento invita il Governo ad aprire alla coltivazione di OGM

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355
In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità