20 Nov 2020

Cibo e agricoltura, una chiamata alle idee per la creazione di filiere sostenibili

Scritto da: Selena Meli

Ripensare la produzione agricola e alimentare in un’ottica di resilienza e circolarità, favorendo la creazione di filiere virtuose e sostenibili. Questo l’obiettivo della Challenge Lab di EIT Food, una chiamata rivolta a tutti coloro che si occupano di cibo e agricoltura per proporre soluzioni innovative per la costruzione di un modello produttivo etico e competitivo.

Salva nei preferiti

Dal 3 novembre al 3 dicembre 2020 sono aperte le iscrizioni per partecipare al Challenge Lab di EIT Food, l’Istituto europeo di innovazione e tecnologia, organismo indipendente dell’Unione europea creato per coinvolgere i territori locali a partecipare in modo attivo all’avanzamento della conoscenza sui temi legati al mondo del cibo.

A ospitare virtualmente l’unica tappa siciliana sarà per il secondo anno consecutivo Impact Hub Siracusa. L’evento si terrà in modalità digitale dal 9 al 19 dicembre: undici giorni in cui si alterneranno momenti di plenaria e momenti di lavoro in “stanze” separate per ripensare insieme la produzione agricola e la filiera del food, avendo come riferimenti la cura del territorio, le relazioni fra i produttori e la creazione di filiere sostenibili.

cibo agricoltura

La domanda a cui sono chiamati a rispondere i partecipanti, emersa da vari focus group, è anche una sfida: Come possiamo usare innovazione, tecnologia e reti umane e sociali per generare flussi di cassa integrativi e a cascata per l’impresa agricola in un’ottica circolare e rigenerativa?

La call for solution è aperta a tutti, in particolare a coloro che si occupano di agricoltura e di food: imprese produttrici, industrie per la trasformazione del cibo, consorzi, istituti di ricerca, professionisti e ricercatori specializzati, agricoltori, founder di startup innovative di settore, mondo accademico, formatori, investitori, consumatori consapevoli che potranno proporre il proprio progetto iscrivendosi gratuitamente al seguente link.

Le proposte più votate dagli altri partecipanti saranno oggetto del lavoro collettivo che si svolgerà nei giorni del Challenge e concorreranno ad aggiudicarsi i premi messi in palio dai diversi partner dell’iniziativa.

Un’occasione importante per partecipare in modo attivo alla costruzione di soluzioni concrete per le imprese che vogliono adottare un modello produttivo etico e sostenibile senza rinunciare a una collocazione competitiva sui mercati.

L’iscrizione al Challenge Lab è gratuita. Qui trovate tutte le informazioni su come iscrivervi e presentare la vostra proposta!

L’evento è supportato dal progetto Enisie del programma Interreg Italia-Malta, dal dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania, Star Boost Academy, The Valletta Design Cluster.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Come va l’agricoltura in Sardegna? Ecco una fotografia scattata da chi lavora “sul campo”
Come va l’agricoltura in Sardegna? Ecco una fotografia scattata da chi lavora “sul campo”

Terra Masta diffonde nel napoletano l’agricoltura naturale e sinergica
Terra Masta diffonde nel napoletano l’agricoltura naturale e sinergica

Crisi agricola e proteste degli agricoltori: qual è la verità? – A tu per tu + #14
Crisi agricola e proteste degli agricoltori: qual è la verità? – A tu per tu + #14

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "nazionale"