22 Feb 2021

Alkantara fest: musica e socialità per raccontare la Sicilia

Scritto da: Gabriele Giannetto

Alkantara fest è una rassegna musicale che si tiene ogni anno ai piedi dell'Etna per valorizzare arte, cultura e territorio siciliani. Il programma è ricco ed eterogeneo e va dall'esibizione di band locali e internazionali a eventi per bambini, fino a trekking nei dintorni.

Catania - Tra le tappe catanesi del tour estivo in Sicilia abbiamo incontrato Paolo Costa, gestore insieme alla moglie del b&b Sotto i pini, e Mario Gulisano, direttore artistico di Alkantara Fest, la cui 14esima edizione è stata ospitata proprio dalla struttura di Paolo, grazie a una sinergia nata tre anni fa dall’incontro con l’associazione culturale Darshan.

Paolo ci racconta come il b&b sia nato dopo la decisione di vivere in un immobile ereditato dalla moglie a pochi chilometri dal centro di Zafferana Etnea. Situato vicino il vulcano dell’Etna, tra Catania e Acireale, sorge in una villa panoramica con alle spalle  un terreno di tre ettari coltivato a vigneto, con alberi da frutta ed ulivi.

«Lo scopo – racconta – è stato quello di recuperare i terreni di famiglia semi-abbandonati, vivere secondo ritmi più consoni a una ricerca del ben-essere che prescinda dall’aspetto puramente economico e avere una redditività aziendale che permetta di condividere con altri il lavoro e quindi di dare ad altri la possibilità di una giusta remunerazione».

L’associazione culturale Darshan invece, si occupa da anni di valorizzazione e diffusione della musica colta e delle tradizioni musicali della Sicilia, da un lato rappresentando artisti e gruppi di artisti per promuovere il loro sviluppo e incrementare le loro possibilità di crescita professionale, dall’altro realizzando una programmazione concertistica regolare e di ampio valore artistico attraverso il confronto con le altre culture europee.

alkantara fest 1
Foto di Nadia Arancio tratta dalla pagina facebook @Alkantarafest.folkworldmusic

L’Associazione ha ospitato negli ultimi dieci anni centinaia di artisti siciliani e internazionali, attestandosi come uno dei più importanti organizzatori siciliani riconosciuto nel territorio nazionale. L’ambizioso obiettivo è quello di innescare un percorso virtuoso di sviluppo culturale del territorio etneo, partendo dalla musica per espandersi in altri settori.

«Da qui è nata l’idea di unire le forze e investire sul privato, cioè di avere uno spazio privato che possa diventare pubblico», racconta Gulisano. Dopo alcune difficoltà organizzative incontrate con le amministrazioni comunali, adesso c’è la disponibilità di uno spazio privato ideale per progettare gli eventi con largo anticipo.

alkantara fest 2
Foto di Nadia Arancio tratta dalla pagina facebook @Alkantarafest.folkworldmusic

Per una notte anche noi ci siamo immersi nell’atmosfera del festival, abbiamo goduto della musica dei Kolonien (una scoperta personale fantastica, vi invito ad ascoltarli), di una doccia nel b&b e della gioia dei partecipanti.

Alkantara fest si tiene tutti gli anni tra la fine di luglio e l’inizio di agosto; di solito vengono proposti diversi concerti, a cui si aggiungono spettacoli per bambini, teatro musicale, animazione e altre attività come yoga ed escursioni nel territorio, in particolare sull’Etna. Per scoprire la Sicilia attraverso la musica, l’arte e la condivisione, Alkantara fest è una tappa da tener d’occhio.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Archi di Pasqua di San Biagio Platani: lo scultore Salvatore Navarra racconta l’orgoglio della comunità
Archi di Pasqua di San Biagio Platani: lo scultore Salvatore Navarra racconta l’orgoglio della comunità

Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento

Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi
Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?