13 Apr 2021

A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

Scritto da: Lorena Di Maria

Un bosco in città per migliorare la qualità della vita e abbattere le emissioni climalteranti. È questo il progetto di forestazione che verrà avviato nei prossimi mesi a Torino all’interno del parco Sangone e ospiterà specie autoctone, incentivando un modello di sviluppo che veda negli alberi una componente fondamentale per la rigenerazione urbana.

Qual è il potere terapeutico degli alberi? Sono tante le occasioni in cui abbiamo avuto modo di raccontarvi gli enormi benefici delle piante. Tra dialoghi con esperti, esperienze di cittadinanza attiva e approfondimenti sulla botanica risulta chiaro che il nostro legame con la natura può cambiare profondamente la qualità della nostra vita. E qual è, poi, il potere degli alberi nelle nostre città?

Un albero è capace di assorbire mediamente fino a 20 kg di CO2 all’anno e i grandi alberi presenti all’interno delle aree urbane sono degli eccellenti filtri di agenti inquinanti. Ma non solo. Un ettaro di bosco può assorbire fino a 5 tonnellate di CO2 all’anno e le aree verdi in ambiti urbani aiutano ad abbassare la temperatura dell’aria dai 2°C agli 8°C, migliorando la qualità dell’aria, facendo risparmiare sui costi del riscaldamento e del raffrescamento. Secondo questi dati, riportati da Legambiente, è proprio da qui che deve partire la sfida delle nostre città, perché senza alberi non c’è futuro.

Bosco Urbano1

Proprio a partire da queste riflessioni vi raccontiamo un nuovo progetto che a Torino prevede la nascita di una grande foresta urbana grazie alla piantumazione di migliaia di alberi, creando un nuovo polmone in città. Il luogo non è casuale: in diverse occasioni abbiamo denunciato il “mal d’aria” che si respira qui a causa dell’inquinamento che è spesso e volentieri al di sopra dei limiti consentiti. La stessa Torino che però, in questi anni, sta scommettendo sempre di più su progetti di piantumazione e creazione di nuove oasi verdi.

E se pensiamo che tra gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu ce n’è uno, ovvero l’Obiettivo 11, che intende “rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili”, perché non ripartire proprio dalla vegetazione? Il progetto di forestazione urbana verrà realizzato nel Parco Sangone, nel quartiere di Mirafiori Sud, e prevede la messa a dimora di circa 35 mila nuovi alberi che porteranno grandi benefici per l’ambiente e per l’intera collettività.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Nascerà dunque un bosco urbano con alberi e arbusti in un’area di oltre 2 ettari con differenti specie di piante autoctone tra cui pioppo nero, frassino, bagolaro, tiglio, acero, viburno, sambuco che, a regime, consentiranno l’assorbimento di oltre 100 tonnellate di CO2 e di oltre 400 kg di PM10 all’anno.

Bosco Urbano

Il progetto verrà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune di Torino, RINA e Arbolia, società benefit di Snam e Fondazione CDP, che sta sviluppando nuove aree verdi in Italia. Le attività di piantumazione inizieranno nei prossimi giorni e si concluderanno entro la fine del mese di aprile, con l’obiettivo di creare un modello di sviluppo urbano più sostenibile e resiliente, attraverso una strategia che vede il potenziamento di nuovi servizi eco-sistemici generati dal territorio che favoriscano la biodiversità e creino nuovi spazi aggregativi di qualità.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’attentato in Afghanistan e il dramma di un paese abbandonato – Io Non Mi Rassegno #365

|

Sfusi e Riusi: il negozio alla spina che dà lavoro alle persone fragili

|

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo

|

Cambiamo approccio e facciamo in modo che il contagio si diffonda!

|

MUSE FabLab: promoviamo la cultura della riparazione

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali