13 Apr 2021

A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

Scritto da: Lorena Di Maria

Un bosco in città per migliorare la qualità della vita e abbattere le emissioni climalteranti. È questo il progetto di forestazione che verrà avviato nei prossimi mesi a Torino all’interno del parco Sangone e ospiterà specie autoctone, incentivando un modello di sviluppo che veda negli alberi una componente fondamentale per la rigenerazione urbana.

Torino - Qual è il potere terapeutico degli alberi? Sono tante le occasioni in cui abbiamo avuto modo di raccontarvi gli enormi benefici delle piante. Tra dialoghi con esperti, esperienze di cittadinanza attiva e approfondimenti sulla botanica risulta chiaro che il nostro legame con la natura può cambiare profondamente la qualità della nostra vita. E qual è, poi, il potere degli alberi nelle nostre città?

Un albero è capace di assorbire mediamente fino a 20 kg di CO2 all’anno e i grandi alberi presenti all’interno delle aree urbane sono degli eccellenti filtri di agenti inquinanti. Ma non solo. Un ettaro di bosco può assorbire fino a 5 tonnellate di CO2 all’anno e le aree verdi in ambiti urbani aiutano ad abbassare la temperatura dell’aria dai 2°C agli 8°C, migliorando la qualità dell’aria, facendo risparmiare sui costi del riscaldamento e del raffrescamento. Secondo questi dati, riportati da Legambiente, è proprio da qui che deve partire la sfida delle nostre città, perché senza alberi non c’è futuro.

Bosco Urbano1

Proprio a partire da queste riflessioni vi raccontiamo un nuovo progetto che a Torino prevede la nascita di una grande foresta urbana grazie alla piantumazione di migliaia di alberi, creando un nuovo polmone in città. Il luogo non è casuale: in diverse occasioni abbiamo denunciato il “mal d’aria” che si respira qui a causa dell’inquinamento che è spesso e volentieri al di sopra dei limiti consentiti. La stessa Torino che però, in questi anni, sta scommettendo sempre di più su progetti di piantumazione e creazione di nuove oasi verdi.

E se pensiamo che tra gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu ce n’è uno, ovvero l’Obiettivo 11, che intende “rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili”, perché non ripartire proprio dalla vegetazione? Il progetto di forestazione urbana verrà realizzato nel Parco Sangone, nel quartiere di Mirafiori Sud, e prevede la messa a dimora di circa 35 mila nuovi alberi che porteranno grandi benefici per l’ambiente e per l’intera collettività.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Nascerà dunque un bosco urbano con alberi e arbusti in un’area di oltre 2 ettari con differenti specie di piante autoctone tra cui pioppo nero, frassino, bagolaro, tiglio, acero, viburno, sambuco che, a regime, consentiranno l’assorbimento di oltre 100 tonnellate di CO2 e di oltre 400 kg di PM10 all’anno.

Bosco Urbano

Il progetto verrà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune di Torino, RINA e Arbolia, società benefit di Snam e Fondazione CDP, che sta sviluppando nuove aree verdi in Italia. Le attività di piantumazione inizieranno nei prossimi giorni e si concluderanno entro la fine del mese di aprile, con l’obiettivo di creare un modello di sviluppo urbano più sostenibile e resiliente, attraverso una strategia che vede il potenziamento di nuovi servizi eco-sistemici generati dal territorio che favoriscano la biodiversità e creino nuovi spazi aggregativi di qualità.

Articoli simili
“Difendere il mare non è un crimine!”

E se provassimo a non estinguerci? – Matrix è dentro di noi #5
E se provassimo a non estinguerci? – Matrix è dentro di noi #5

“Insegniamo alle nuove generazioni che il territorio del Beigua è un patrimonio da tutelare”
“Insegniamo alle nuove generazioni che il territorio del Beigua è un patrimonio da tutelare”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone