Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
13 Apr 2018

Biofilia: ecco come la natura può cambiarci la vita

Scritto da: Emanuela Sabidussi

“Riconnettersi con la natura è rigenerativo, offre nuove energie e rafforza le motivazioni al cambiamento”. Ecco la nostra intervista al biologo e ricercatore Giuseppe Barbiero che ci ha parlato di biofilia e spiegato perché un certo tipo di progettazione degli ambienti può migliorare la qualità della nostra vita quotidiana.

Progettare gli ambienti artificiali rispettando il nostro legame innato con la natura può cambiare la qualità della nostra vita quotidiana. In che modo? Ne abbiamo parlato con il biologo e ricercatore Giuseppe Barbiero, tra i docenti del primo modulo del percorso formativo “Progettare il Cambiamento” che si terrà dal 27 aprile al 1 maggio presso l’ecovillaggio Tempo di Vivere, in Emilia.

biofilia

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

Quali saranno i concetti di cui si parlerà nel corso e in che modo serviranno a produrre un cambiamento nella vita dei partecipanti?

Nel corso parleremo di biofilia, il nostro legame innato con la Natura. Vedremo come sia stata formulata un’ipotesi scientifica su questo legame e di come gli scienziati siano riusciti a verificarne sperimentalmente le sue caratteristiche. Vedremo poi come queste conoscenze scientifiche possano aiutarci nel progettare gli spazi artificiali di cui abbiamo bisogno, dalle piccole stanze di casa fino ai piani urbanistici di una città.

L’idea che una progettazione biofilica possa cambiare la qualità del nostro vivere quotidiano è nota da tempo, tanto che le certificazioni edilizie più avanzate hanno implementato la progettazione biofilica nel cosiddetto biophilic design. Vedremo infine quali caratteristiche e quale formazione deve avere un buon biophilic designer.

Quali sono a tuo avviso gli ostacoli principali che chi vuole cambiare vita deve superare, sia dal punto di vista pratico che da quello mentale?
Nel caso della progettazione biofilica, gli ostacoli sono veramente molto pochi. È sufficiente acquisire un minimo di competenze sulla propria connessione con la Natura e sulle caratteristiche degli ambienti rigenerativi. La progettazione biofilica può far parte sia di un programma di graduale modifica del proprio stile di vita, sia di un programma di conversione più radicale della propria esistenza. In ogni caso la progettazione biofilica è un coadiuvante al cambiamento, perché riconnettersi con la Natura è di per sé rigenerativo, offrendo nuove energie e rafforzando le motivazioni al cambiamento.

biofilia-1

Che ruolo rivestono in questo percorso gli esempi di chi l’ha già fatto? Ce ne puoi citare qualcuno?
Nel mondo ci sono centinaia di esempi di progettazione biofilica con certificazione Living Building Challenge. Gli esempi di chi ha adottato la progettazione biofilica sono fondamentali, perché si può scientificamente dimostrare che un ambiente biofilico è sempre più rigenerativo di un ambiente che non lo è. La nostra storia evolutiva ha fornito gli adattamenti alla struttura genetica affinché il contatto con la Natura abbia effetti positivi sulla nostra capacità di attenzione, sulla nostra creatività, sul nostro equilibrio emotivo.

Cosa ti aspetti da questi giorni di corso?
Mi attendo un cenacolo di persone curiose e attente, ognuna con il proprio patrimonio di conoscenze ed esperienze, aperte all’ascolto e disposte allo scambio. Sarà sicuramente un momento arricchente per tutti.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Cosa prevede la nuova proposta Ue sui migranti – Io Non Mi Rassegno #216

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente

|

Zero Waste Italy: ecco come fermare lo spreco di mascherine nelle scuole

|

Glori: The Place To be, il borgo dove rinasce la comunità e si recuperano le terre – Io faccio così #300

|

La Bargazzina, l’azienda dei contadini scienziati che promuovono la cultura delle piante – Piccoli produttori #5

|

Officina del Fare e del Sapere: la scuola che punta su esperienza diretta ed educazione diffusa