21 Mag 2021

Madre Natura Educamp: attività in natura per riscoprire noi stessi e l’ecosistema

Scritto da: Redazione

La società moderna ci sta separando sempre di più dal contesto naturale a cui apparteniamo, generando una serie di conseguenze negative che rischiano di condizionare la vita degli adulti di oggi e di domani. Partendo da questa constatazione, Luca e Silvia hanno creato Madre Natura Educamp, un progetto che propone una serie di attività all'aria aperta volte a riscoprire il legame con l'ecosistema e a ristabilire un benessere psico-fisico interiore ed esteriore.

Arezzo, Toscana - «Forse è un po’da pazzi investire in un progetto nel periodo che stiamo vivendo… ma a noi sembra ancora più folle smettere di sognare e vogliamo provare a cambiare in meglio (nel nostro piccolo) la realtà che ci circonda». A parlare sono Silvia Matteucci e Luca Osscech, fondatori di Madre Natura Educamp Asd, un progetto nato dalla loro passione quotidiana per l’avventura e la vita in armonia con Madre Natura, per l’ascolto interiore, per la relazione umana, per la crescita personale e soprattutto dalla volontà di trasmettere queste passioni alle nuove generazioni.

«Proponiamo esperienze in Natura in cui sia bambini che adulti possano imparare e sperimentare tecniche e attività divertenti e significative per conoscere da vicino l’ecosistema e loro stessi. Apprenderanno così strumenti e competenze preziose che arricchiranno la loro Vita per vivere il mondo con occhi sempre nuovi!».

madre natura educamp 1

«Partiamo da un concetto per noi fondamentale», proseguono i due fondatori. «Noi siamo natura e più stiamo in contatto con essa, più diminuisce il senso di separazione che – in particolare in questa fase che stiamo vivendo –, si fa sentire. Per poter correre e spiccare il volo stiamo rischiando di sradicarci e perdere il controllo. Da piccoli il nostro collegamento e il senso di appartenenza sono innati, ma nella nostra società moderna, tecnologica, frenetica, perdiamo velocemente questa connessione, trovando un’apparente zona di comfort nella tecnologia e nel consumismo inconsapevole che la nostra società ci propone. Ma con quali conseguenze?».

Come risolvere tutto questo? «Come abbiamo già detto la prima cosa é stare il più possibile in natura! Viverla e fare più attività in un contesto naturale». Questa pratica comporta diversi benefici: intanto ci rendiamo conto che considerarci separati dalla natura é un’illusione. Poi diminuiscono i nostri bisogni indotti e diventiamo più creativi, riprendendo le nostre capacità manuali per autoprodurre quello che è veramente essenziale e importante per noi, aldilà dei condizionamenti. Così facendo, diventiamo più autosufficienti e autonomi, capaci anche di creare una rete di contatti reali.

madre natura educamp 2

«Il contatto con la Natura inoltre – aggiungono Silvia e Luca – ci porta a uno stato di rilassamento mentale, emozionale e fisico. Spontaneamente è possibile in poco tempo sentire una notevole riduzione di emozioni negative quali stress, ansia, rabbia a beneficio del nostro rapporto con noi stessi e il prossimo. Con i suoi innumerevoli stimoli, questa relazione ci porta a essere più presenti e consapevoli, quindi ad avere una più profonda attenzione e concentrazione; per questo motivo oggi sempre più si dà  importanza alla Natura come aula ideale di apprendimento».

Ma cosa si potrà fare nello specifico a Madre Natura Educamp? Si passa dalle attività di sopravvivenza primitiva all’emulazione della abilità dei nostri antenati, dalla biodanza al contatto con il regno delle emozioni, dagli strumenti antichi e moderni relazionali alla meditazione, al riciclo creativo, all’autoproduzione e a tanto altro. «Il bambino/ragazzo e l’adulto sperimentano loro stessi e la natura come una cosa sola, il senso di appartenenza, riacquistando contatto con la loro forza intuitiva e sicurezza di sé», spiegano Silvia e Luca.

Gli istruttori non vogliono solo intrattenere e trasferire informazioni per accrescere le competenze, ma stimolare la curiosità affinché il processo di apprendimento duri tutta la vita. Il loro desiderio è accompagnare i partecipanti in un viaggio interiore, guidati dalla saggezza della Natura, attraverso attività di scoperta, avventura, ascolto, silenzio, connessione che mirano a tirare fuori la loro unicità, le emozioni, i talenti e i desideri, in un’atmosfera di rispetto, amicizia, accoglienza e in assenza di competizione e giudizio.

«Le aspettative su bambini e ragazzi sono spesso così elevate che essi si ritrovano a perdere il contatto con la propria identità, quando invece sarebbero in grado di essere autentici e in armonia. Alla fine dell’EduCamp in Natura li salutiamo augurando loro di crescere senza una maschera, di evolversi per quello che sono e non per quello che la società richiede che siano».

madre natura educamp 3

In chiusura, un accenno alle attività in partenza nei prossimi mesi: «A partire da quest’anno sono in calendario Educamp in natura estivi – sia settimanali che con la formula long weekend – in Toscana per bambini/e e ragazzi/e dagli 8 ai 13 anni e dai 14 ai 18 anni. Dal 2022 le settimane e i long weekend Educamp in Natura saranno anche per adulti. In particolare proporremo corsi di sopravvivenza ed educazione primitiva per ragazzi e adulti, sia per gli appassionati sia per chi ne vuole fare una professione; eventi e corsi di Biodanza; trekking survival e forest connection trekking; team building in Natura.

La sede del progetto si trova in Toscana, in provincia di Arezzo, ospite della bellissima vallata della Valtiberina, a pochi chilometri dal suggestivo borgo di Anghiari (AR), nell’area parco/boschiva del Castello di Sorci, immersa nel verde, con una bellissima vista panoramica sulle vallate, fra colline di querceti e natura incontaminata.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Istruzione, merito, umiliazione… Che futuro per la scuola italiana? – A tu per tu + #3
Istruzione, merito, umiliazione… Che futuro per la scuola italiana? – A tu per tu + #3

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43
Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

Una Preside risponde alla famiglia finlandese: “Credo nella contaminazione fra scuola scandinava e italiana”
Una Preside risponde alla famiglia finlandese: “Credo nella contaminazione fra scuola scandinava e italiana”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Myanmar, le responsabilità dell’occidente a due anni dal golpe – #663

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

|

Il messaggio di nonviolenza di Ghandi settantacinque anni dopo

|

Monte San Primo: i cittadini si mobilitano per salvare la montagna dal business del turismo

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli