21 Mag 2021

Madre Natura Educamp: attività in natura per riscoprire noi stessi e l’ecosistema

Scritto da: Redazione

La società moderna ci sta separando sempre di più dal contesto naturale a cui apparteniamo, generando una serie di conseguenze negative che rischiano di condizionare la vita degli adulti di oggi e di domani. Partendo da questa constatazione, Luca e Silvia hanno creato Madre Natura Educamp, un progetto che propone una serie di attività all'aria aperta volte a riscoprire il legame con l'ecosistema e a ristabilire un benessere psico-fisico interiore ed esteriore.

«Forse è un po’da pazzi investire in un progetto nel periodo che stiamo vivendo… ma a noi sembra ancora più folle smettere di sognare e vogliamo provare a cambiare in meglio (nel nostro piccolo) la realtà che ci circonda». A parlare sono Silvia Matteucci e Luca Osscech, fondatori di Madre Natura Educamp Asd, un progetto nato dalla loro passione quotidiana per l’avventura e la vita in armonia con Madre Natura, per l’ascolto interiore, per la relazione umana, per la crescita personale e soprattutto dalla volontà di trasmettere queste passioni alle nuove generazioni.

«Proponiamo esperienze in Natura in cui sia bambini che adulti possano imparare e sperimentare tecniche e attività divertenti e significative per conoscere da vicino l’ecosistema e loro stessi. Apprenderanno così strumenti e competenze preziose che arricchiranno la loro Vita per vivere il mondo con occhi sempre nuovi!».

madre natura educamp 1

«Partiamo da un concetto per noi fondamentale», proseguono i due fondatori. «Noi siamo natura e più stiamo in contatto con essa, più diminuisce il senso di separazione che – in particolare in questa fase che stiamo vivendo –, si fa sentire. Per poter correre e spiccare il volo stiamo rischiando di sradicarci e perdere il controllo. Da piccoli il nostro collegamento e il senso di appartenenza sono innati, ma nella nostra società moderna, tecnologica, frenetica, perdiamo velocemente questa connessione, trovando un’apparente zona di comfort nella tecnologia e nel consumismo inconsapevole che la nostra società ci propone. Ma con quali conseguenze?».

Come risolvere tutto questo? «Come abbiamo già detto la prima cosa é stare il più possibile in natura! Viverla e fare più attività in un contesto naturale». Questa pratica comporta diversi benefici: intanto ci rendiamo conto che considerarci separati dalla natura é un’illusione. Poi diminuiscono i nostri bisogni indotti e diventiamo più creativi, riprendendo le nostre capacità manuali per autoprodurre quello che è veramente essenziale e importante per noi, aldilà dei condizionamenti. Così facendo, diventiamo più autosufficienti e autonomi, capaci anche di creare una rete di contatti reali.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

madre natura educamp 2

«Il contatto con la Natura inoltre – aggiungono Silvia e Luca – ci porta a uno stato di rilassamento mentale, emozionale e fisico. Spontaneamente è possibile in poco tempo sentire una notevole riduzione di emozioni negative quali stress, ansia, rabbia a beneficio del nostro rapporto con noi stessi e il prossimo. Con i suoi innumerevoli stimoli, questa relazione ci porta a essere più presenti e consapevoli, quindi ad avere una più profonda attenzione e concentrazione; per questo motivo oggi sempre più si dà  importanza alla Natura come aula ideale di apprendimento».

Ma cosa si potrà fare nello specifico a Madre Natura Educamp? Si passa dalle attività di sopravvivenza primitiva all’emulazione della abilità dei nostri antenati, dalla biodanza al contatto con il regno delle emozioni, dagli strumenti antichi e moderni relazionali alla meditazione, al riciclo creativo, all’autoproduzione e a tanto altro. «Il bambino/ragazzo e l’adulto sperimentano loro stessi e la natura come una cosa sola, il senso di appartenenza, riacquistando contatto con la loro forza intuitiva e sicurezza di sé», spiegano Silvia e Luca.

Gli istruttori non vogliono solo intrattenere e trasferire informazioni per accrescere le competenze, ma stimolare la curiosità affinché il processo di apprendimento duri tutta la vita. Il loro desiderio è accompagnare i partecipanti in un viaggio interiore, guidati dalla saggezza della Natura, attraverso attività di scoperta, avventura, ascolto, silenzio, connessione che mirano a tirare fuori la loro unicità, le emozioni, i talenti e i desideri, in un’atmosfera di rispetto, amicizia, accoglienza e in assenza di competizione e giudizio.

«Le aspettative su bambini e ragazzi sono spesso così elevate che essi si ritrovano a perdere il contatto con la propria identità, quando invece sarebbero in grado di essere autentici e in armonia. Alla fine dell’EduCamp in Natura li salutiamo augurando loro di crescere senza una maschera, di evolversi per quello che sono e non per quello che la società richiede che siano».

madre natura educamp 3

In chiusura, un accenno alle attività in partenza nei prossimi mesi: «A partire da quest’anno sono in calendario Educamp in natura estivi – sia settimanali che con la formula long weekend – in Toscana per bambini/e e ragazzi/e dagli 8 ai 13 anni e dai 14 ai 18 anni. Dal 2022 le settimane e i long weekend Educamp in Natura saranno anche per adulti. In particolare proporremo corsi di sopravvivenza ed educazione primitiva per ragazzi e adulti, sia per gli appassionati sia per chi ne vuole fare una professione; eventi e corsi di Biodanza; trekking survival e forest connection trekking; team building in Natura.

La sede del progetto si trova in Toscana, in provincia di Arezzo, ospite della bellissima vallata della Valtiberina, a pochi chilometri dal suggestivo borgo di Anghiari (AR), nell’area parco/boschiva del Castello di Sorci, immersa nel verde, con una bellissima vista panoramica sulle vallate, fra colline di querceti e natura incontaminata.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

Gru.Co, il bicibus che accompagna i bimbi a scuola in sicurezza
Gru.Co, il bicibus che accompagna i bimbi a scuola in sicurezza

La nostra terra: la cooperazione è prendersi cura dei bisogni della comunità
La nostra terra: la cooperazione è prendersi cura dei bisogni della comunità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici