25 Giu 2021

Il professore-youtuber Elia Bombardelli: “A scuola sfruttiamo i punti di forza del digitale”

Scritto da: Redazione

Il suo seguitissimo canale YouTube è ricco di lezioni online di fisica e matematica. Da quasi dieci anni Elia Bombardelli fa ricorso alla tecnologia come supporto per l'insegnamento. In questa intervista realizzata da Nuvola Cipressa dell'Agenzia di Stampa Giovanile ci spiega la sua posizione sul tema della didattica a distanza.

Elia Bombardelli è professore di matematica e fisica, conosciuto e seguito da più di 350.000 studenti che seguendo il suo canale si affidano alle sue videolezioni su YouTube ormai dal 2012. In questo particolare momento storico in cui la didattica sta subendo una grande trasformazione, il suo approccio innovativo al digitale risulta sempre più un’arma vincente nel campo della didattica.

Il tuo canale youtube e il tuo metodo di insegnamento sono nati dall’esigenza di adattarsi a un nuovo mondo della scuola e dell’istruzione. Credi che la lezione frontale, classica, con gesso e lavagna, sia ormai inappropriata per l’apprendimento degli studenti o si tratta solo di un valore aggiunto?

Secondo me si può fare un uso molto flessibile di questi materiali come supporto alla didattica. Quando sono partito non immaginavo che avrebbero avuto la funzione che hanno in questo momento: i miei video in principio erano uno strumento di supporto per la mia classe, chiedevo loro di guardarli prima dell’ora di lezione in modo da approfondire l’argomento in classe. Bisogna comprendere i punti di forza del digitale e sfruttarli, senza accantonare la presenza, che risulta vincente in altre attività didattiche.

elia bombardelli foto di Fabio Mosca
Elia Bombardelli (foto di Fabio Mosca)

So che ultimamente aiuti anche nello sviluppo di nuovi strumenti e software per la didattica. Credi che questo format possa adattarsi sia a materie scientifiche che umanistiche?

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Collaboro con alcune case editrici e anche in università cerco di aiutare e consigliare in questo campo. Questi strumenti si possono adattare alle esigenze del docente e possono essere utilizzati per ogni insegnamento. Nonostante sia complicato trovare materiali online validi, noto che ultimamente l’offerta sta aumentando. Mi aspetto quindi una trasformazione verso un uso bilanciato di queste attività digitali con la presenza.

Cosa ne pensi degli insegnanti che si oppongono all’utilizzo del digitale?

Il principale limite che incontrano gli insegnanti è sicuramento il fatto che per creare uno di questi video strutturato e completo è necessario un intero pomeriggio; quindi prima di tutto c’è una motivazione pratica. Prima del 2019, nell’era pre-covid, vedevo in alcuni colleghi diffidenza nei confronti del digitale, c’era una sorta di resistenza involontaria. Da quando invece tutti siamo stati costretti a cambiare la nostra prospettiva in nome dell’insegnamento, i docenti hanno riconosciuto le innovazioni del digitale e molti di loro vogliono preservarle. A mio parere bisogna assolutamente mantenere alcuni degli elementi digitali introdotti durante l’emergenza – senza ovviamente discostarli dalla presenza – e credo che molti miei colleghi siano d’accordo.

Osservando i tuoi studenti, riesci a immaginare le conseguenze negative e quelle positive che questa didattica di emergenza avrà su di loro?

A mio parere si è fatto un po’ meno a livello di contenuti, anche giustamente; ci siamo dovuti adattare a una serie di novità che ci hanno stravolto e questo ha portato gli studenti a imparare un po’ meno, è un dato di fatto. Dall’altra parte però, i docenti sono stati abili nel capire che cosa era sacrificabile e cosa no, hanno salvato l’essenziale, il cuore della materia. Io credo che gli insegnanti siano stati in grado di selezionare ciò che era tagliabile e ciò che era fondamentale e questa non è cosa da poco, al contrario ci tornerà utile negli anni. Non sono ancora in grado di fare una valutazione dal punto di vista sociale per quanto riguarda l’interazione, ma in particolar modo sono preoccupato per il probabile aumento di abbandono scolastico causato da questa emergenza.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne