14 Set 2021

Climate Change Theatre Action: va in scena il cambiamento climatico

Scritto da: Redazione

Anche il teatro vuole portare il suo contributo al risveglio delle coscienze e alla lotta al cambiamento climatico. Un esempio è l'evento organizzato in Friuli dall’attore e regista Giovanni Morassutti, in collaborazione con associazioni e imprese che hanno a cuore le tematiche ambientali.

Pordenone, Friuli Venezia Giulia - Climate Change Theatre Action è un progetto promosso dal The Arctic Cycle e dal Centro per le pratiche sostenibili nelle arti che tra settembre e dicembre 2021 propone una serie di letture e spettacoli di brevi opere teatrali scritte da oltre 50 drammaturghi di tutto il mondo sul tema del cambiamento climatico. Gli spettacoli verranno presentati in coincidenza con l’incontro delle Nazioni Unite, in merito alla conferenza sul clima COP26, in programma per questo autunno a Glasgow.

In Friuli Venezia Giulia, l’attore e regista Giovanni Morassutti propone lo spettacolo When, scritto dalla drammaturga canadese Wren Brian e interpretato da Viviana Piccolo e Clelia DelPonte. L´evento, in programma per il 16 Ottobre, rientra fra le proposte della residenza per artisti internazionale Art Aia – Creatives / In / Residence, fondata da Morassutti che unisce arte e sostenibilità ambientale. Anche Legambiente ha aderito all’iniziativa sostenendo la causa.

«Il cambiamento climatico è già realtà: lo è nella nostra regione come nel resto del mondo. Già ne vediamo gli effetti: eventi piovosi e siccitosi estremi, estati molto calde, inverni secchi e sempre più miti, meno neve in montagna, grandinate fuori stagione», dichiara Martina Bellucci, vice-presidente del Circolo Legambiente “Fabiano Grizzo” di Pordenone, coinvolto attivamente nel progetto.

«Legambiente da anni cerca di smuovere i governi e le persone nel fare qualcosa per contrastarlo e continua a farlo perché abbiamo ancora qualche anno per non finire nel baratro. Mitigare gli effetti del riscaldamento globale è un dovere che abbiamo nei confronti delle nostre figlie e figli e di miliardi di altri esseri viventi che abitano questo pianeta. Il ruolo del singolo è certamente importante: i comportamenti ecosostenibili oltre che all’ambiente, fanno del bene in primis a chi li applica. Ma i singoli assumono potenza soprattutto quando si riuniscono e chiedono a gran voce ai governi e alle aziende di modificare leggi e comportamenti. Iniziative come quella di Climate Change Theatre Action servono proprio a questo: a non farci sentire soli nella battaglia. Eventi pubblici di sensibilizzazione, denunce e segnalazioni, educazione ambientale nelle scuole sono solo alcune delle azioni che aiuterete a sostenere finanziando questo progetto che unisce la tutela ambientale e l’arte».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Climate Change Theatre Action

When avrà luogo il 16 Ottobre al tramonto sulle rive del fiume Tagliamento e durante la giornata dell’evento si terranno anche alcuni interventi sulla tematica ambientale a cura di svariati partner, come appunto Legambiente Pordenone, Edoardo Marcon, titolare della ditta La casa del sole, che spiegherà il funzionamento dei pannelli solari, e i rappresentanti della catena di negozi NaturaSì, il maggior distributore italiano specializzato in agricoltura biodinamica, attivo in numerose attività e iniziative a favore del bio e in questo caso anche co-finanziatore dell’evento.

Per far fronte alle spese produttive Morassutti ha optato infatti per una raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso in collaborazione appunto con NaturaSì. Climate Change Theatre Action 2021 mira infatti a coinvolgere la comunità territoriale non solo come spettatori ma anche come sostenitori e finanziatori dell’evento.

La messa in scena di When rappresenta una tappa importante nella carriera di Morassutti, che dopo aver vissuto a New York, Parigi, Roma e Berlino ha deciso di rientrare nella sua regione di origine per dare il suo contributo alla già vivace scena culturale del Friuli Venezia Giulia. Con When l’attore e regista firma la sua terza regia, dopo Sola in Casa di Dino Buzzati presentato al Cherry Lane Theatre di New York nel 2012 e Madre Sin Panuelosponsorizzato dall’Ambasciata argentina in Italia in occasione dell’Expo del 2015 a Milano.

In Friuli Morassutti, con Art Aia – Creatives / In / Residence, ospita creativi da tutte le parti del mondo, offrendo loro il tempo e lo spazio per sviluppare le loro idee a cavallo tra arte e natura. Nel 2020 Art Aia è stata invitata, come primo ente culturale friulano, ad entrare a far parte di Google Arts & Culture, la piattaforma online che si occupa di preservare la cultura e l’arte di oltre 2000 istituti culturali di tutto il mondo.

Questa collaborazione ha consentito a Morassutti e ai suoi collaboratori di creare anche alcune esposizioni online nel rispetto dell’ambiente come 10 Magiche gemme nascoste in Friuli-Venezia Giulia, a promozione del patrimonio naturalistico regionale, e Residenza artistica di pratiche sostenibili, in collaborazione sempre con Il Centro per le pratiche sostenibili nelle arti, l’associazione inglese Arts Territory Exchange e anche con la nota cantina vinicola friulana dei Principi di Porcia.

art aia 2

Morassutti frequenta il Friuli fin da bambino: «La mia famiglia paterna aveva una vecchia casa a San Vito al Tagliamento dove andavo spesso con i nonni. Il Friuli fa parte dei miei ricordi di infanzia e sono felice di poter contribuire con un’iniziativa come quella di Climate Change Theatre Action. Amo la mia terra e la pandemia mi ha fatto prendere consapevolezza di voler tornare».

«Ho deciso di mettere in scena When, al tramonto, sulle rive del fiume Tagliamento nel rispetto della sua autenticità», sottolinea l’attore parlando della regia dello spettacolo. «I suoi canali e la sua acqua mi fanno sentire connesso con la natura e con la vita. Penso sia fondamentale creare delle occasioni in cui condividere il delicato equilibrio del pianeta Terra, che negli ultimi 50 anni abbiamo violato in maniera drastica. Con le attrici stiamo lavorando sulla ricerca dell’organicità e sono contento che siano due donne sensibili al tema. Di questi tempi è importante osare di immaginare insieme un futuro per cui valga la pena di lottare».

L´appuntamento è quindi per il 16 Ottobre presso San Paolo, nel comune di Morsano al Tagliamento dalle 16 alle 20. Tutti coloro che fossero interessati a scoprire di più sull’iniziativa ed eventualmente a contribuire con una donazione possono visitare la descrizione di Climate Change Theatre Action 2021 presente sul sito Produzioni dal basso.

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
COP25: i popoli indigeni esigono più partecipazione
COP25: i popoli indigeni esigono più partecipazione

Warming Stripes: l’emergenza climatica spiegata in un’immagine
Warming Stripes: l’emergenza climatica spiegata in un’immagine

Recuperiamo le cerimonie per salvare il Pianeta

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

|

Lo Yoga della Risata, la miglior medicina per rinforzare il sistema immunitario

|

Al via la Settimana Europea della Mobilità: muoversi meglio per un mondo migliore

|

Il Giglio: dalle rovine di un antico palazzo nasce il laboratorio comunitario

|

Bimbisvegli: la scuola pubblica non vuole il progetto di educazione consapevole in natura

|

Uno spazio dedicato ai bambini migranti in transito, per farli sentire sicuri e accolti

|

A vent’anni si può cambiare il mondo! Ecco la sfida di Gen C