15 Set 2021

Con i Custodi del Suolo la vera rivoluzione avviene nei campi!

Si chiamano Custodi del Suolo e sono giovani, visionari e rivoluzionari: nelle valli del cuneese stanno creando una rete interconnessa per prendersi cura della terra a partire da come coltiviamo e rigeneriamo i nostri suoli. Vi raccontiamo il percorso che hanno avviato negli ultimi mesi, tra incontri ed eventi pubblici in compagnia di esperti del settore.

Cuneo - Le radici sono fondamentali per la crescita della pianta. Le radici sono il loro cervello e, quando ben nutrite da un suolo ricco e curato con metodi naturali, trasmettono alle parti aeree la vitalità rigeneratrice. I Custodi del Suolo della Val Varaita sono aziende della valle, realtà produttive e hobbisti che, in maniera condivisa, si sono assunti l’impegno di essere responsabili del suolo da loro coltivato e di considerare la salute della terra come un obiettivo importante da raggiungere insieme alla sua produttività.

Per loro ogni piccolo appezzamento di terreno è parte di un mosaico virtuoso e per creare una rete connessa e diffondere questa sensibilità sui territori hanno avviato in questi mesi un percorso collettivo: tra incontri e giornate di formazione, vogliono favorire lo scambio di saperi e conoscenze per rivoluzionare il nostro modo di fare agricoltura.

Custodi del suolo4

Sabato 18 settembre si terrà l’incontro pubblico “Mettere radici – La terra, madre generatrice di ogni risorsa alimentare” che, per tutta la giornata, vedrà la partecipazione di esperti e professionisti del settore. Va in questa direzione l’attività di Davide Provenzano dell’azienda agricola Humus, di Lorenzo Barra e Pietro Cigna dell’azienda Cresco e il loro progetto di CSA: sono giovani contadini Custodi del suolo che hanno scelto di radicarsi in Val Varaita, cercando di conciliare la sostenibilità economica con quella etica e ambientale, nonché di trasmettere a chi acquista i prodotti il senso di comunità e di cibo genuino. Smettere di considerare la terra come mero capitale, ma pensare ad essa come un suolo prezioso che va continuamente rigenerato: la rivoluzione dei nostri giorni, infatti, avviene proprio nei campi.

Il contributo di Nicola Savio di Officina Walden mostrerà, attraverso un intervento teorico-pratico, l’importanza dell’utilizzo di particolari attrezzi manuali in grado di rispettare il suolo, di coltivare con precisione e di conseguenza abbattere i costi. La piccola agricoltura diventa grande: con una buona pianificazione e la diversificazione delle colture, il lavoro contadino si trasforma in un’attività soddisfacente da lasciare in eredità alle generazioni future.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Custodi del suolo2

La conoscenza del luogo dove si vive è fondamentale per capirne le caratteristiche naturali e le trasformazioni apportate dall’attività umana nel corso del tempo: durante la giornata è prevista una camminata per risalire la valle attraverso le borgate del versante “ubac” in compagnia di Fredolino Ballatore della ProLoco di Melle, che ci farà riscoprire le storie di un tempo, fino a giungere alla Tabudiera d’Titta, il monumentale castagno da frutto ivi radicato da diversi secoli.

Cecco Dematteis successivamente illustrerà la genesi della Valle Varaita: le sue origini geologiche, le colture tradizionali e le principali trasformazioni paesaggistiche. La giornata si concluderà con il canto del castagno secolare: l’utilizzo di una particolare tecnologia convertirà le frequenze vibrazionali dell’albero in suoni percettibili all’orecchio umano e la dottoressa Benedetta Aimone, esperta del metodo grounding (radicamento), accompagnerà i presenti alla riconnessione con la natura, facendoli interagire con l’ambiente del bosco-organismo.

Il progetto, promosso da Spazio Vitale OdV, ha ottenuto il sostegno della Regione Piemonte nell’ambito del bando del terzo settore in collaborazione con i comuni di Piasco, Rossana, Venasca, Isasca, Brossasco, Melle, Sampeyre, Casteldelfino, Bellino, dell’Istituto agrario di Verzuolo e del Centro Servizi per il Volontariato, con il patrocinio del Parco del Monviso. 

Custodi del suolo

Il programma:

Ore 8:30 Melle – Piazza del Municipio. La svolta contadina – Aziende Agricole Custodi del Suolo “Cresco” e “Humus”

Ore 10:00 – Borgata Re. Tecniche e attrezzature professionali per un’agricoltura sostenibile e prove in campo con Nicola Savio di Officine Walden

Ore 11:00 – Passeggiata culturale “La memoria delle borgate Bodreri, Cornaglia, Berti Opaco, Fini Prato” narrata da Fredolino Ballatore – Proloco di Melle

Ore 13:00 – Castagno Monumentale. Pranzo al sacco a cura dei partecipanti

Ore 14,30 – Valle Varaita. Genesi storia e cultura raccontata da Cecco Dematteis 

Ore 15:00 – Radicamento. Un’esperienza sensoriale nelle nostre radici naturali, a cura della dott.ssa Benedetta Aimone

Ore 15,30 – Il castagno monumentale in concerto. Ogni pianta ha una propria voce: uno speciale dispositivo tradurrà il canto della Tabudiera d’Titta.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Giorgia: “Produco vini per sentirmi vicina alla terra”
Giorgia: “Produco vini per sentirmi vicina alla terra”

Fare il pane e osservare la natura per trovare un significato – Piccoli produttori #2
Fare il pane e osservare la natura per trovare un significato – Piccoli produttori #2

Torna il festival del cinema Rurale, alla scoperta del mondo contadino

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

|

Lo Yoga della Risata, la miglior medicina per rinforzare il sistema immunitario

|

Al via la Settimana Europea della Mobilità: muoversi meglio per un mondo migliore

|

Il Giglio: dalle rovine di un antico palazzo nasce il laboratorio comunitario

|

Bimbisvegli: la scuola pubblica non vuole il progetto di educazione consapevole in natura

|

Uno spazio dedicato ai bambini migranti in transito, per farli sentire sicuri e accolti

|

A vent’anni si può cambiare il mondo! Ecco la sfida di Gen C