5 Ott 2021

Le valigette, due mamme artigiane realizzano giochi tattili per i più piccoli

Scritto da: Valentina D'Amora

Giochi su misura per bambini, realizzati a mano, da due mamme che hanno sperimentato la difficoltà dei momenti di noia e confusione dei propri figli, ma che non hanno voluto cedere al "trucco" del cellulare. Nasce così Le Valigette, un progetto educativo da cui prendono vita giochi artigianali colorati, divertenti e didattici.

Savona - Basta tablet! Alessia e Cristina sono due amiche artigiane di Albenga che hanno deciso di unirsi per creare giochi educativi che da cinque anni accompagnano la crescita di tantissimi bambini, liguri e non. Proprio con l’intento di far trascorrere alle famiglie “tempo di qualità” nascono Le valigette e i loro coloratissimi quiet book, libri tattili in stoffa capaci di sviluppare nuove competenze o di implementare quelle già acquisite.

Sempre alla ricerca dei migliori materiali per realizzare le proprie creazioni, Alessia e Cristina sono anche in continua formazione pedagogica seguendo il metodo Montessori, per proporre ai più piccoli giochi – sicuri e certificati CE – che fanno da “ponte” tra genitore e bambino, incentivandone la relazione. 

Ho deciso di intervistarle per farmi raccontare il loro percorso.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Quietbook, valigette didattiche e di prescrittura, tovagliette e rotoli di stoffa da colorare sono oggetti che racchiudono attività importanti per lo sviluppo, da svolgere a casa ma soprattutto fuori, magari in pizzeria, in macchina, nella sala d’attesa di un ambulatorio: com’è nata l’idea di proporre ai genitori un’alternativa “colorata e tattile” a tablet e cellulari?

Il nostro intento è stato sin da subito offrire degli strumenti che stimolassero in primis i genitori a disabituarsi dal proporre tablet e altri dispositivi elettronici al ristorante, sull’autobus o in situazioni di noia, soprattutto fuori casa. Spesso in questi contesti si vede il genitore tirare fuori dalla tasca quell’alternativa “troppo facile” che va però a bloccare la creatività del bambino ed è proprio questo ciò per cui io e Cristina ci siamo sempre battute. Con una proposta stimolante e creativa invece il bambino ha modo di far viaggiare la fantasia: ogni valigetta o quiet book racchiude al suo interno tantissime attività che consentono al piccolo intrattenersi in maniera costruttiva e creativa, anziché passivamente. 

bambino stella valigette

Perché vi siete avvicinate alla pedagogia montessoriana?

Ci siamo rese conto che sull’educazione e sulla pedagogia oggi esiste un mondo, ricco di informazioni, di libri e di correnti. La pedagogia di Maria Montessori però ci ha colpito subito, sia per la semplicità dei materiali – naturali e di recupero – che per gli approcci. Così abbiamo scoperto i quiet book e i giochi tattili, proposte educative molto affini al nostro modo di pensare. Nel frattempo io (Cristina) ho frequentato un corso di formazione sul tema, rivolto a insegnanti e a non addetti ai lavori, con un’apertura anche a influenze un po’ più moderne. Rispetto a qualche anno fa troviamo che ora sia molto più facile, per un genitore interessato ad approfondire, reperire informazioni – su Instagram, per esempio – e ci sono moltissimi professionisti che condividono il proprio sapere e realizzano podcast su vari temi pedagogici.

Siete mai state nelle scuole del territorio a portare un po’ della vostra creatività?

Sì, abbiamo curato alcuni laboratori creativi all’interno delle scuole, come quello sulle emozioni. Abbiamo creato un percorso che partiva dalla lettura e arrivava al gioco, dove ogni bimbo aveva la possibilità di tirare fuori le proprie esperienze legate a ogni singola emozione. Con il disegno creativo, poi, abbiamo realizzato tutti insieme il calendario delle emozioni che poi le insegnanti hanno appeso in classe. In aula abbiamo portato anche incontri incentrati sul cucito, sviluppando la manualità fine: durante il periodo natalizio creiamo insieme le calzine della befana e le stelle per l’albero di Natale e ogni bambino ritaglia la propria stella per la punta dell’albero. Tutte queste attività aiutano i bambini a concentrarsi e a sviluppare il “saper fare”.

libro luce valigette

Quali reti territoriali avete messo in piedi in questi anni di attività?

Lavorare sul territorio non è semplice: in questi anni abbiamo sperimentato un’apertura e un interesse più di nicchia, anche se sono diversi i professionisti con cui lavoriamo. Quest’estate per esempio abbiamo collaborato con il campo estivo di Altopia: insieme a una docente di scienze abbiamo progettato e realizzato un libro tattile intitolato “Il viaggio della luce”. Attraverso il gioco e il tatto i bambini sono riusciti a interiorizzare anche concetti un po’ più difficili e hanno sicuramente compreso l’importanza di imparare giocando. Abbiamo all’attivo anche collaborazioni con pedagogiste e nutrizioniste: abbiamo realizzato libri-gioco sull’alimentazione, ideati appositamente per aiutare i bambini con difficoltà alimentari, libri per sviluppare la proprietà di linguaggio o per imparare la routine della giornata e i nomi delle varie attività quotidiane.

Il tatto è, quindi, una vera fonte di nutrimento emotivo e cognitivo per i più piccoli, che hanno bisogno di stimolare tutti i loro sensi. E di stare lontani dai dispositivi elettronici. 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
OIA’: viaggi, storie e natura per crescere bambini consapevoli
OIA’: viaggi, storie e natura per crescere bambini consapevoli

Nasce a Torino "Cuqù – la culla del quartiere", dove la comunità diventa famiglia

Ripensare la scuola per ricostruire le comunità: l’Officina dei Beni Comuni
Ripensare la scuola per ricostruire le comunità: l’Officina dei Beni Comuni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita

|

Emerging Communities: scopriamo insieme i progetti virtuosi dell’Europa che cambia

|

A House is a Home: il progetto di “re-housing” per persone senza fissa dimora

|

Bice Parodi: “Ciò che gridavamo al G8 è ciò per cui dobbiamo combattere ancora oggi” – #1

|

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone