20 Dic 2021

Quattro progetti che a Torino creano economia sociale e solidale a partire dal cibo

Scritto da: Lorena Di Maria

Ci sono progetti che fanno bene e che si impegnano a creare nuovi modelli di economia sociale e solidale: uno di questi è Top Metro Fa Bene, che nasce a Torino dalla volontà della Città Metropolitana per chiamare a raccolta cittadini che insieme creino comunità e migliorino la qualità della vita. Diverse iniziative sono nate a Grugliasco, Moncalieri, Rivoli e Venaria Reale attraverso quattro nuovi progetti che hanno come perno i mercati, le filiere del cibo locale e l’aiuto alle persone fragili.

Torino - Come possiamo, all’interno delle nostre città, migliorare la qualità della vita delle persone attraverso iniziative che connettono enti pubblici, imprese, organizzazioni di Terzo Settore, scuole e commercianti di prossimità? E nel farlo, come possiamo incrementare il benessere delle nostre comunità?

A Torino stanno nascendo quattro progetti che sperimentano interventi innovativi legati al cibo per diffondere iniziative di economia sociale e solidale. Così, nei Comuni di Grugliasco, Moncalieri, Rivoli e Venaria Reale si sta creando una rete diffusa che lavora su questa tematica in ottica di contrasto allo spreco, economia di prossimità e inserimento lavorativo.

Top Metro Fa Bene1

Il progetto che unisce tutte queste iniziative si chiama Top Metro Fa Bene: possiamo considerarlo un modello organizzativo volto allo sviluppo di ecosistemi urbani che, attraverso esperienze di inclusione e supporto alle economie di prossimità, coinvolge e supporta giovani, migranti e cittadini vulnerabili.

Si inserisce nell’ambito del più ampio Progetto Periferie ed è ideato e promosso da Città Metropolitana di Torino in partnership con S-nodi (che cofinanzia il progetto con fondi del Programma Azioni di Sistema di Caritas Italiana e Caritas Diocesana di Torino). Proprio in questi giorni è partita una campagna che vede il lancio delle quattro campagne di crowdfunding sulla piattaforma Ginger per acquisire nuove risorse economiche, ma anche per sensibilizzare il territorio e coinvolgere la comunità per realizzare insieme un’iniziativa concreta e condivisa. Ma quali sono questi progetti?

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il progetto “Ascoltaci bene” e le strade per i rider etici a Grugliasco

Un’altra strada è possibile e il Gruppo Arco Scs la vuole costruire insieme per avviare un cambio di paradigma nel mondo del delivery e del commercio locale e di prossimità. Con il progetto di crowdfunding si vuole acquistare una cargo-bike con cui attivare un servizio di consegne a domicilio che sia sostenibile e rispettoso dell’ambiente e che garantisca condizioni di lavoro eque al rider che la utilizzerà. Partendo da Grugliasco per arrivare a servire sempre più aree, abitanti e attività commerciali di Torino.

Top Metro Fa Bene4

Il progetto “Hubbuffate”: l’hub del cibo che genera valore a Moncalieri

La Cooperativa Sociale Exeat ha costruito la prima rete di aziende agricole sociali della provincia di Torino, composta da aziende che scelgono di accogliere persone in difficoltà e dar loro un’opportunità lavorativa attraverso l’attivazione di nuovi tirocini.

Obiettivo della campagna di crowdfunding è far in modo che questa rete possa diventare una mappa decifrabile da chiunque, diffondendola e valorizzandola attraverso un sito e la realizzazione di una piattaforma interattiva che permetta di creare nuovi spazi in cui raccontare le storie di queste aziende agricole e di tutti i volti che le abitano.

Promuovere la vendita dei prodotti attraverso una piattaforma che le unisca significa contribuire a creare un’economia circolare fatta di sostenibilità non solo ambientale ma anche economica e sociale, dando nuova indipendenza a persone in difficoltà e rendendole protagoniste di un vero e proprio processo di empowerment.

Il progetto “Il pranzo è servito”, che aiuta le persone e l’ambiente a Rivoli

La Cooperativa Sociale Educazione Progetto Onlus da quasi un anno è presente sui mercati rionali della città di Rivoli per raccogliere le eccedenze di cibo dei banchi del mercato che altrimenti verrebbero sprecate e buttate via. Si tratta di cibo fresco e buono che viene selezionato e donato alle persone in condizione di fragilità economica e sociale. In otto mesi sono riusciti ad attrezzarsi per la gestione del servizio e sono ora alla ricerca di fondi per poter continuare a portare avanti il progetto in sicurezza e a offrire un rimborso economico a un operatore sociale che si occupi del coordinamento delle attività e che assicuri a tutte le famiglie che ne hanno bisogno di ricevere un supporto alimentare adeguato.

Top Metro Fa Bene2

Il progetto “ConservAzione”: trasformare il cibo invenduto in prodotti conservabili a Venaria Reale

L’obiettivo di “ConservAzione” è di risolvere problemi complessi con una semplice soluzione: rendere il cibo invenduto un prodotto conservabile. Attraverso un percorso di sensibilizzazione sul tema del consumo critico, il progetto intende creare un luogo in cui convogliare l’invenduto che non è stato distribuito dai canali tradizionali, trasformandolo in prodotto conservabile.

I prodotti saranno poi disponibili per la somministrazione in loco tramite la mensa sociale che opera nel centro attraverso una distribuzione a basso costo che offre quotidianamente pasti alle categorie più fragili, in collaborazione con i servizi sociali e l’amministrazione comunale. La Cooperativa Sociale L’Elica, ha lanciato una campagna di crowdfunding per ampliare il numero di persone a cui dare una mano, riducendo al tempo stesso gli sprechi alimentari e l’impatto ambientale.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare
La Barista Disoccupata: cambiare vita e lavoro nel segno dell’economia circolare

Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia
Kymia, la start up che dallo scarto del pistacchio produce prodotti cosmetici di nicchia

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo
Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi