12 Gen 2022

Nei Tuoi Panni: un gruppo di ragazze dona una seconda vita agli abiti usati

Scritto da: Davide Artusi

Sensibilizzare al riuso, promuovere lo scambio di abiti usati, scoprire nuovi modi di vivere sostenibile, ma anche incontrarsi, confrontarsi e socializzare: sono questi gli obiettivi principali dell’iniziativa Nei Tuoi Panni, progetto romano che organizza iniziative di scambio di vestiti usati.

Roma, Lazio - Grazie al crescente interessamento da parte di una buona fetta della popolazione per i problemi ambientali e per il troppo spreco che sta affliggendo la nostra società, si stanno moltiplicando i progetti per la sensibilizzazione al riuso e all’acquisto consapevole. Uno di questi è Nei Tuoi Panni, la cui principale attività consiste nello scambio di abiti usati.

«Nei Tuoi Panni – afferma il gruppo Swap Party Roma | Nei Tuoi Panni – nasce con l’obiettivo non solo di dare seconda vita a ciò che abbiamo smesso di utilizzare, ma anche di sensibilizzare e formare in merito alle conseguenze negative delle produzioni di massa, a partire ad esempio dall’industria del fast-fashion, tra le più nocive sul Pianeta».

Nei tuoi panni 1

Gli eventi di scambio abiti vengono realizzati nella zona di Roma e dintorni, anche nel corso di iniziative di altre realtà di cui Nei Tuoi Panni condivide i principi. In cambio di una donazione a supporto del progetto, chi prende parte all’iniziativa può scambiare i vestiti che porta con sé con quelli presenti nello stand. È importante che i capi d’abbigliamento siano in buono stato. Inoltre, la donazione richiesta e il numero di capi che si possono scambiare non sono sempre gli stessi e variano in base all’evento.

Questi ritrovi organizzati da Nei Tuoi Panni prendono il nome di Swap Party. Lo Swap Party è un evento in occasione del quale si scambia oggetti, solitamente di abbigliamento e accessori di diverso genere, ma anche libri, articoli per la casa, arredamento e altro. Possono essere ritrovi tra amici o, come in questo caso, possono assumere una forma più strutturata, coinvolgendo persone che non si conoscono. Non viene utilizzato denaro e gli scambi avvengono secondo varie modalità come il baratto, l’asta o utilizzando una particolare moneta.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Nei tuoi panni 1 1

«Negli eventi realizzati da Nei Tuoi Panni – racconta Alice Bellini, Coordinatrice dell’iniziativa, nell’intervista realizzata da Together – in cambio di una donazione puoi scambiare un numero variabile di abiti. Al check-in i tuoi vestiti verranno valutati e sulla base del loro valore riceverai un certo numero di mollette, gettone di scambio che serve per partecipare allo Swap Party».

«Quando arrivate allo Swap Party – racconta Claudia Esposito, altra Coordinatrice di Nei Tuoi Panni – avete già a disposizione un certo numero di vestiti già stati selezionati in precedenti eventi o dalle persone che sono venute prima di voi. Ogni abito è contrassegnato da un colore, un’etichetta che può essere verde, blu oppure bianca. A seconda del colore, i capi d’abbigliamento assumono diversi valori».

«Grazie a questo sistema di mollette e valori – riprende Alice –, è possibile arrivare a portare a casa fino a quindici se non addirittura venti capi. Lo facciamo perché le industrie del fashion e del tessile sono tra le più impattanti sia da un punto di vista ambientale che sociale. Basti pensare che per una maglietta servono più di 2700 litri d’acqua, ovvero l’equivalente per soddisfare il fabbisogno di una persona per ben due anni».

Nei tuoi panni 2

Perché dunque partecipare a questi Swap Party? Sicuramente per un aspetto ambientale, come già sottolineato, quindi per cercare di gravare meno su Madre Natura. In secondo luogo perché è un momento di incontro e socializzazione: durante i ritrovi organizzati da Nei Tuoi Panni le persone entrano in contatto e scambiano, oltre ai vestiti, anche idee, riflessioni e consigli su come vivere in modo più sostenibile.

Altri motivi che possono spingere a prendere parte a questi Swap Party sono l’abbattimento degli sprechi, il desiderio di dare nuova vita ad abiti e accessori che rimarrebbero inutilizzati all’interno dell’armadio o anche il risparmio economico che è possibile ottenere dal non acquistare nuovi capi. Nei Tuoi Panni garantisce che il valore di quello che ci si porta a casa è ben più alto della donazione che viene richiesta per partecipare all’evento.

Gli Swap Party sono organizzati dal gruppo di volontarie attive di due associazioni, Inspire e TAO – Associazione Socio Culturale, con l’obiettivo di raccogliere fondi per i progetti di entrambe. Nei Tuoi Panni dunque è un’iniziativa nata dalla volontà di un piccolo gruppo di far conoscere e promuovere la bellezza del riuso, una pratica diffusa ma ancora da molti presa poco in considerazione. Attraverso ritrovi e nuovi incontri, questa realtà si sta facendo sempre più conoscere e sta portando verso le sue pratiche anti spreco sempre più persone.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Rossano Ercolini: "Non bruciamo il futuro"

Torino Mini Maker Faire: chi sono i creativi che promuovono l’innovazione?

Verso il Futuro: a Torino una settimana all’insegna della circolarità
Verso il Futuro: a Torino una settimana all’insegna della circolarità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Presidente della Repubblica, come si elegge e chi è il favorito? – #446

|

Global Risks Report: ambiente e coesione sociale i problemi che oggi preoccupano di più

|

REcube, il progetto per rigenerare in maniera sostenibile l’edilizia in cemento armato

|

Genova Inclusiva: “Aiutiamo le famiglie a sbloccare le terapie per i nostri bambini disabili”

|

La storia di Matteo: “Non ho più l’orologio, il mio tempo lo scandiscono le api e la natura”

|

Martina Riina racconta le periferie di Palermo che resistono a Covid e indifferenza

|

Filosofia con anziani: e se la terza età fosse un buon momento per porsi domande esistenziali?

|

La storia di Stefania di La Braide: “Da Milano alla val Borbera per tornare alla terra”