10 Giu 2022

La tempesta Vaia: eccome gli imprenditori della valle hanno saputo rialzarsi

Nel raccontare gli effetti della devastante tempesta Vaia, lo staff di The Climate Route chiama a testimoniare alcune aziende dei territori colpiti, che hanno saputo trasformare la crisi in opportunità per costruire modelli imprenditoriali fondati su sostenibilità, resilienza ed economia circolare.

Dopo la tempesta Vaia, che nell’ottobre 2018 ha distrutto decine di migliaia di ettari di bosco nel nord-est dell’Italia, sulle Dolomiti venete è possibile affittare una sala di registrazione e registrare un disco immersi nella natura che resiste e ricomincia. Casarmonica è solo uno degli esempi a testimonianza di come anche l’essere umano sia resistito alla catastrofe e, anzi, abbia deciso di ricominciare proprio da essa. Ecco tre storie che The Climate Route ha avuto la fortuna di incontrare lungo il proprio cammino.

CASARMONICA, DAL RUMORE AL SUONO PERFETTO

Mattia Mattarolo, della Cooperativa Lassù, ha vissuto i giorni e le notti di Vaia attraverso i racconti di amici e parenti: «Non si capiva fino a che punto sarebbe arrivata, capivi solo che era diversa – racconta –, ma il resto lo realizzi solo quando riapri le finestre». Ne parla come se ci fosse stato, come se avesse sentito il rumore del vento e degli alberi spezzati; questa vicenda gli è rimasta addosso e nelle orecchie.

vaia 5

Nei mesi successivi alla tempesta infatti, in Val Visdende è emersa la presenza del cosiddetto legno di risonanza, caratterizzato da un midollo perfettamente al centro e degli anelli regolari che si sviluppa dove ci sono altipiani e fitte foreste. «Un determinato taglio, che chi fa strumenti musicali sa fare – spiega Mattia, con alle spalle una scenografia nata post-Vaia – permette di ottenere un legno con una curva di risonanza diversa da legno normale». E prova a imitarne i suoni (udibile nel documentario creato dall’associazione The Climate Route, visionabile qui sotto): lieve e musicale uno, secco e severo l’altro.

Il progetto Casarmonica per ora è costituito da un palco, realizzato grazie a contributi regionali, che sarà il trampolino di lancio per il resto: servirà per organizzare eventi per raccogliere fondi – tramite crowdfunding – per realizzare poi una casera con prodotti tipici e una vera e propria residenza creativa, con sala di registrazione e camere per ospitare artisti e artiste.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

BIOENERGIA FIEMME, ENERGIA DELLA E DALLA NATURA

Il comune di Cavalese, in Val di Fiemme, vanta il titolo di “comune rinnovabile” poiché utilizza fonti rinnovabili per produrre energia elettrica distribuita poi a privati e aziende tramite la rete comunale. Dal 2018 tra le fonti di calore per gli abitanti del paese c’è anche il legno abbattuto durante la tempesta Vaia.

Mario Giacomuzzi, dell’azienda Bioenergia Fiemme, racconta a The Climate Route come è iniziata questa relazione di aiuto reciproco tra bosco e umani: «Da cinque anni qui c’è un impianto che produce pellet dagli scarti della lavorazione del legno delle segherie della zona. Quando è arrivata Vaia abbiamo deciso di aiutare a smaltire tutta quella biomassa improvvisa [n.d.A] con le segherie della valle».

Confessa poi che nella sua valle l’attenzione al tema della mitigazione del cambiamento climatico è quasi storica: «Abbiamo sviluppato questi pensieri a partire dal protocollo di Kyoto, risalente al 1997». Di fronte al buio e alle “montagne pelate”, come le definisce, di quelle mattine di ottobre 2018 la domanda “cosa possiamo fare nella nostra piccola Valle di Fiemme?” è stata quasi inevitabile.

vaia 23
VAIA CUBE, LA VOCE DELLA STORIA E DEL CORAGGIO

«Solo quando ho visto i cimiteri di alberi ho avuto idea della ferita che la tempesta ha lasciato nelle Dolomiti». A lasciare questa testimonianza è Giuseppe Addamo, tra i fondatori della start-up VAIA, che produce amplificatori per la musica riprodotta da smartphone.

«Avendo colpito, oltreché ecosistemi naturali, anche luoghi dove le persone sono cresciute e hanno vissuto, Vaia ha costituito – e continua ad esserlo – una ferita a livello sentimentale. Col nostro progetto possiamo contribuire a risanarla». VAIA nasce nel 2018 grazie alla volontà di Giuseppe, Federico Stefani e Paolo Milan – che si erano già incontrati nel 2017 – con l’obiettivo di reagire positivamente a una delle tempeste più violente degli ultimi cinquant’anni in Italia.

I tre giovani hanno recuperato abeti e larici abbattuti e, da materia prima che sarebbe andata probabilmente dispersa, li hanno trasformati in un oggetto quasi magico: VAIA Cube vuole «amplificare una storia, ma anche la risposta che abbiamo dato a un problema». Dietro ogni suo dettaglio si cela un significato allegorico: «Sul fianco di ogni Cube c’è una spaccatura che rievoca la ferita della foresta e allo stesso tempo la resilienza di chi l’ha subita», continua a spiegare Giuseppe, particolarmente e piacevolmente orgoglioso.

Solo quando ho visto i cimiteri di alberi ho avuto idea della ferita che la tempesta ha lasciato nelle Dolomiti

STORIE DI LEGAMI E SEMPLICITÀ

I tre imprenditori con cui ha parlato The Climate Route sono persone che, almeno per un attimo, hanno pensato di non farcela o almeno di non poter far nulla di fronte alla forza – in questo caso violenta – della natura. Poi hanno capito che di fronte agli eventi traumatici e alle crisi c’è un’alternativa alla resa: l’ingegno e la fantasia, che in un modo o nell’altro ti fanno restare in piedi.

Dopotutto, si tratta sempre di una scelta. Come piace ricordare a Giuseppe, «le cose sono unite da legami invisibili: siamo in un unico universo in cui vige la regola per cui tutto è collegato, ogni scelta ha un impatto». Abbiamo una grande responsabilità, nei confronti dell’ambiente e ancor di più forse nei confronti di chi è come noi e con noi ha condiviso paura e dolore.

Dalla spedizione di The Climate Route per raccontare Vaia è tutto.

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Una multifactory in Perù? 30 giorni e 4000 chilometri di esplorazione e ricerca
Una multifactory in Perù? 30 giorni e 4000 chilometri di esplorazione e ricerca

Emozioni a caldo: abbiamo creato la cooperativa di Italia Che Cambia
Emozioni a caldo: abbiamo creato la cooperativa di Italia Che Cambia

Malìa Lab: la sartoria artigianale etica di Flavia, tornata in Calabria per restare
Malìa Lab: la sartoria artigianale etica di Flavia, tornata in Calabria per restare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne