19 Ott 2022

Maratona per Julian Assange: migliaia di persone collegate online

Scritto da: Redazione

Si è svolta sabato scorso la maratona per Julian Assange, che ha riunito virtualmente migliaia di persone in tutto il mondo in una partecipata e sentita manifestazione di solidarietà nei confronti del fondatore di WikiLeaks. È stato questo il primo passo di un lungo cammino per chiedere giustizia e libertà per Assange, che proseguirà con molte altre iniziative.

Si è svolta sabato 15 ottobre la maratona per Julian Assange di 24 ore: le città che hanno partecipato alla diretta on line sono state una quarantina, ma eventi si sono svolti anche in altri luoghi, che si sono aggiunti all’ultimo o hanno avuto difficoltà tecniche a collegarsi. Da Taipei a Sydney, dalla prigione di Belmarsh a Manchester, da Bonn, Barcellona e Madrid a Namur, oltre a numerosissime città italiane (il foto reportage in continuo aggiornamento si può vedere qui) attivisti, giornalisti, artisti, poeti e registi si sono alternati sul canale YouTube di Pressenza Italia (ritrasmesso dal Fatto Quotidiano), su quello di Terra Nuova Edizioni e su Twitch con Ottolina TV.

maratona assange7

Una lunghissima cavalcata in giro per il mondo, che ha collegato luoghi e persone distanti tra loro geograficamente, ma vicinissimi per emozione e sensibilità e uniti da un filo comune: l’impegno generoso, indomabile e creativo per la liberazione di un giornalista perseguitato, divenuto ormai un simbolo della libertà di stampa e dei diritti umani.

Azioni di piazza, presidi – spesso sotto la pioggia –, dibattiti, performance musicali, flash mob, danze e sit-in si sono alternati a spezzoni di documentari utilissimi per conoscere a fondo la vicenda di Assange, video musicali e artistici e interviste. Commovente e intensa l’intervista a Stella Assange, saggia e istruttiva quella a Noam Chomsky, efficace nel descrivere la campagna Don’t Extradite Assange.

Questo è solo l’inizio. L’impegno per la liberazione di Julian Assange proseguirà con altre iniziative

Significativa anche quella all’organizzatore della catena umana della settimana scorsa a Londra John Rees, documentata e combattiva quella alla giornalista investigativa Stefania Maurizi. Dal Sudamerica sono arrivate le dichiarazioni del deputato umanista cileno Tomas Hirsch, del Premio Nobel per la Pace argentino Adolfo Perez Esquivel e di Nora Cortiñas delle Madri di Plaza de Mayo e dall’Australia le testimonianze di Kym Staton, poeta e regista che sta ultimando il film Tell the truth. Free Assange” e di Niraj Lal, amico di lunga data del giornalista.

E tutto è stato realizzato da volontari, che hanno dedicato ore ed energie a quest’impresa senza precedenti, con una disponibilità e un lavoro di squadra che l’hanno resa ancora più emozionante. Come si è ripetuto più volte nel corso della maratona, questo è solo l’inizio. L’impegno per la liberazione di Julian Assange proseguirà con altre iniziative.

Clicca qui per l’articolo originale.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Più attenzione per gli eventi estremi, ma giornali e TV nascondono i responsabili della crisi climatica
Più attenzione per gli eventi estremi, ma giornali e TV nascondono i responsabili della crisi climatica

Non solo Iraq e Afghanistan: i più grandi scoop di WikiLeaks in Africa
Non solo Iraq e Afghanistan: i più grandi scoop di WikiLeaks in Africa

Una catena di migliaia di persone circonda il Parlamento britannico per sostenere Julian Assange
Una catena di migliaia di persone circonda il Parlamento britannico per sostenere Julian Assange

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”