19 Ott 2022

Maratona per Julian Assange: migliaia di persone collegate online

Scritto da: Redazione

Si è svolta sabato scorso la maratona per Julian Assange, che ha riunito virtualmente migliaia di persone in tutto il mondo in una partecipata e sentita manifestazione di solidarietà nei confronti del fondatore di WikiLeaks. È stato questo il primo passo di un lungo cammino per chiedere giustizia e libertà per Assange, che proseguirà con molte altre iniziative.

Salva nei preferiti

Si è svolta sabato 15 ottobre la maratona per Julian Assange di 24 ore: le città che hanno partecipato alla diretta on line sono state una quarantina, ma eventi si sono svolti anche in altri luoghi, che si sono aggiunti all’ultimo o hanno avuto difficoltà tecniche a collegarsi. Da Taipei a Sydney, dalla prigione di Belmarsh a Manchester, da Bonn, Barcellona e Madrid a Namur, oltre a numerosissime città italiane (il foto reportage in continuo aggiornamento si può vedere qui) attivisti, giornalisti, artisti, poeti e registi si sono alternati sul canale YouTube di Pressenza Italia (ritrasmesso dal Fatto Quotidiano), su quello di Terra Nuova Edizioni e su Twitch con Ottolina TV.

maratona assange7

Una lunghissima cavalcata in giro per il mondo, che ha collegato luoghi e persone distanti tra loro geograficamente, ma vicinissimi per emozione e sensibilità e uniti da un filo comune: l’impegno generoso, indomabile e creativo per la liberazione di un giornalista perseguitato, divenuto ormai un simbolo della libertà di stampa e dei diritti umani.

Azioni di piazza, presidi – spesso sotto la pioggia –, dibattiti, performance musicali, flash mob, danze e sit-in si sono alternati a spezzoni di documentari utilissimi per conoscere a fondo la vicenda di Assange, video musicali e artistici e interviste. Commovente e intensa l’intervista a Stella Assange, saggia e istruttiva quella a Noam Chomsky, efficace nel descrivere la campagna Don’t Extradite Assange.

Questo è solo l’inizio. L’impegno per la liberazione di Julian Assange proseguirà con altre iniziative

Significativa anche quella all’organizzatore della catena umana della settimana scorsa a Londra John Rees, documentata e combattiva quella alla giornalista investigativa Stefania Maurizi. Dal Sudamerica sono arrivate le dichiarazioni del deputato umanista cileno Tomas Hirsch, del Premio Nobel per la Pace argentino Adolfo Perez Esquivel e di Nora Cortiñas delle Madri di Plaza de Mayo e dall’Australia le testimonianze di Kym Staton, poeta e regista che sta ultimando il film Tell the truth. Free Assange” e di Niraj Lal, amico di lunga data del giornalista.

E tutto è stato realizzato da volontari, che hanno dedicato ore ed energie a quest’impresa senza precedenti, con una disponibilità e un lavoro di squadra che l’hanno resa ancora più emozionante. Come si è ripetuto più volte nel corso della maratona, questo è solo l’inizio. L’impegno per la liberazione di Julian Assange proseguirà con altre iniziative.

Clicca qui per l’articolo originale.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine
Officine Gutenberg: editoria e disabilità non sono mai state così vicine

Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo
Ecco perché facciamo giornalismo costruttivo. Ne parliamo con Assunta Corbo

Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu
Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(9) "nazionale"