28 Dic 2022

La periferia romana rinasce in un’opera di JDL, la street artist olandese

Scritto da: Redazione

Giovane olandese talentuosa e impegnata nella divulgazione di importanti messaggi sociali, JDL ha lavorato nel mese di dicembre a un murale dalle dimensioni record sul famoso "serpentone" di Corviale, alla periferia di Roma. Il progetto si inserisce nell'ambito di Street Art for Rights, di cui Italia Che Cambia è media partner, che vuole riqualificare le aree urbane marginali attraverso l'arte e l'inclusione sociale.

Roma, Lazio - Street Art for Rights si è affermato in questi anni sempre di più come un punto di riferimento per la street art in Italia con oltre 30 opere realizzate a Roma nei quartieri periferici di Corviale e Settecamini creando due musei a cielo aperto e nel Lazio tra Cassino, Fiumicino e Latina. Da diversi anni Italia Che Cambia è media partner di questo bellissimo progetto di riqualificazione e riattivazione sociale delle periferie.

Il traguardo più grande però è arrivato quest’anno con il riconoscimento dell’Unione Europea nell’ambito del Programma Europa Creativa che inaugura un nuovo ciclo triennale di opere e iniziative legate alla street art che varcheranno i confini Italiani per raggiungere la Francia, grazie all’associazione Pick Up Production, e la Grecia con l’associazione Anazitites Theatrou.

Il festival di street art ideato e diretto da Giuseppe Casa, curato da Oriana Rizzuto per MArteGallery e prodotto dall’Associazione Culturale ARTmosfera è nato come progetto speciale della Biennale MArteLive nel 2014 e in questi otto anni ha sviluppato un percorso condiviso sul territorio fondendo insieme la promozione di valori sociali importanti attraverso l’arte urbana. Questo percorso ora si apre a una dimensione europea e internazionale che riserverà molte sorprese.

JDL A ROMA STREET ART FOR RIGHTS FORUM FESTIVAL Foto di Emidio Vallorani 02

La prima tappa del progetto è l’Italia – precisamente a Corviale, nella periferia di Roma –, luogo in cui hanno già avuto inizio le attività legate al progetto e che più volte ha ospitato iniziative e opere di Street Art For Rights. Nei giorni scorsi si è svolto il gran finale, iniziando dal progetto Street Art for Rights Forum Fest, che ha offerto un ricco programma nel weekend del 17 al 18 dicembre. L’evento più atteso è stata l’inaugurazione il 22 dicembre dell’imponente murale di 40 mt realizzata da JDL nella parete Nord-Est del Serpentone, che attualmente è in corso d’opera.

Infatti, nel mese di dicembre la nota street artist olandese JDL – all’anagrafe Judith de Leeuw – è stata impegnata nella realizzazione e di un imponente murale di 40 metri nella parete Nord-Est del palazzone di Corviale, il famoso “Serpentone”. Si tratta di un’opera faraonica – forse una delle più grandi della città – di portata internazionale. Nessuno è riuscito fino ad oggi a realizzare un’opera sul Serpentone di Corviale ed è stata proprio JDL a farlo grazie a Street Art For Rights e al prezioso contributo del team di MArteGallery, che in questi anni ha fatto, attraverso il MArteLive System, da incubatore per il progetto e da supporto operativo e creativo per il suo sviluppo.

Con il suo stile capace di tradurre le emozioni con realismo e poesia, JDL è da sempre impegnata a diffondere messaggi sociali attraverso la street art, lavorando su temi come LGBTQIA+, razzismo e salute mentale, raccontandole sui muri del mondo con attenzione e lirismo, grazie al suo inconfondibile tratto.

JDL è una giovane e brillante artista, attiva e conosciuta per il suo impegno nel sociale, soprattutto verso le donne e i più deboli

L’idea per il muro di Corviale è quella di un’immagine di una donna coperta di olio, simile agli uccelli incastrati dal petrolio nel mare a causa dell’inquinamento e dell’irresponsabilità dell’uomo. Da un lato del muro la donna sarà ritratta mentre lotta, dall’altro lato invece troverà il successo, pulendosi dall’olio e volando.

L’immagine realizzata da JDL prende spunto dal mito di Icaro: metaforicamente la crisi climatica sembra paragonabile al significato originale del racconto mitologico. La società moderna sta percorrendo un cammino fatale e autodistruttivo, proprio come fece Icaro per fuggire dal labirinto del Minotauro: non curante degli avvertimenti del padre Icaro volò troppo in alto facendo sciogliere la cera che teneva unite le sue ali e precipitando in mare.

L’opera di JDL avrà una durata temporanea di circa due anni, in quanto il palazzone è interessato dalle attività di ristrutturazione del PNRR; in questo arco di tempo però, prima di essere distrutta, sarà trasformata in NFT, in modo che possa comunque continuare a essere visibile e vivere in rete nel mondo digitale della blockchain. I ricavati dalla vendita dell’opera saranno devoluti in beneficenza nello stesso quartiere.

jdl
JDL (Foto di BenL @just_a_spectator)

Specializzata in grandi superfici e muri importanti, con un’identità artistica riconosciuta e riconoscibile in tutto il mondo, JDL è una giovane e brillante artista, attiva e conosciuta per il suo impegno nel sociale, soprattutto verso le donne e i più deboli. Nata e cresciuta ad Amsterdam, Judith de Leeuw ha iniziato all’età di quindici anni a realizzare graffiti sui muri della capitale olandese, raggiungendo la notorietà con il monumentale murale dedicato ad Amy Winehouse. Da quel momento, JDL è diventata famosa in tutto il mondo, lavorando in decine di paesi diversi e raccogliendo sempre più successo con la sua arte, che dalle strade della capitale olandese l’ha portata a quotazioni da capogiro.

Grazie al patrocinio del Municipio XI, al presidente Gianluca Lanzi e alla giunta, ai comitati e alle associazioni di quartiere, ai partner Roma Best Practice e Mitreo Iside, al centro Nicoletta Campanella e ai partner tecnici Minguzzi, Bricofer, Sikkens per il loro contributo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento

Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi
Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi

Theresa Van Cherry, l’artista lituana che illustra la vita attraverso gli occhi della Natura
Theresa Van Cherry, l’artista lituana che illustra la vita attraverso gli occhi della Natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa e Germania inviano i carri armati: cosa succede? – #660

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

|

Wakhan, il corridoio che collega Cina e Afghanistan dove le minoranze vengono sacrificate

|

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

|

Kukì e il canto del fiume