6 Feb 2023

R.A.M. Radici a Moncalieri: “Ritornare alla terra oggi vuol dire imparare a goderti ciò che questa ti dà”

Scritto da: Lorenzo Scottà

Ha delle radici ben solide e immersa nella sua terra offre frutta e verdura sempre fresche e di stagione. No, non stiamo parlando di un vegetale, ma di RAM, Radici a Moncalieri, un'azienda agricola fondata da un gruppo di giovani che hanno unito le loro conoscenze per dare vita a un luogo di cooperazione e di innovazione in campo agricolo. Ma RAM è anche una fattoria didattica, un agriturismo, un luogo di incontro immerso nella natura e tutto da scoprire.

Salva nei preferiti

Torino - «Ciao! Ho visto il post sulla pagina per la consegna della cassetta. Sarei interessato per questo giovedì. Sapresti dirmi quanto verrebbe? Grazie!».

«Ciao, consegniamo a domicilio cassette miste del valore di 10 euro (consegna inclusa) se vuoi la prossima consegna sarà giovedì!».

Con questo scambio di messaggi è iniziata una lunga “relazione” gastronomica (ma non solo) tra me e Radici a Moncalieri (RAM). RAM è un’azienda agricola e una fattoria didattica di Moncalieri, in provincia di Torino, che si pone l’obiettivo di dare nuova vita al territorio agricolo grazie all’unione di tecniche tradizionali contadine e metodi di tecnologia agraria contemporanea.

Ma RAM è anche un contenitore di attività da cui puoi comprare prodotti di stagione, rifornire il tuo ristorante e dove puoi assaggiare ed acquistare la birra agricola prodotta da loro e vivere da protagonista la natura durante gli innumerevoli eventi che organizzano. Inoltre, essendo iscritta dal 2018 all’albo delle Fattorie Didattiche Italiane, può collaborare con scuole e associazioni per stimolare la curiosità verso la natura, i metodi di coltivazione e i valori etici del rispetto verso l’ambiente.

Ram2 1

Prima di ritrovarmi chiuso a casa per lo scoppio della pandemia di Covid-19 a marzo 2020 però la mia strada e quella di RAM non si erano ancora incontrate. In precedenza facevo la spesa tramite gruppi di acquisto collettivo che purtroppo con la pandemia hanno dovuto sospendere il loro servizio; a quel punto, scorrendo sulle bacheche di Facebook, la proposta di RAM, ovvero una “cassetta contenente il meglio della stagionalità agricola direttamente a casa vostra”, mi è corsa in soccorso.

La cassetta è divenuta un modo per imparare a rispettare il ritmo delle stagioni senza forzature e allo stesso tempo, visto che erano i primi anni in cui vivevo da solo, a mangiare verdure che non avrei (e non avevo) mai comprato, dal papavero spontaneo al cavolo rapa.

RAM in due parole è un luogo sociale, ma anche un luogo in cui ti connetti con la natura e allo stesso tempo ti connetti con te stesso

Uno stimolo quindi ad allargare la mia biodiversità alimentare e nel contempo una sfida culinaria sempre nuova.
Dopo due anni di cassette consegnate a casa e chiacchiere sull’uscio durante le consegne, era venuto il momento di andare a vedere dove cominciava tutto il processo.

Così ho chiesto se potevo fare un giro nell’azienda agricola di Strada Castelvecchio 37 a Moncalieri, dove Ariana mi ha accolto e guidato a braccia aperte. Ariana è nata in Portogallo e ha conosciuto RAM tramite un progetto di wwoofing, dopo il quale si è così innamorata del luogo, del progetto e della comunità che ha deciso di trasferirsi a vivere e lavorare nell’azienda agricola. Le risposte che seguono sono il risultato della nostra chiacchierata tra i campi.

Ram3 1
Come definiresti RAM in due parole? E cosa diresti invece se potessi usarne molte di più?

RAM in due parole è un luogo sociale, ma anche un luogo in cui ti connetti con la natura e allo stesso tempo ti connetti con te stesso. Mentre, articolando un discorso più completo, RAM è da un lato sociale – perché è parte attiva di progetti di wwoofing, di volontariato europeo, di progetti con persone diversamente abili o con disagio sociale – e dall’altro è un’azienda agricola che vuole rispettare la natura e connettersi con essa. Per questo è in atto una conversione biologica e integra al suo interno principi e progetti della permacultura e di un mondo a zero sprechi.

Perché dei giovani decidono di fare gli agricoltori?

Perché ritornare alla terra oggi vuol dire imparare a goderti ciò che questa ti dà e apprendere con essa rispettando i ritmi della natura e delle stagioni. È anche solo banalmente imparare che gli zucchini non puoi chiedermeli a dicembre e che invece è possibile rispettare e valorizzare quello che c’è in quel momento. E vuol dire anche imparare a rompere le logiche dei supermercati, che abituano ad acquistare e consumare moltissimi prodotti di cui non si ha realmente bisogno.

Veniamo a come ci siamo conosciuti: come mai avete deciso di realizzare la “cassetta mista del contadino” lanciandola in piena pandemia?

La cassetta del contadino è stata concepita pensando proprio al fatto che le persone erano costrette a rimanere a casa e avevano molta più difficoltà a raggiungere prodotti naturali stagionali e freschi. Così ha preso vita l’idea di portare una cassetta mista di verdure di stagione a un prezzo fisso a domicilio, anche perché, se molte attività erano ferme, la natura continuava il suo corso.

Ram1 1
Qual è il più grande sogno di RAM?

Il sogno più grande di RAM sarebbe quello di diventare autosufficienti al 95% su tutti i fronti: dai pannelli solari, passando per le acque idroponiche fino alla produzione sostenibile del cibo.

Quale consiglio daresti a un giovane che fa la spesa?

Il consiglio è quello di fermarsi un attimo di fronte al proprio piatto e chiedersi “da dove arriva questo?”, innescando una serie di domande che portino a risalire la catena produttiva, passando dal riflettere su quale modello di lavoro ci sia dietro o come quel prodotto sia arrivato fino a me, fino alla stagionalità della natura. L’invito è quello di impostare una cultura del cibo partendo da questa “riflessione a catena”.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Lentamente, la cooperativa che promuove integrazione sociale attraverso un’agricoltura biologica
Lentamente, la cooperativa che promuove integrazione sociale attraverso un’agricoltura biologica

Su Per Terra, la storia del ritorno alla natura di due giovani dell’Irpinia
Su Per Terra, la storia del ritorno alla natura di due giovani dell’Irpinia

Filiera Futura: rinnovate le cariche dell’associazione per l’innovazione agroalimentare
Filiera Futura: rinnovate le cariche dell’associazione per l’innovazione agroalimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(8) "piemonte"