29 Mar 2023

La forma nel legno: la bellezza di creare con le proprie mani

Scritto da: Benedetta Torsello

Enzo Romeo lavora il legno da oltre quarant’anni e ama definirsi un artigiano creativo, che mette le proprie abilità al servizio della fantasia. Ciò che ne viene fuori, è ogni volta una scoperta nuova. La forma nel legno è il suo mondo, ma anche un progetto di falegnameria partecipata.

Salva nei preferiti

Genova - Quella con il legno, per Enzo Romeo è una storia lunga una vita. Aveva appena vent’anni la prima volta che iniziò a curiosare e interessarsi a questo materiale così semplice e affascinante allo stesso tempo. «Avevo studiato per diventare perito industriale e non avevo manualità, ma solo una grandissima voglia di fare», mi racconta.

Sul filo dei ricordi, mentre chiacchieriamo al telefono, mi cita una frase di Gandhi letta da ragazzo e che in qualche modo ha condizionato le sue scelte e acceso il desiderio di creare qualcosa con le proprie mani. «Esiste una correlazione tra lo sviluppo dell’intelligenza e il lavoro manuale – prosegue parafrasandola – Questa cosa mi ha colpito moltissimo e in qualche modo influenzato nelle scelte fatte».

Così da giovanissimo apprende i fondamenti della falegnameria grazie agli insegnamenti di Giuseppe Donato, falegname del centro storico di Genova. «Poi come spesso accade, la vita ti porta per strade che non si scelgono direttamente e quindi per trentasei anni, spinto da esigenze economiche e familiari, ho lavorato in ferrovia», prosegue. Quella per il legno resta comunque una passione importante, da coltivare nel tempo libero e appena ne ha l’opportunità.

la forma nel legno 2
Enzo Romeo
UN ARTIGIANO CREATIVO

Per anni Enzo continua a osservare e imparare: incrocia la lunga esperienza di Amleto Bellino, falegname piemontese specializzato nel restauro di strutture antiche e nel rifacimento di solai, boiserie e pavimenti, utilizzando legno vecchio. E fa quello che tra artigiani si definisce «rubare il sapere». Nel 2017 si licenzia e crea La forma nel legno, mettendo su un laboratorio nella casa in campagna a Neirone.

«Ho iniziato così a sperimentare. Immaginare, disegnare dei mobili e poi provare a realizzarli», mi racconta con voce emozionata. «Un conto è lavorare dei pannelli laminati plastici, come spesso si fa oggi nelle falegnamerie, tutt’altra cosa è il legno massello. Questo ha a che fare con la creatività, perché ogni oggetto o mobile si scopre avere un’essenza, un’anima».

Enzo mette le proprie abilità e ciò che ha appreso negli anni da maestri e artigiani, al servizio della fantasia

Da oltre quarant’anni, Enzo mette le proprie abilità e ciò che ha appreso negli anni da maestri e artigiani, al servizio della fantasia. È per questo che non ama definirsi un artista ma un artigiano creativo. «Fondamentalmente creo bellezza», commenta Enzo. E La forma nel legno è lo spazio essenziale che gli permette di esprimersi sino in fondo. Un laboratorio con pochi strumenti, mi racconta, ricavato nella «baracca», la casa degli attrezzi che si trova in tutte le case di campagna.

IL COLLABORATORIO

Negli anni Enzo ha tenuto corsi e insegnato ad altri i segreti di questo mestiere. Con La forma del legno, Enzo ha anche avviato un progetto di falegnameria partecipata, che ha chiamato il Collaboratorio.  «Non si tratta di un corso – precisa Enzo – ma di uno spazio condiviso di lavoro e progettazione. Un esperimento che mi piacerebbe si diffondesse come metodo di lavoro condiviso». Nel Collaboratorio si lavora insieme e si impara gli uni dagli altri.

«Il vero obiettivo non è portarsi a casa un oggetto finito, ma l’esperienza di lavorare con gli altri, in un ambiente favorevole per l’apprendimento, in cui il risultato conta meno del percorso fatto per raggiungerlo». Per Enzo il Collaboratorio è la sintesi di tutto: è la collaborazione, lo scambio di conoscenza e soprattutto quella giusta dose di leggerezza che permette di sperimentare senza il timore di sbagliato.

Poco prima di salutarci, chiedo a Enzo che cosa gli abbia insegnato lavorare il legno, al di là della tecnica e del mestiere. Ci pensa un attimo e poi risponde senza ombra di dubbio: «L’umiltà – gli sento dire dall’altro capo del telefono – perché si può immaginare qualsiasi cosa, ma poi bisogna sempre fare i conti con la realtà e i limiti che ci impone la materia. Credo che questa sia una delle più autentiche lezioni di umiltà».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Abiti e abitudini dell’abitare la Sardegna glocale
Abiti e abitudini dell’abitare la Sardegna glocale

Sensuability®️, abbattere i tabù su sessualità e disabilità attraverso l’arte – Dove eravamo rimasti #31
Sensuability®️, abbattere i tabù su sessualità e disabilità attraverso l’arte – Dove eravamo rimasti #31

Su 28 aprili est Sa Die, sa festa natzionale de su populu sardu
Su 28 aprili est Sa Die, sa festa natzionale de su populu sardu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(7) "liguria"