11 Mag 2023

Una vacanza di ispirazione per cambiare il (proprio) mondo insieme a Italia Che Cambia

Uno dei luoghi del cambiamento più innovativi d'Italia – il Centro di Ecologia Applicata Autosufficienza – ospiterà una settimana all'insegna delle buone pratiche in compagnia dello staff di Italia Che Cambia e di amici e amiche del nostro progetto con grandi competenze nei più svariati settori, dalla permacultura alla facilitazione. L'appuntamento è per la settimana che va dal 15 al 21 luglio.

Salva nei preferiti

Cesena, Emilia-Romagna - Facilitazione, comunicazione ecologica, informazione, sguardo sistemico, biofilia. Sono alcuni degli ingredienti che consentono il cambiamento, la realizzazione felice dei nostri progetti e la creazione del mondo che vogliamo. Se vuoi, puoi farne esperienza con noi di Italia che Cambia dal 15 al 21 luglio al Centro di Ecologia Applicata Autosufficienza. Una settimana di vacanza creativa per chi è in cerca di ispirazione e strumenti concreti, un’occasione per condividere i propri progetti, essere protagonisti del proprio cambiamento e incontrare quella che Paul Hawken definisce “moltitudine inarrestabile”.

Uomini e donne che di fronte a un problema si attivano per cambiare concretamente le cose senza delegare o aspettare che qualcuno lo faccia al loro posto. Quella stessa moltitudine che ormai, da oltre dieci anni, Italia che Cambia racconta quotidianamente, mappa e mette in rete, innescando processi di diffusione delle buone pratiche e facendo conoscere i loro protagonisti non solo all’opinione pubblica, ma anche fra di loro, favorendo la nascita di sinergie e collaborazioni.

autosufficienza

Dal viaggio in camper che Daniel Tarozzi realizzò per scrivere il suo libro Io Faccio Così infatti, non ci siamo più fermati e nel corso degli anni la redazione è diventata sempre più numerosa e diffusa sul territorio proprio per monitorare attentamente e raccontare i progetti virtuosi, facilitare i processi di trasformazione positiva in atto con l’obiettivo di far emergere le potenzialità di coloro che “vogliono cambiare” fornendo l’esempio, il know how e il supporto della rete di progetti esistenti. 

Partecipando alla settimana potrai incontrare i protagonisti dell’Italia che Cambia e sperimentare quegli strumenti che abbiamo identificato in questi anni come essenziali per costruire un nuovo paradigma culturale che mette al centro la demercificazione della realtà, le relazioni umane, la facilitazione, i processi non giudicanti, la sostenibilità umana, ambientale, economica e sociale. 

gruppo icc catania 1024x681 1

Momenti di ispirazione, ma anche di formazione attraverso costanti che mostrano come gli agenti del cambiamento hanno affrontato e risolto i principali ostacoli al cambiamento individuale e collettivo. «Là fuori infatti – ripete spesso Daniel Tarozzi come un mantra – c’è un Paese che funziona, che mette al centro la sostenibilità ambientale, sociale e umana e che realizza progetti concreti».

Insieme a Daniel, a condurci e offrire altre esperienze concrete di cambiamento, ci saranno anche Andrea Degl’Innocenti, Daniela Bartolini, Selena Meli e gran parte del nostro team. E poi Giuseppe Barbiero, Francesco Angelo Rosso, Hubert Bösch e Lucilla Satanassi, Martina Francesca, Eva Lotz, Giulio Pesenti, Ezio Maisto, Sorgente, Stefano Fucili. «In questi anni ho capito che si può realizzare più o meno l’impossibile. Sognare l’impossibile e realizzarlo è uno dei nostri modi di raccontare l’Italia che Cambia. Ho scoperto che quello che frena il cambiamento personale o collettivo sono paure, più o meno solite», racconta Daniel.

Potrai incontrare i protagonisti dell’Italia che Cambia e sperimentare quegli strumenti che abbiamo identificato in questi anni come essenziali per costruire un nuovo paradigma culturale

Durante la settimana potrai quindi scoprire come prenderti cura delle relazioni, come creare solide radici per un gruppo o un progetto affinché sia sostenibile a lungo termine, come evitare conflitti o altre dinamiche poco funzionali in gruppo. Quali sono le paure e gli ostacoli più frequenti di fronte al cambiamento e le soluzioni per superarli, come l’informazione influenza il nostro immaginario e i bias cognitivi con cui filtriamo la nostra percezione della realtà. Quali nuovi modelli di governance possiamo adottare e gli strumenti della transizione e del pensiero sistemico per la trasformazione. 

Il tutto in un contesto di grande impatto fisico ed emotivo, il Centro di Ecologia Applicata Autosufficienza, un luogo di ispirazione per uno stile di vita basato sull’equilibrio, la salute, la resilienza e la sostenibilità. Tra musica, cerchi di condivisione di progetti e esperienze e tempo libero per camminate, letture, meditazione e bagni nella bio-piscina, ti aspettiamo dal 15 al 21 luglio per far parte anche tu di quella “moltitudine inarrestabile” insieme a noi di Italia che Cambia!

Clicca qui per saperne di più.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici
Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka
Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

Sentite il Richiamo del Bosco? A giugno valli e montagne vi aspettano
Sentite il Richiamo del Bosco? A giugno valli e montagne vi aspettano

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(9) "nazionale"