15 Mag 2024

La Corsa Contro la Fame, il progetto che sensibilizza bambini e famiglie sulla malnutrizione

Scritto da: Valentina D'Amora

In tutta Italia la scorsa settimana si è tenuta un'iniziativa solidale promossa da Azione Contro la Fame, che da dieci anni vuole combattere la malnutrizione infantile attraverso una corsa che coinvolge tantissime scuole. Abbiamo parlato con una bambina genovese, Giulia, che ha partecipato con diverse classi dell'istituto comprensivo che frequenta. Tanti piccoli corridori, un'unica "sconfitta": la fame.

Salva nei preferiti

Genova - «A scuola mi hanno dato un passaporto solidale, sai? Perché qualche giorno fa ho fatto una corsa per aiutare i bambini malnutriti del Bangladesh». Guardo Giulia, sette anni, mentre sta seduta sul divano e sfoglia un libretto con foto di bambini e penso: cosa c’entra una corsa con la fame nel mondo? Mi spiega con un filo di emozione che lei e i suoi compagni, insieme ad altre quattordici classi della primaria e a tredici della secondaria del suo istituto, l’IC Prà, l’8 maggio alle 10 si sono incontrati al parco Dapelo di Genova e hanno preso parte alla decima edizione de La Corsa Contro la Fame, un’iniziativa che intreccia sport e solidarietà.

COME FUNZIONA LA CORSA CONTRO LA FAME

Ogni partecipante, nelle settimane precedenti alla corsa, si mette alla ricerca di finanziatori della propria impresa podistica, raccontando il progetto a chi conosce. I nonni, gli zii, gli amici e i vicini di casa che vengono coinvolti aderiscono all’iniziativa attraverso una “promessa di donazione” per ogni giro percorso. «Se per esempio il nonno promette di darmi un euro a giro e io li percorrerò tutti e dieci, donerà dieci euro». E così tutti coloro che desiderano appoggiare quest’avventura.

braccio

La raccolta fondi de La Corsa Contro la Fame ha un obiettivo preciso, che conoscono bene tutti i corridori: «Serve ad aiutare i bambini a uscire dalla malnutrizione», chiarisce Giulia, mostrandomi la brochure del progetto e un cartoncino, il MUAC, che misura la circonferenza del proprio braccio per valutare rapidamente lo stato di nutrizione. «Vedi? Il mio misura 17 centimetri, quindi io sto bene, ma la salute di chi ce l’ha di 11 o 12 centimetri è a rischio, perché è troppo stretto, è pericoloso».

Ecco perché lo scopo è acquistare il maggior numero possibile di confezioni di cibo terapeutico pronto all’uso – il RUTF, Ready-to-Use Therapeutic Food –, un alimento a base di pasta d’arachidi e arricchito con vitamine per la riabilitazione nutrizionale di bambini a partire dai sei mesi che non ha nemmeno necessità di acqua. Giulia, grazie alla sua corsa, ha la percezione di aver concretamente fatto qualcosa di buono per chi vive dall’altra parte del mondo: «Lì non hanno cibo, ma sono riuscita a raccogliere 200 euro quindi, visto che ogni confezione costa 28 euro, ho salvato la vita di sette bambini», mi dice fiera.

Sono riuscita a salvare la vita di sette bambini

DI CHE SI TRATTA E COME FARE PER ADERIRE

La Corsa Contro la Fame è un progetto gratuito di educazione civica e alla cittadinanza globale rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado che vuole divulgare consapevolezza tra bambini e ragazzi rispetto a tematiche sociali e di attualità, con un focus sul tema della malnutrizione. Promossa da Azione contro la Fame, un’organizzazione umanitaria che lavora da più di quarant’anni nell’ambito cooperazione internazionale, è un’iniziativa che fa entrare in classe la solidarietà e stimola la conoscenza nei confronti di realtà di paesi lontani, in contesti di guerra, povertà e cambiamenti climatici.

«Prendiamo parte a questa iniziativa da dieci anni – sottolinea il dirigente scolastico dell’IC Prà Luca Goggi – perché ci piace molto l’idea di unire sport, solidarietà e legame con il proprio territorio. Sapere, poi, che con il proprio sforzo si può dare una mano concreta a chi ha bisogno è impareggiabile». I bambini, infatti, sono tutti molto orgogliosi di partecipare: «Sono anche felici di coinvolgere parenti e amici in una raccolta fondi che premia i loro risultati di corsa aiutando gli altri».

corsa fame
La Corsa Contro la Fame

Le scuole che si iscrivono ricevono materiale didattico e l’accesso a diverse ore di webinar per gli insegnanti e aprono le porte a un dialogatore che tra febbraio e aprile conduce un’ora di attività interattiva in ogni classe iscritta. Ogni anno i contenuti sono sempre diversi e, attraverso testimonianze, foto e video vengono esplorate le abitudini, i paesaggi e le sfide principali del Paese a cui vengono indirizzati i proventi delle corse.

Quest’anno è stato il Bangladesh, mentre nel 2025 protagonista sarà la Costa d’Avorio. «La presentazione è molto visuale e d’impatto – mi racconta un’insegnante di sostegno in una classe terza –; i bambini hanno seguito rapiti tutta la spiegazione dell’esperto a cui hanno poi rivolto tantissime domande». Le iscrizioni alla prossima edizione sono già aperte: fame di vincere, fame da vincere!

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola
Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

A Reggio Calabria parte un percorso formativo pionieristico per la cura della SLA
A Reggio Calabria parte un percorso formativo pionieristico per la cura della SLA

Il microscopio del chirurgo calabrese Domenico Gerbasi che combatte i tumori al seno
Il microscopio del chirurgo calabrese Domenico Gerbasi che combatte i tumori al seno

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Terremoti ai Campi flegrei: la paura e i piani di evacuazione incompleti – #936

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

|

Eirenefest: dall’arte all’ambiente, tre giorni di festa per la pace e la nonviolenza

|

Al via il trekking alla scoperta dei parchi naturali italiani

|

Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco

|

Il forno di Vincenzo: un progetto di comunità è la risposta alla X Fragile

string(7) "liguria"