In treno per Venezia: idee di mondo diverse

“Io sono lenta”!

Sono in treno per Venzia e ne approfitto per tirar giù qualche riflessione su questi giorni. La prosa stenta, il tempo fugge, ma intanto fisso su “carta” quanto confusamente si accavalla dentro di me.

Di nuovo in treno per Venezia. Oggi terza giornata di conferenza sulla decrescita (per me l’ultima, visto che domani vado a Corchiano per la festa dei comuni virtuosi).

Ieri incontri molto stimolanti, ma soprattutto tantissima gente, veramente tanta, che si ritrovava a Venezia per un idea di mondo diversa da quella vigente. Anzi, per delle idee di mondo diverse.

Idee apparentemente distanti tra loro, ma secondo me straordinariamente complementari. Decrescita, transition town, ecologia profonda, eco-filosofia, progettazione partecipata, gas, des, democrazia partecipata (solo per citarne alcune!) possono diventare le tessere di uno straordinario mosaico, che compone una nuova realtà basata sul buon senso, il rispetto dell’altro e del pianeta in cui viviamo, la voglia di rimettersi in gioco, di criticare la monocultura dei mass media e di ripartire dalle relazioni, dalla responsabilità individuale, dall’unione tra corpo, mente e spirito, dall’equilibrio tra maschile e femminile, tra essere umano e altri animali, tra lavoro, ambiente e salute. Con l’obiettivo di de-mercificare la vita e la società, de-colonizzare l’immaginario, imparare a co-ndividere e co-municare le proprie istanze, i propri valori, le proprie visioni.

Venezia, conferenza della Decrescita

Davvero stimolante vedere centinaia di persone unite dalla voglia di discutere e confrontarsi su questi temi. E notare in molti di loro e negli organizzatori dell’evento, una tensione ideale fortissima verso un mondo fatto di gesti e non solo di parole, di coerenza, o meglio di proiezione verso la coerenza. Perché è vero, tutto non si può cambiare, nella propria vita come nel mondo intorno a noi. Ma queste persone sembrano pensare che molto però si può fare. Basta cominciare a muoversi.

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche

4 commenti
  1. Rosellina
    Rosellina says:

    Sono felice di sapere che esiste questo “nuovo” mondo che lentamente diffonde piccoli gesti,comportamenti, idee che potranno salvare la Terra. Buon Lavoro a questi piccoli e grandi uomini di buona volontà!

  2. cristina
    cristina says:

    Anch’io seguo questi cambiamenti con interesse,tanti li stanno solo guardando,alcuni stanno facendo qualche cosa,altri non si rendono nemmeno conto,mi piace essere qui in questo cambiamento epocale come lo hanno definito,anche se non c’è una strada da seguire ma da disegnare.ciao a tutti.Cristina.Buon lavoro a tutti!

Trackbacks & Pingbacks

  1. [...] che cambia. Nel comune viterbese ha fatto tappa anche Daniel Tarozzi, dal 9 settembre in Viaggio nell’Italia che… cambia!. “Essere qui è fondamentale – scrive il direttore del Cambiamento – Amministrazioni [...]

  2. [...] scrivo mi trovo in Camper in Sardegna). Vi ho raccontato della conferenza internazionale sulla Decrescita a Venezia. Tra i tanti incontri, oltre a quelli che vi ho già segnalato, vorrei citare Zanotelli, Paolo [...]

I commenti sono chiusi.