22 Dic 2015

Imparare dall'orto: in Sicilia un'Aula Permanente di Ecologia

Promuovere l'ecologia ed il lavoro nell'orto come strumento per trasmettere l'educazione ambientale e molte altre competenze. È questa la finalità dell'associazione APE, Aula Permanente di Ecologia, che opera nella Sicilia orientale. Per saperne di più abbiamo intervistato Manuela Trovato, tra le fondatrici del progetto.

È partito nel 2012 in Sicilia, in collaborazione con la cooperativa Anima Mundi e con il comune di Savoca (in provincia di Messina), il progetto APE, Aula Permanente di Ecologia, un’aula all’aperto dedicata alla didattica in orto.

 

Il focus principale dell’associazione che opera nella Sicilia orientale è quello di fornire servizi per la promozione di comportamenti e riflessioni sull’ecologia e la sostenibilità ambientale.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

In occasione dell’ultimo incontro degli Agenti del Cambiamento, abbiamo intervistato una delle quattro fondatrici di APE, Manuela Trovato che ci ha spiegato le finalità e attività portate avanti dall’associazione.

 

 

“Organizziamo corsi e laboratori di formazione per bambine e bambini presso la nostra aula didattica, che è un giardino all’aperto con un orto creato dai bambini  ed un grande orto condiviso. Inoltre organizziamo campagne di educazione ambientale nelle scuole, su temi differenti come l’educazione alimentare, l’economia circolare, l’energia ed il recupero dei materiali”.

 

Una peculiarità dell’Ape è quella di progettare tutte le attività portate avanti seguendo i principi della permacultura.

 

580760_195426527308205_661790003_n

 

L’associazione si occupa della realizzazione di orti nelle scuole e offre supporto alle scuole nella creazione di orti scolastici sia dove ci sono dei giardini sia implementando sistemi orticoli in piccoli spazi o in cassette. “Noi – ci spiega Manuela – consideriamo l’orto uno strumento didattico trasversale. Tramite il lavoro pratico riusciamo infatti a trasmettere nozioni e concetti di matematica, scienze, biologia, storia e spesso anche inglese”.

 

“Preferiamo lavorare nell’orto soprattutto con le bambine ed i bambini della scuola primaria perché sono già consapevoli delle loro azioni e avvertiamo meno la paura che possano farsi male. Con le bambine ed i bambini della scuola materna in genere avviamo percorsi di avvicinamento e sensibilizzazione alle tematiche che poi permetteranno loro la creazione e la gestione di un orto. Le attività di Ape si rivolgono anche ai ragazzi della scuole superiori, in particolare con campagne di sensibilizzazione”.

 

img_20150518_115843

 

“Il nostro obiettivo – conclude Manuela – è far passare il concetto che l’orto è un luogo in cui possiamo insegnare non soltanto l’educazione ambientale ma molte competenze. Inoltre vorremmo trasmettere altri metodi di lavoro in classe come la facilitazione, la comunicazione non violenta, l’ascolto empatico e molte altre metodologie utili a trasmettere l’educazione ambientale”.

 

Visualizza APE sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

 

Il sito di APE 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5