22 Dic 2015

Imparare dall'orto: in Sicilia un'Aula Permanente di Ecologia

Promuovere l'ecologia ed il lavoro nell'orto come strumento per trasmettere l'educazione ambientale e molte altre competenze. È questa la finalità dell'associazione APE, Aula Permanente di Ecologia, che opera nella Sicilia orientale. Per saperne di più abbiamo intervistato Manuela Trovato, tra le fondatrici del progetto.

Salva nei preferiti

Messina - È partito nel 2012 in Sicilia, in collaborazione con la cooperativa Anima Mundi e con il comune di Savoca (in provincia di Messina), il progetto APE, Aula Permanente di Ecologia, un’aula all’aperto dedicata alla didattica in orto.

Il focus principale dell’associazione che opera nella Sicilia orientale è quello di fornire servizi per la promozione di comportamenti e riflessioni sull’ecologia e la sostenibilità ambientale.

In occasione dell’ultimo incontro degli Agenti del Cambiamento, abbiamo intervistato una delle quattro fondatrici di APE, Manuela Trovato che ci ha spiegato le finalità e attività portate avanti dall’associazione.

“Organizziamo corsi e laboratori di formazione per bambine e bambini presso la nostra aula didattica, che è un giardino all’aperto con un orto creato dai bambini  ed un grande orto condiviso. Inoltre organizziamo campagne di educazione ambientale nelle scuole, su temi differenti come l’educazione alimentare, l’economia circolare, l’energia ed il recupero dei materiali”.

Una peculiarità dell’Ape è quella di progettare tutte le attività portate avanti seguendo i principi della permacultura.

580760_195426527308205_661790003_n

L’associazione si occupa della realizzazione di orti nelle scuole e offre supporto alle scuole nella creazione di orti scolastici sia dove ci sono dei giardini sia implementando sistemi orticoli in piccoli spazi o in cassette. “Noi – ci spiega Manuela – consideriamo l’orto uno strumento didattico trasversale. Tramite il lavoro pratico riusciamo infatti a trasmettere nozioni e concetti di matematica, scienze, biologia, storia e spesso anche inglese”.

“Preferiamo lavorare nell’orto soprattutto con le bambine ed i bambini della scuola primaria perché sono già consapevoli delle loro azioni e avvertiamo meno la paura che possano farsi male. Con le bambine ed i bambini della scuola materna in genere avviamo percorsi di avvicinamento e sensibilizzazione alle tematiche che poi permetteranno loro la creazione e la gestione di un orto. Le attività di Ape si rivolgono anche ai ragazzi della scuole superiori, in particolare con campagne di sensibilizzazione”.

img_20150518_115843

“Il nostro obiettivo – conclude Manuela – è far passare il concetto che l’orto è un luogo in cui possiamo insegnare non soltanto l’educazione ambientale ma molte competenze. Inoltre vorremmo trasmettere altri metodi di lavoro in classe come la facilitazione, la comunicazione non violenta, l’ascolto empatico e molte altre metodologie utili a trasmettere l’educazione ambientale”.

Visualizza APE sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

Il sito di APE 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Cascina Sabbione, dove l’aula è l’orto e la natura diventa arte
Cascina Sabbione, dove l’aula è l’orto e la natura diventa arte

Dai maestri di strada all’asilo nel bosco: Danilo Casertano ha cambiato la scuola? – Dove eravamo rimasti #25
Dai maestri di strada all’asilo nel bosco: Danilo Casertano ha cambiato la scuola? – Dove eravamo rimasti #25

Fattoria di Chiara e Arianna, a scuola con gli asinelli nel cuore di Roma – Io Faccio Così #394
Fattoria di Chiara e Arianna, a scuola con gli asinelli nel cuore di Roma – Io Faccio Così #394

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(7) "sicilia"