Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Ott 2015

Gli Agenti del Cambiamento si incontrano: il video racconto del terzo raduno nazionale

Dal 17 al 19 ottobre 2015 presso la “Città dell'Arte – Fondazione Pistoletto” di Biella si è tenuto il terzo incontro nazionale degli Agenti del Cambiamento, organizzato da Italia che Cambia. L'incontro ha rappresentato un'occasione di confronto tra decine di persone, rappresentanti di associazioni, enti e istituzioni, ma anche normali cittadini impegnati per un cambiamento concreto, etico e sostenibile della propria vita e della nostra società.

È iniziato tutto in Umbria circa un anno fa, quando per la prima volta, il centro Panta rei, ha ospitato un gruppo di “pionieri” che, provenienti da tutta Italia, hanno deciso di trovarsi lì. Perché? Per conoscersi e confrontarsi su come contribuire a migliorare questo Paese, costruendo modelli sociali, economici ed ambientali nuovi e resilienti alle difficoltà, fondati sulle relazioni umane, sulla valorizzazione dei talenti della persona e sulle collaborazioni virtuose.

 

 Quell’incontro ha rappresentato così il punto di partenza per un percorso che gli Agenti del Cambiamento hanno deciso di costruire insieme, guidati da alcuni valori comuni: condivisione, responsabilità individuale, fiducia, riflessione, empatia, cooperazione. È iniziato così un processo, sono nate collaborazioni sui territori, scambi reciproci e contaminazioni positive.

 

A quel primo raduno nazionale hanno fatto seguito altri due, organizzati da Italia che Cambia, l’ultimo dei quali si è tenuto dal 17 al 19 ottobre a Biella, presso la Cittadellarte: un ex complesso industriale acquistato e restaurato dal grande artista italiano Michelangelo Pistoletto  e divenuto oggi un laboratorio di esperienze artistiche e innovative. L’obiettivo? Avviare processi di trasformazione responsabile nei diversi settori del tessuto sociale al fine di produrre un cambiamento etico e sostenibile, agendo su scala locale e globale.

 

 La Cittadellarte non poteva che apparirci come luogo ideale per ospitare l’incontro degli Agenti del Cambiamento!

 

 Oltre ai rappresentanti di Italia Che Cambia e della Fondazione Pistoletto, al raduno hanno partecipato i referenti di molte realtà del cambiamento italiano: da Arcipelago Scec a Transition Italia, dal Movimento per la Decrescita Felice  al Centro Panta Rei, alle ragazze di Invento Innovation Lab, partner di Italia Che Cambia nella partecipazione al bando Che Fare.

 

12108252_934689503268642_1156254965897040272_n

Condotta dalle facilitatrici di Comunitazione  Melania e Ilaria, la tre giorni ha rappresentato un intenso momento di confronto e creazione con analisi, dibattiti, workshop, ma anche momenti ludici e conviviali, per stringere amicizie ancora prima che avviare collaborazioni.

 

Oltre all’autoformazione e ai laboratori proposti dai partecipanti, ci sono stati due momenti guidati da Italia che Cambia durante i quali il nostro gruppo ha avuto modo di condividere con gli Agenti del Cambiamento gli sviluppi del progetto e le novità in cantiere. Abbiamo quindi presentato il progetto “Verso l’Accademia del Cambiamento” , avviato a Roma con una serie di aperitivi tematici e di laboratori teorico-pratici che poi verranno replicati nel resto d’Italia. L’idea è quella di avviare un percorso formativo che nel tempo possa evolvere fino alla nascita di una vera e propria università permanente di pratiche virtuose.

 

Sono state presentate anche le novità dell’autunno – per ora ancora top secret – mirate a incrementare in maniera esponenziale la partecipazione delle persone a questo grande movimento di cambiamento, attribuendo a ciascuno un ruolo reale, operativo e riconosciuto.

 

12122458_934687019935557_1778606161557243078_n

 

Non è mancato, infine, un momento di confronto con la realtà ospitante, con un tour alla scoperta della Città dell’Arte e un arricchente incontro con Michelangelo Pistoletto, che vi racconteremo nei prossimi giorni.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti