5 Ago 2020

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti

Scritto da: Gabriele Giannetto
Intervista di: GABRIELE GIANNETTO
Riprese di: FRANCESCA LO MANTO
Montaggio di: FRANCESCA LO MANTO

Un’impresa sociale all’avanguardia, un laboratorio per la produzione di prodotti da forno e un bistrot a cielo aperto. Tutto questo è Cotti in Fragranza: un progetto di formazione professionale, inclusione sociale e inserimento lavorativo rivolto ai giovani detenuti del carcere Malaspina di Palermo. Il loro motto? Se non li gusti non li puoi giudicare.

Palermo, Sicilia - Cotti in fragranza è un progetto della cooperativa Rigenerazioni, nato dentro al carcere minorile Malaspina di Palermo come laboratorio per la produzione di prodotti da forno. Il progetto nasce nel 2016 per promuovere stabili processi di inclusione socio-lavorativa per i ragazzi dell’Istituto Penale Minorile Malaspina di Palermo.

Un progetto buono, basato su una precisa etica della responsabilità, in cui i giovani coinvolti sono protagonisti di tutte le scelte, dai nomi dei prodotti alle strategie di marketing. Anche dopo aver concluso il proprio percorso detentivo, i ragazzi continuano a lavorare al progetto.

Negli anni – spiega Nadia Lodato che insieme a Lucia Lauro coordina il progetto – la produzione di biscotti e la vendita è arrivata a ricoprire tutto il territorio nazionale e anche all’estero, in Belgio. Oggi sono circa settanta i punti vendita dove poter acquistare i biscotti della cooperativa.

«Cotti in fragranza non è soltanto il biscottificio», continua Nadia Lodato.
Nel 2018 nasce, infatti, Al fresco, un bistrot che sorge all’interno del giardino di casa San Francesco, un ex infermeria dei Cappuccini del 600’ nel cuore di Ballarò. Al fresco è dunque la seconda casa della cooperativa e si occupa della preparazione di cibo fresco, ma anche di catering su ordinazione per eventi privati e servizi aziendali. Al fresco è un bistrot solidale dove poter gustare tante prelibatezze con materie prime di alta qualità per una produzione Made in Sicily d’eccellenza.

fresco 1
Il bistrot Al Fresco

Formazione professionale e partecipazione sono gli ingredienti principali di un progetto che vede protagonisti in prima persona i ragazzi del carcere Malaspina che attraverso percorsi formativi puntano all’inclusione lavorativa stabile. Come racconta lo chef Francesco Gambino: “Al fresco rappresenta una scommessa” e non si limita al percorso professionale intrapreso dai ragazzi, ma ha anche un forte impatto con il pubblico e i clienti che da esterni abbracciano il progetto.

cotti fragraza biscotti

“Se non li gusti non li puoi giudicare” è la citazione che trovate nel packaging dei loro prodotti.

Il giardino Al fresco non è solo un bistrot – conclude Nadia Lodato – ma anche uno spazio aperto alla cittadinanza, uno spazio recuperato, uno spazio di rigenerazione urbana. Per raggiungere questo obiettivo tanti sono gli eventi promossi all’interno del giardino come laboratori di lettura, laboratori creativi per bambini, esposizioni fotografiche ed eventi musicali.

Il tour di Sicilia Che Cambia non poteva che concludersi con una festa all’interno del giardino, vi lasciamo il link dell’evento in programma il 7 agosto e vi invitiamo a partecipare per poter giudicare.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Articoli simili
A Padova la rigenerazione urbana passa dal digitale
A Padova la rigenerazione urbana passa dal digitale

Porta Pazienza: la pizza solidale, etica e antimafia è più buona
Porta Pazienza: la pizza solidale, etica e antimafia è più buona

“Io vorrei restare a casa”. Come aiutare le persone senza fissa dimora?
“Io vorrei restare a casa”. Come aiutare le persone senza fissa dimora?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare