2 Set 2020

BenEssere al Castello: a Piovera il festival su discipline olistiche e salute

Scritto da: Lorena Di Maria

A Piovera, in provincia di Alessandria, giunge quest’anno la quinta edizione di Benessere a Castello, il festival sulle discipline olistiche e sulla salute che si svolgerà per tutta la giornata di domenica 13 settembre. Quest’anno Italia che Cambia è tra i mediapartner dell’evento, che vedrà anche la partecipazione di Daniel Tarozzi, alla scoperta di un altro immaginario.

Alessandria - Il Castello di Piovera è un luogo magico, una residenza d’epoca immersa in un parco di alberi secolari, dove assaporare la quiete e la natura in tutte le sue forme. Sarà per questi motivi che qui si svolge un festival che, quest’anno per la sua quinta edizione, celebra proprio il vivere naturale. BenEssere al Castello è una fiera delle discipline olistiche e del benessere psicofisico, una manifestazione ricca di stimoli che, come vi abbiamo già raccontato in un precedente articolo, affronta in modo innovativo e condiviso il tema della salute nel suo senso più ampio.

Piera Migliore è l’organizzatrice dell’evento e da lungo tempo, come operatrice olistica, si occupa della divulgazione di percorsi e tecniche volti al benessere dell’individuo nella sua interezza. Come ci racconta, «in particolare in questo periodo post covid-19, il festival è pensato per dare alle persone uno strumento per riconnettersi con se stesse. Stimolare pensieri positivi e una “igiene mentale” risulta molto importante nel momento in cui stiamo vivendo e il festival vuole fornire uno sguardo positivo sul futuro, per dire: “noi ci siamo!”».

Le attività verranno svolte all’interno del parco, nell’area del fossato e della serra. In questi spazi sarà possibile ascoltare le conferenze, partecipare alle dimostrazioni e, passeggiando tra le varie postazioni ben distanziate nel rispetto delle normative anti-covid, avranno luogo momenti di incontro e confronto con gli espositori che porteranno al festival anni e anni di esperienze nel campo del benessere.

Il programma vede la presenza di specialisti come Rossana Becarelli che parlerà delle nuove frontiere della medicina tra musica e biologia; Tania Re, che approfondirà il tema delle “terapie stupefacenti” a partire dall’unione tra antropologia e neuroscienze; Alberto Fragasso che tratterà il tema delle pratiche tradizionali sciamaniche. Saremo presenti anche noi di Italia che Cambia con Daniel Tarozzi, alla scoperta delle realtà e delle esperienze virtuose che tutti i giorni stanno cambiando il nostro Paese.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Durante la giornata, si parlerà di lavoro sul corpo e sulla mente dall’unione tra Ayurveda e psicologia, avranno luogo incontri sulla salute e l’alimentazione e tanto altro ancora. Tra le varie attività sono previste sessioni di meditazione, yoga e musica, durante tutto il suo svolgimento verrà proiettato ciclicamente un film tratto da un testo dello scrittore Daniel Lumera e per i bambini saranno presenti laboratori musicali e laboratori di mandala.

«Anche quest’anno il festival è un’occasione unica per conoscere la nuova visione della medicina integrata, l’incontro armonico fra la medicina convenzionale e le medicine complementari. Gli operatori tendono a fornire risposte che riguardano la persona nella sua interezza e non semplicemente il disturbo che è all’origine del consulto, con conferenze conoscitive sui più svariati argomenti che appartengono al benessere psicofisico».

Cosa portare a casa da questa giornata? Come ci racconta Piera, «tante informazioni da professionisti altamente qualificati, un bagaglio di esperienze e nuovi stimoli per una maggior consapevolezza di sé, una giornata fuori dal tempo e fuori dallo spazio per ricollegare il nostro ritmo interiore al ritmo della vita».

È ancora possibile partecipare al festival come espositori. Per informazioni e iscrizioni la mail di riferimento per gli espositori è: benessereitalia960@gmail.com

Nel rispetto delle nuove normative Anti-Covid, la prenotazione è obbligatoria. È possibile iscriversi e prenotare il biglietto sul sito dell’evento, da ritirare e pagare direttamente il giorno dell’evento (costo 5€).

Articoli simili
Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina
Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso
Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!
Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza