1 Ott 2020

L’Arcolaio: gli ex detenuti trovano lavoro valorizzando il territorio in cui vivono – Io faccio così #301

Scritto da: Gabriele Giannetto
Montaggio di: PAOLO CIGNINI

Favorire il reinserimento socio-lavorativo dei detenuti del carcere di Siracusa, di giovani immigrati e altre persone svantaggiate attraverso attività legate alla promozione e valorizzazione della diversità naturale e culturale della Sicilia. È questa la missione de L’Arcolaio, cooperativa che costruisce percorsi di cambiamento e riscatto.

Siracusa - Uno dei primi incontri durante il tour di Sicilia che Cambia è stato con l’Arcolaio, una cooperativa sociale di tipo B nata nel 2003 per favorire percorsi di integrazione socio-lavorativa dei detenuti attraverso la gestione di un’attività produttiva all’interno del carcere di Siracusa.

In una calda giornata di fine luglio abbiamo incontrato Maksim Coshman.

Maksim è di origini ucraine e durante il suo percorso detentivo ha iniziato una collaborazione con la cooperativa, inizialmente all’interno del carcere di Siracusa e oggi, in regime di semi libertà, come socio e responsabile del laboratorio. Prima di visitare i luoghi della trasformazione e confezionamento dei prodotti, abbiamo fatto un giro nel campo di aromatiche curato dalla cooperativa.

Nonostante il caldo, il paesaggio era molto suggestivo, l’odore delle erbe aromatiche travolgente e con piacere ci siamo immersi nelle storie di Maksim Coshman e Bruno Buccheri, responsabile della produzione, che ci attendeva già sul posto.

Con lo scopo di affiancare e promuovere la funzione rieducativa della struttura detentiva dal 2003 la cooperativa ha avviato diversi progetti. Inizialmente si è dedicata alla produzione di pane biologico, ma dopo aver incontrato alcune difficoltà commerciali ha scelto la realizzazione biologica di paste di mandorla e di altri dolci tipici della tradizione siciliana.

arcolaio 1

Nel 2005 viene creato il marchio registrato “Dolci Evasioni” e viene sviluppato un packaging dedicato. I prodotti Dolci Evasioni, senza glutine e con una filiera solidale, negli anni hanno conquistato il mercato nazionale attraverso i negozi specializzati di biologico, le botteghe del commercio equo e i GAS (gruppi di acquisto solidale).

Dal 2010 L’Arcolaio gestisce la cucina detenuti e la preparazione dei pasti per i detenuti della Casa Circondariale, ma offre altri servizi come la preparazione di catering in occasione di feste private, eventi e manifestazioni.

Nel 2014, con il sostegno della Fondazione di Comunità Val di Noto, di cui l’Arcolaio è socio fondatore, viene avviato il progetto di agricoltura sociale Frutti degli Iblei. Vengono così introdotte nuove categorie di prodotti, come erbe aromatiche, sali aromatizzati e ortaggi essiccati attraverso il recupero di terreni incolti e il coinvolgimento di altre categorie di persone svantaggiate (principalmente giovani e donne immigrate).

arcolaio frutto iblei

La cooperativa l’Arcolaio, passo dopo passo, è riuscita ad ampliare la sua rete di contatti sul territorio locale e nazionale che le hanno consentito di crescere e rafforzarsi e acquisire una notevole visibilità.

Tra gli obiettivi principali della cooperativa c’è l’inserimento degli ex detenuti nel mondo del lavoro, Buccheri infatti definisce il ruolo della cooperativa un “trampolino di lancio” che consenta a tutti, una volta fuori l’istituto penitenziario, di avere un’altra possibilità.

L’Arcolaio, quindi, offre concrete alternative a persone svantaggiate, come detenuti o immigrati, creando un modello economico basato sul rispetto dell’ambiente e la solidarietà. Le paste di mandorla e le erbe aromatiche, rigorosamente biologiche, uniscono un’ottima qualità e genuinità, a un grande valore sociale.

L’Arcolaio rappresenta un piccolo, ma prezioso frammento della Sicilia solidale, equa e inclusiva, attenta alla valorizzazione delle persone e delle risorse del territorio.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
“Siamo venuti dai nostri Paesi per essere parte della comunità che ci accoglie”

“Vogliamo continuare a stringere accordi con uno Stato abusatore?”. Gli psicologi italiani contro l’accordo Italia-Libia
“Vogliamo continuare a stringere accordi con uno Stato abusatore?”. Gli psicologi italiani contro l’accordo Italia-Libia

Dal Guatemala agli Stati Uniti, il sogno impossibile di Wilson nelle mani di un coyote
Dal Guatemala agli Stati Uniti, il sogno impossibile di Wilson nelle mani di un coyote

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Mouloud, la bottega tessile nata sulle isole Eolie tra tradizione e sostenibilità ambientale e sociale

|

Baskin, il basket più bello e più inclusivo in cui atleti disabili e non giocano insieme

|

Ashoka fellow: è aperta la chiamata per innovatori e innovatrici sociali da inserire nella rete

|

La scuola condivisa che esce dalle mura scolastiche: a Chieri un nuovo patto di collaborazione

|

È tutto pronto per il Carnevale di Scampia, fra fermento sociale e ingiustizie burocratiche

|

Capire l’India contemporanea

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43