13 Ott 2020

Un giardino in città diviene lo spazio di una comunità educante con il bambino al centro

Scritto da: Gabriele Giannetto

Centralità del bambino, contatto con la natura, esperienza diretta ed inclusione. Sono questi i principi su cui si fonda A casa di Momo, un progetto pedagogico avviato ad Acireale, in Sicilia, e che prevede la creazione di una vera e propria comunità Educante, grazie al coinvolgimento attivo di genitori, nonni e di tutti gli attori che quotidianamente incontrano i bambini e le bambine.

Catania - A Casa di Momo è uno di quei progetti che merita una menzione speciale, senza il loro aiuto non saremmo mai potuti arrivare a destinazione, causa guasto alla frizione del camper a pochi chilometri da Acireale, sede del progetto e del nostro appuntamento.

Stefano Curcuruto (gli siamo ancora grati) si è reso disponibile fin da subito e nonostante Orsa minore, il mezzo a bordo del quale quest’estate abbiamo girato la Sicilia, abbia scelto il weekend per fermarsi siamo riusciti a portare a casa l’intervista e riparare il camper, concedendoci una sosta notturna.

a casa di momo

In una delle strade principali di Acireale, all’interno di un antico e imponente portone esiste un giardino dentro la città.
Con Stefano, co-fondatore del progetto, scopriamo A Casa di Momo, un centro educativo in natura che promuove lo sviluppo sano ed equilibrato del bambino, attraverso: l’Educazione all’Aperto (Outdoor Education).
A Casa di Momo è un progetto nato nel 2013 dall’associazione Zelos e promuove, tramite azioni concrete sul territorio, la tutela dei diritti sociali-culturali-educativi dell’individuo. In particolare, il diritto dei bambini al gioco, allo studio, allo sport e ad un ambiente sano, all’integrazione e riserva uno spazio alla lotta al disagio minorile.

Tanti i servizi educativi per minori attivati: laboratori esperienziali in natura, asilo nel bosco (nido, infanzia), doposcuola, campi estivi e invernali, feste; i servizi per la famiglia: sportello ascolto; i servizi formativi: tirocinio universitario e i servizi extra-didattici.

L’offerta è orientata ai bambini nella fascia di età tra 1 e 3 anni e tra i 3 e 6 anni, dal nido all’asilo, in un percorso che parte dall’approccio con l’ambente e la natura, la socializzazione, la multiculturalità, sino alla scoperta delle attività grafiche e pittoriche.

casa di momo


Fondamento di tutti i progetti di A Casa di Momo è il considerare Il bambino al centro della progettazione pedagogica, con i suoi bisogni, i suoi ritmi, i suoi spazi e, in questo contesto, anche la relazione svolge un ruolo irrinunciabile, anche in considerazione del proposito di formare una Comunità Educante, grazie al coinvolgimento attivo di genitori, nonni e di tutti gli attori che quotidianamente incontrano il bambino.

Il giardino a disposizione dell’associazione è un luogo di autoeducazione, fonte di esperienze da vivere e promuovere attraverso il gioco per favorire l’autonomia dei bambini e l’amore e il rispetto per l’ambiente e la comunità.
Stefania Cristina Ferrara, co-fondatrice del progetto, ci svela un’altra curiosità legata al nome. A Casa di Momo infatti fa riferimento a Momo, il personaggio del romanzo di Michael Ende.

Momo è una ragazzina orfana, di origine misteriosa, che viene adottata da un’intera comunità. Momo insieme a tutti i suoi amici riesce a riconquistare il tempo in opposizione ai signori Grigi, una razza di parassiti sovrannaturali che rubano il tempo delle persone. Il tempo rubato torna ai veri proprietari e nei loro cuori, e tutti ricominciano le loro vite senza immaginare ciò che era accaduto.

A Casa di Momo nasce per restituire valore al tempo e a misura di bambino/a.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli
Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

Le emozioni dei bambini viste da una filosofa
Le emozioni dei bambini viste da una filosofa

Come far crescere i bambini in un ambiente educativo sano? Ecco l’esempio di Malacatù
Come far crescere i bambini in un ambiente educativo sano? Ecco l’esempio di Malacatù

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Intelligenza artificiale è fra noi – #634

|

Dal porto di Genova stanno transitando sempre più armamenti: cosa sta succedendo?

|

Una Talent House per coltivare il capitale umano e riscrivere la narrazione delle aree interne – Io Faccio Così #349

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6