Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Nov 2020

Teritori: la rete di produttori che promuove la filiera corta nel rispetto della terra

Scritto da: Lorena Di Maria

Una rete agricola che nasce per promuovere i prodotti delle piccole realtà locali che hanno deciso di collaborare per una missione più grande: valorizzare i prodotti del territorio e la biodiversità locale. Si chiama Teritori e nasce nel biellese, spaziando tra alimentazione, edilizia e prodotti a basso impatto.

Un’unione di aziende agricole che nasce con l’intento di promuovere i prodotti realizzati con materie prime locali e con sistemi di produzione rispettosi della terra, dell’ambiente e del lavoro delle persone, garantendo la tracciabilità di tutta la filiera. Teritori è una rete di produttori, agricoltori, persone con storie diverse ma con la stessa visione del futuro, basata sull’idea di un’alimentazione di qualità la consapevolezza che il nostro territorio offre tutto ciò che è sano e buono per la nostra salute, senza dover andare troppo lontano.

La rete nasce per dimostrare che insieme è meglio: collaborare al posto che competere, condividere le proprie reti di clienti, ma soprattutto diffondere la consapevolezza che se si rafforzano le reti di coltivatori e di produttori si rafforza di conseguenza anche il territorio.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Chi sono coloro che fanno parte della rete? C’è chi produce cereali di filiera corta, chi pane e prodotti da forno, chi arredi, chi farine. Tutti produttori interessati a sensibilizzare le persone al consumo di alimenti naturali, legati alla stagionalità, alle peculiarità del territorio e ai saperi tradizionali.

Tra i produttori ci sono l’azienda Agricola Cà d’Andrei che, dopo anni di impegno, dimostra che vivere in montagna producendo reddito e rispettando il suo delicato ambiente è possibile. Oppure l’azienda agricola La Torre che produce foraggio, grano e farro oltre che cereali di produzione biologica. Ma anche l’azienda Eticagricola che, con le sue patate, le fragole e i mais antichi, pratica un’orticoltura rispettosa della terra e votata alla fertilità del suolo. È anche il caso di Frangipane, forno che utilizza solo farine macinate a pietra per produrre il suo pane a lievitazione naturale con sola pasta madre, l’azienda agricola Vallini che macina le sue farine di mais, farro, grano tenero e orzo presso il suo mulino o la cooperativa Edilcasa, che realizza manufatti con materiali locali per il recupero del patrimonio immobiliare rurale e tradizionale, sviluppando anche progetti di cohousing.

«Crediamo in un’economia delle relazioni fondata sul rispetto del lavoro e sul sostegno alle piccole realtà produttive locali, coltivando un rapporto diretto tra le aziende della rete e le persone che fruiscono dei nostri prodotti e servizi» si legge sul loro sito.

La rete sceglie di fare uso di impianti, attrezzature e imballaggi a basso impatto ambientale, attenti agli effetti del nostro vivere sulla Terra. Ma non solo. Nell’ottica di una filiera locale, mette al centro la cura delle materie prime attraverso la certificazione biologica dei prodotti e l’utilizzo di legname certificato dei boschi presenti sul territorio, assicurando il rispetto della natura e la valorizzazione delle biodiversità.

Il tutto con una forte attenzione alla sostenibilità, cercando soluzioni innovative e riciclabili per il packaging dei singoli prodotti, che utilizzano materie naturali.

La rete agricola Teritori, oltre al suo negozio, ha dato vita a un portale che rende disponibili online i prodotti dei singoli coltivatori. Si possono trovare farine, pane e prodotti da forno, formaggi, miele e vino, nonchè alimenti biologici che rappresentano un investimento per salvaguardare il territorio e garantire un futuro migliore per le generazioni a venire.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sgomberato il Cinema Palazzo! – Io Non Mi Rassegno #262

|

Il sogno di due giovani del Casentino diventa esempio virtuoso per le acquacolture nel mondo

|

L’aranceto di La Spezia che valorizza una tradizione dimenticata

|

Il Piemonte propone una tassa ai colossi del web per aiutare le piccole attività

|

I soldi danno la felicità

|

I ripopolanti della Val Taverone danno vita a una nuova comunità nella natura

|

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

|

Come potrebbero diventare l’Italia e il mondo dopo la pandemia?