4 Feb 2021

Inquinamento e smog in città: gli esperti si incontrano alla Casa dell’Ambiente

Si chiama "Ambiente a tutto TOndo" ed è una tavola rotonda organizzata dalla Casa dell'Ambiente di Torino che si concentrerà sul tema dell'inquinamento atmosferico e oggi, tramite diretta Facebook, vedrà il confronto tra diversi attori del panorama torinese e regionale esperti nello studio e nel monitoraggio dell'aria che respiriamo.

La Casa dell’Ambiente di Torino da anni rappresenta un polo di cultura ambientale e della sostenibilità a tutto tondo. Uno spazio che nasce per essere, nel senso reale del termine, una “casa”: un luogo fisico in cui poter parlare di tematiche ambientali, un luogo d’incontro per le realtà del territorio, dove costruire collaborazioni e alleanze tra soggetti che promuovono nuovi stili di vita, più naturali e sostenibili.

In questi mesi la casa dell’Ambiente ha proposto un’iniziativa online dal nome “Ambiente a tutto TOndo”, attraverso una serie di tavole rotonde, tra i mesi di dicembre e febbraio. Il ciclo di incontri è pensato per presentare le sfide, i progetti e le realtà del territorio torinese, affrontando tematiche centrali per la città come mobilità, inquinamento atmosferico, verde urbano, cittadinanza attiva, cibo e rifiuti.

L’iniziativa è pensata per essere rivolta a tutti i cittadini, con l’obiettivo di renderli più consapevoli della realtà in cui vivono e dando loro la possibilità di partecipare e condividere idee, dubbi e proposte.

Il prossimo incontro si terrà proprio oggi, giovedì 4 febbraio alle 18.30 e rappresenterà il quinto dei sei incontri virtuali insieme a tecnici ed esperti, associazioni ed enti attivi della società civile torinese, per discutere sul tema dell’inquinamento atmosferico.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

L’evento, visibile tramite la pagina Facebook della Casa dell’Ambiente, vedrà i contributi di diversi attori del panorama torinese che si occupano del monitoraggio dell’inquinamento atmosferico. Grazie alla loro partecipazione, sarò possibile conoscere i dati relativi all’inquinamento a Torino e le strategie regionali, nonché gli studi connessi a clima e salute. Verrà inoltre presentato uno strumento alla portata di tutti per monitorare la qualità dell’aria direttamente dal nostro balcone.

Ognuno degli incontri organizzati dalla Casa dell’Ambiente ha l’obiettivo di rispondere a due domande: “La città come sta affrontando le sfide ambientali?” e “Cosa può fare ciascun cittadino per dare il suo contributo?”. All’incontro, moderato dalla Casa dell’Ambiente, interverranno:

ISDE – Luisa Memore, Presidente dell’Associazione Medici per l’Ambiente Piemonte

CNR – Elisa Palazzi, Ricercatrice dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC)

Regione Piemonte – Giorgio Arduino, Funzionario tecnico della Direzione Ambiente, Energia e Territorio

Regione Piemonte – Stefania Giannuzzi, Istruttore tecnico della Direzione Ambiente, Energia e Territorio – Settore Emissioni e Rischi ambientali

Wiseair – Paolo Barbato, amministratore delegato

Articoli simili
Starts4water, quando l’acqua è la chiave di volta per la sostenibilità
Starts4water, quando l’acqua è la chiave di volta per la sostenibilità

Covid e plastica: è possibile fermare entrambe?
Covid e plastica: è possibile fermare entrambe?

Una legge per consentire ai cittadini di fermare la strage di alberi
Una legge per consentire ai cittadini di fermare la strage di alberi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani