4 Feb 2021

Inquinamento e smog in città: gli esperti si incontrano alla Casa dell’Ambiente

Si chiama "Ambiente a tutto TOndo" ed è una tavola rotonda organizzata dalla Casa dell'Ambiente di Torino che si concentrerà sul tema dell'inquinamento atmosferico e oggi, tramite diretta Facebook, vedrà il confronto tra diversi attori del panorama torinese e regionale esperti nello studio e nel monitoraggio dell'aria che respiriamo.

Torino - La Casa dell’Ambiente di Torino da anni rappresenta un polo di cultura ambientale e della sostenibilità a tutto tondo. Uno spazio che nasce per essere, nel senso reale del termine, una “casa”: un luogo fisico in cui poter parlare di tematiche ambientali, un luogo d’incontro per le realtà del territorio, dove costruire collaborazioni e alleanze tra soggetti che promuovono nuovi stili di vita, più naturali e sostenibili.

In questi mesi la casa dell’Ambiente ha proposto un’iniziativa online dal nome “Ambiente a tutto TOndo”, attraverso una serie di tavole rotonde, tra i mesi di dicembre e febbraio. Il ciclo di incontri è pensato per presentare le sfide, i progetti e le realtà del territorio torinese, affrontando tematiche centrali per la città come mobilità, inquinamento atmosferico, verde urbano, cittadinanza attiva, cibo e rifiuti.

L’iniziativa è pensata per essere rivolta a tutti i cittadini, con l’obiettivo di renderli più consapevoli della realtà in cui vivono e dando loro la possibilità di partecipare e condividere idee, dubbi e proposte.

Il prossimo incontro si terrà proprio oggi, giovedì 4 febbraio alle 18.30 e rappresenterà il quinto dei sei incontri virtuali insieme a tecnici ed esperti, associazioni ed enti attivi della società civile torinese, per discutere sul tema dell’inquinamento atmosferico.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

L’evento, visibile tramite la pagina Facebook della Casa dell’Ambiente, vedrà i contributi di diversi attori del panorama torinese che si occupano del monitoraggio dell’inquinamento atmosferico. Grazie alla loro partecipazione, sarò possibile conoscere i dati relativi all’inquinamento a Torino e le strategie regionali, nonché gli studi connessi a clima e salute. Verrà inoltre presentato uno strumento alla portata di tutti per monitorare la qualità dell’aria direttamente dal nostro balcone.

Ognuno degli incontri organizzati dalla Casa dell’Ambiente ha l’obiettivo di rispondere a due domande: “La città come sta affrontando le sfide ambientali?” e “Cosa può fare ciascun cittadino per dare il suo contributo?”. All’incontro, moderato dalla Casa dell’Ambiente, interverranno:

ISDE – Luisa Memore, Presidente dell’Associazione Medici per l’Ambiente Piemonte

CNR – Elisa Palazzi, Ricercatrice dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC)

Regione Piemonte – Giorgio Arduino, Funzionario tecnico della Direzione Ambiente, Energia e Territorio

Regione Piemonte – Stefania Giannuzzi, Istruttore tecnico della Direzione Ambiente, Energia e Territorio – Settore Emissioni e Rischi ambientali

Wiseair – Paolo Barbato, amministratore delegato

Articoli simili
Mal’Aria: quali città in Piemonte superano i limiti consentiti?
Mal’Aria: quali città in Piemonte superano i limiti consentiti?

Inquinamento atmosferico: ecco la classifica delle nostre città
Inquinamento atmosferico: ecco la classifica delle nostre città

In Europa migliaia di aerei volano vuoti: i medici dell’ISDE dicono basta
In Europa migliaia di aerei volano vuoti: i medici dell’ISDE dicono basta

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi