25 Giu 2021

Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»

Scritto da: Valentina D'Amora

Si parla sempre di più delle bevande e dei cibi fermentati come preziosi alleati per la nostra salute. Come realizzarli in casa? Abbiamo conosciuto Sabrina, autrice della pagina "Il tempo dell'Avocado", in cui racconta tutti i suoi esperimenti e le gioie del "fatto in casa", trasformando l'autoproduzione in una scoperta quotidiana.

Genova - Sabrina è una donna genovese che ha lavorato per anni nell’ambito della scuola, dell’educazione e della formazione. Quando aspettava la sua seconda bimba ha scelto di lasciare il lavoro “convenzionalmente inteso” per vari motivi, tra i quali il desiderio di potersi dedicare ai tanti progetti di famiglia: l’autoproduzione, la realizzazione di iniziative outdoor per bambini e famiglie (in collaborazione con l’associazione SAFE aps), l’istruzione parentale per le figli e la necessità di vivere sempre più a contatto con la terra.

Sabrina è parte integrante di una famiglia, che lei definisce una “super squadra” e che comprende, oltre alle due bambine, anche il marito, con altrettante passioni, e una gatta. Oggi è conosciuta come l’autrice della pagina “Il tempo dell’Avocado”, un nome recente per un progetto che trova radici e sviluppi molto indietro nel tempo. Ho deciso di approfondire con lei questa sua iniziativa di divulgazione.

tempo dell avoado
Il tempo dell’avocado: Sabrina nell’orto

Com’è nata la tua passione per l’autoproduzione?

Da sempre mi dedico all’autoproduzione alimentare: oltre a coltivare, realizzo conserve di vario genere, panificazioni con lievito madre, liquori, bevande. Inizialmente l’obiettivo era soprattutto quello di presentare a tavola i prodotti da me preparati e confezionati, quindi più che altro una questione di gusto e passione. Negli ultimi anni – complice l’utilizzo dello Scec come moneta alternativa – ho conosciuto anche la gioia dello scambio e la riscoperta del baratto. Piano piano ho approfondito sempre di più il legame che c’è tra ciò che mangiamo e la nostra salute. Ho affinato le conoscenze circa l’uso di alcune materie prime rispetto ad altre e ho compreso l’importanza di mantenere sano il nostro sistema immunitario, soprattutto attraverso ciò che assumiamo con cibi e bevande e con il nostro stile di vita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Come ti sei avvicinata alla “cucina in fermento”?

Studiando, leggendo, partecipando a corsi, ascoltando e seguendo diversi professionisti in materia di salute sono arrivata al mondo dei fermentati. I fermentati sono una meravigliosa danza tra vita, gusti e benefici per la nostra salute. Noi in famiglia ne abbiamo tratto solo giovamento. Non si finisce mai di scoprire tecniche e preparazioni nuove ed è sempre importante continuare a studiare, confrontarsi e sperimentare per migliorarsi e, soprattutto, per produrre in sicurezza.

spalmabile vegana
Una delle ultime autoproduzioni di Sabrina: una crema spalmabile vegana

Cos’è “il tempo dell’avocado”?

Ho deciso di muovere i primi passi nella divulgazione per offrire anche ad altri la possibilità di entrare in questo meraviglioso mondo e ho aperto la mia pagina Facebook che verrà sostituita nei prossimi tempi con un blog più ampio e completo. Sono convinta che l’autoproduzione in generale e, in particolare, i fermentati, oltre che diventare grandi alleati per il nostro benessere, possano aiutarci a riconnetterci con la terra e con la ciclicità della vita. E poi credo siano in grado di farci riappropriare delle nostre capacità e dei nostri sensi. D’altronde, quando si apre un fermentato è una esplosione di vita, odori e colori. E come dico sempre: il cibo vivo non può che farci bene.

E il nome, cosa significa?

Beh, io amo l’avocado! È un frutto che mi dona energia, ne amo sia il colore che il gusto. In un certo senso le sue caratteristiche rispecchiano alcuni elementi importanti alla base del sito. L’avocado richiede pazienza: attesa per la fruttificazione e attesa per gustarlo al punto giusto di maturazione. Energia, pazienza e amore per ciò che si coltiva non possono che essere gli ingredienti chiave per un progetto dedicato all’autoproduzione.

Articoli simili
Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli
Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»
Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

Autosufficienza: impara a fare da te! Con Vandana Shiva, Berrino e Cuffaro
Autosufficienza: impara a fare da te! Con Vandana Shiva, Berrino e Cuffaro

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi