6 Dic 2021

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora

Scritto da: Redazione

Un abete rosso secolare è stato sradicato dai boschi del Trentino, trasportato in piazza San Pietro a Roma e addobbato come albero di Natale. Nonostante sia in fin di vita, questa pianta trasmette ancora impulsi elettrici, la "voce" attraverso cui comunica. Giacomo Castana, fondatore del progetto Prospettive Vegetali, l'ha ascoltata tramite uno strumento particolare e ha deciso di condividere con noi alcune riflessioni sulla vicenda.

Roma, Lazio - Dal 2012 mi occupo a tempo pieno di esseri umani e vegetali: sono “specialista giardiniere”, progettista di giardini, reporter etnobotanico e regista di una ricerca Etnobotanica, proprio sulle relazioni complesse che intercorrono tra uomini, donne e piante.

Lo scorso sabato ho voluto dar “voce” all’abete rosso di 113 anni sacrificato dal Vaticano con un pizzico di intraprendenza, ma soprattutto usando una tecnica che ben conosco, in virtù delle decine di eventi a cui ho dato vita in tutta Italia con la “Musica delle Piante”. Negli anni ho avuto la fortuna di incontrare centinaia di persone a cui ho spiegato come funzionano i due strumenti che ho con me (su 4 prototipi diffusi nel mondo).

Nessuna magia: applicando due semplici elettrodi, il principio scientifico che regola il tutto sta nella differenza di potenziale tra una foglia e l’altra oppure tra una foglia e la radice. Questa semplice tecnologia però non rende affatto “banale” l’esperimento.

Ho sempre creduto che il criterio di indagine da usare con la musica delle piante dovesse rimanere al centro: non sono io o chiunque altro ad avere “una traduzione esatta” di quel che si ascolta, ma è solo una pluralità a poterlo fare.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Un gruppo di persone che di volta in volta può osservare i fenomeni contemporaneamente, potrà partorire soggettivamente molteplici “interpretazioni” in virtù della propria esclusiva esperienza sensibile. Ne nasceranno delle vere e proprie ipotesi, che saranno tanto più convincenti per il gruppo, tanto quanto chi le partorisce sarà in possesso di conoscenze tecniche botaniche specifiche (ognuna delle quali parimenti valide) oppure di una grande empatia.

In un epoca in cui la spiritualità è stata svilita fino al punto di rendere l’uomo cieco, davanti al sacrificio di un albero maestoso da parte della più grande organizzazione religiosa mondiale che ogni anno si rende protagonista di un gesto simbolico di “supremazia assoluta” sulla Natura – un abete di 113 anni, l’anno prossimo l’albero più alto d’Italia?! –, mi è sembrato doveroso mettere in luce “la presenza viva e vitale”, nonostante il danno subito, di questa pianta che avrebbe potuto crescere fino a 600 anni.

Continuiamo a diffondere questo video! Mi auguro che, come successo sinora, il video permetta a molte persone di riflettere sulla società, sugli alberi, ma soprattutto su sé stessi e sulla propria sensibilità… perché è sempre il lavoro più difficile ed importante quando si osserva e si studia la complessità delle relazioni tra esseri viventi.

Articoli simili
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?
Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?

Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia
Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi