13 Dic 2022

Around, la rivoluzione del packaging riutilizzabile che combatte la plastica monouso

Con il sogno di ridurre i rifiuti degli imballaggi monouso è nato Around, il primo servizio sostenibile di packaging riutilizzabile attivo in Italia. La sua missione è ripensare il modello di produzione affinché sia sempre più circolare, mettendo al centro la collaborazione tra persone e supermercati, mense e negozi di alimentari. Lo fa attraverso la diffusione di contenitori riutilizzabili per l'asporto e delivery, promuovendo il riuso in tutte le sue forme.

Torino - Lo sappiamo, gli imballaggi monouso sono un problema crescente. Pensate che se ne contano circa 200 milioni di tonnellate solo nei nostri oceani e vanno a rappresentare il 36% dei rifiuti prodotti in Europa. Un contenitore monouso, che viene usato in media per 60 minuti, si smaltisce in circa 100 anni. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti degli imballaggi monouso è nato Around: si tratta di una società benefit e del primo servizio sostenibile di packaging riutilizzabile attivo in Italia. È digitale, senza deposito e si rivolge tanto ai locali come ristoranti, mense, supermercati, quanto ai consumatori, per offrire un’alternativa sostenibile.

Il progetto è nato nel corso del primo lockdown per far fronte all’aumento di sprechi dovuto all’impennata della domanda di servizi di asporto e consegna a domicilio. Oggi Around è presente a Roma, Torino, Firenze e Milano e chissà che a breve non lo vedremo attivo in altre città.

Around4
AROUND, UN SERVIZIO PER SUPERMERCATI, RISTORANTI E PER I CONSUMATORI

Giulia Zanatta è la co-founder e amministratrice di Around. Come racconta, «dopo anni in cui ci si è affidati al modello lineare, i suoi costi nascosti in termini economici e ambientali sono diventati chiari e ci hanno portato a dover considerare una prospettiva migliore: quella che considera i materiali come risorse e non come rifiuto».

L’obiettivo è rivoluzionare il mondo del food packaging ed eliminare il monouso, creando un beneficio per ambiente, città e cittadini. Around ad oggi ha costruito una piattaforma tecnologica per il riutilizzo attraverso la quale, a partire dalla consegna del cibo e dal consumo da asporto, offre ai locali contenitori riutilizzabili di alta qualità a un prezzo a utilizzo inferiore a quello dei monouso.

Ripensiamo a un percorso circolare del sistema, costruito sulla tecnologia e l’efficienza per catturare e mantenere il valore a lungo termine delle risorse

I consumatori hanno la possibilità di prendere in prestito i contenitori gratuitamente e di restituirli in uno qualsiasi dei locali del network. I contenitori Around possono essere usati più di 200 volte e il loro utilizzo è tracciato attraverso l’applicazione Aroundrs, disponibile su Apple store e Google play, con cui viene gestito il processo di presa e consegna.

In questo modo vincono tutti: i ristoratori possono sottoscrivere un abbonamento con vantaggi e servizi differenti in base alle proprie esigenze. Possono anche diminuire la propria impronta ambientale riducendo la quantità di rifiuti da imballaggio nei servizi di asporto e delivery. A Torino, ad esempio, sono già diverse le realtà che hanno scelto di entrare nella rete di Around, come L’Orto Bistrò, Olsen, Ristorante Casa Armenia, l’Orto già Salsamentario, Reborn.To, la Locanda Leggera e altri ancora.

I clienti invece, attraverso l’applicazione Aroundrs, possono visualizzare i ristoranti che hanno aderito al progetto da cui noleggiare gratuitamente il packaging Around per il loro asporto e restituirlo entro sette giorni. Del lavaggio si occupa il ristorante stesso, a meno che non abbia accesso al servizio extra di lavaggio centralizzato di Around.

DAL MODELLO LINEARE AL MODELLO CIRCOLARE

«Ripensiamo a un percorso circolare del sistema, costruito sulla tecnologia e l’efficienza per catturare e mantenere il valore a lungo termine delle risorse. Questo cambiamento di prospettiva impatta positivamente ogni parte della catena del valore e crea un framework di cooperazione e condivisione globale dove città e comunità costruiscono economie che riducono costi, accrescono l’efficienza e proteggono l’ambiente».

Around3

In questo viaggio Around non è sola: è accompagnata da una rete di realtà torinesi che si occupano di implementare, diffondere e misurare pratiche di sostenibilità. Parliamo di Mercato Circolare, Up2You, Plastiz, Legambiente, GreenTo, Make It Tasty, Impact Deal e Torino City Lab, il laboratorio di innovazione del Comune di Torino.

Nei giorni scorsi ha lanciato una campagna di crowdfunding insieme a Banca Etica sulla piattaforma Produzioni dal Basso per ampliare il network dei locali che mettono a disposizione dei propri clienti i contenitori riutilizzabili di Around. L’obiettivo è raccogliere 15mila euro che permetteranno di mettere il servizio a disposizione, gratuitamente, per 100 locali in tutta Italia, riducendo di 1 tonnellata di Co2eq l’impatto ambientale derivante dall’utilizzo dei contenitori monouso.

IL BENEFICIO AMBIENTALE DERIVANTE DAL SERVIZIO

Ogni singolo utilizzo è tracciato in maniera da poter quantificare in tempo reale il beneficio ambientale derivante dall’utilizzo del servizio e poterlo certificare agli utilizzatori: Up2you, ad esempio, ha calcolato che grazie ai suoi 200 riutilizzi un solo contenitore Around è in grado di risparmiare 25 chili di CO2, con una performance nettamente superiore rispetto alle alternative usa e getta in carta, alluminio e bioplastica.

Around1

I contenitori sono appositamente progettati per l’utilizzo in un contesto non domestico, sono lavabili in lavastoviglie e possono essere utilizzati in microonde e in freezer per conservare gli alimenti, garantendo performance sul mantenimento del calore, gestione dei cibi liquidi e successivi processi di sanificazione da parte dei locali (Haccp). I locali possono inoltre vendere i prodotti direttamente attraverso l’applicazione, collegati già con i contenitori, e scontarli, grazie al programma Zero Food Waste, per ridurre l’invenduto.

L’infrastruttura dell’applicazione infine è pensata in modalità “open”, con microservizi (API) in grado di essere utilizzate da partner che intendano integrare il servizio all’interno di una propria iniziativa territoriale o offerta, anche in ottica di filiera produttiva.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La Luna e i Calanchi, festa della poesia o sagra della plastica?
La Luna e i Calanchi, festa della poesia o sagra della plastica?

L’impresa di Pietro ed Emiliano, che hanno attraversato gli USA in bici per dire no alla plastica
L’impresa di Pietro ed Emiliano, che hanno attraversato gli USA in bici per dire no alla plastica

#BastaVaschette, la campagna per dire no agli imballaggi monouso in plastica per frutta e verdura
#BastaVaschette, la campagna per dire no agli imballaggi monouso in plastica per frutta e verdura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ancora sulle elezioni in Sardegna: l’analisi – #887

|

La Tuscia si mobilita per dire “no” al deposito nazionale di scorie radioattive

|

Un parco eolico nel Supramonte: in Sardegna un’overdose di energia destinata ad andare altrove

|

Paola Gianotti: da Helsinki a Parigi in bici per raccontare la ciclabilità

|

Se lo conosci non lo eviti: ecco come mi sono preparata a una settimana di digiuno

|

Martina, Emma e la sindrome di down: a volte “lasciar andare” è un atto d’amore

|

Cosingius: le scarpe tradizionali sarde che si ispirano all’economia circolare – Io Faccio Così #400

|

Riduzione dei rifiuti, riuso e riutilizzo: a Reggio Calabria c’è Fare eco, per un mondo più pulito

string(8) "piemonte"