2 Mag 2024

Sensuability®️, abbattere i tabù su sessualità e disabilità attraverso l’arte – Dove eravamo rimasti #31

Scritto da: Elena Rasia

Dopo averla incontrata qualche anno fa in occasione del nostro tour nell'amore (e nel sesso) che cambia, ritroviamo Armanda Salvucci per parlare di Sensuability®️, di arte, di formazione, di sessualità e di disabilità. Anzi, di tutte queste mischiate cose insieme, che sono il pane quotidiano di Armanda e dell'associazione Nessunotocchimario.

Salva nei preferiti

Roma, Lazio - Sensuability®️ è il progetto nato a Roma da un’idea di Armanda Salvucci e promosso dall’associazione Nessunotocchimario. Di Armanda vi avevamo già parlato: è stata una delle protagoniste del viaggio nell’amore (e nel sesso) che cambia e si impegna ogni giorno a rompere i tabù sulla sessualità verso le persone con disabilità, continuando a fare progressi significativi. Dall’ultima volta che ne abbiamo parlato, nel 2021, Sensuability®️ ha compiuto grandi passi in avanti nel suo percorso di sensibilizzazione. Ho intervistato Armanda per farmi raccontare nel dettaglio tutte le novità.

Quali sono stati gli sviluppi più significativi per Sensuability®️ dall’ultima volta che abbiamo raccontato le vostre iniziative?

Da quando abbiamo parlato l’ultima volta sono successe tantissime cose e tante altre sono in cantiere. La mostra Sensuability: ti ha detto niente la mamma? è giunta alla sua sesta edizione, abbiamo iniziato il tour per portarla in varie città d’Italia, abbiamo realizzato corsi di formazione sul tema per la Asl di Roma e per alcuni ospedali del Trentino.

Sensuability

Inoltre abbiamo avviato una convenzione con l’Università La Sapienza per attivare i tirocini nella nostra associazione, partecipato a tavole rotonde, seminari e convegni pubblici, organizzato incontri dedicati al tema e rivolti specificamente alle persone con disabilità, continuato a lavorare sul linguaggio per cambiare il pensiero. Ci sono inoltre tantissimi progetti in cantiere che per scaramanzia non diciamo, ma vi invitiamo a rimanere sintonizzati per scoprirli.

In che modo si sono evolute le sfide di Sensuability®️ emerse nel promuovere la sessualità e l’affettività delle persone con disabilità in un mondo sempre più digitalizzato?

La presenza in rete è sempre più fondamentale se si vuole raggiungere un largo pubblico e promuovere il tema della sessualità e disabilità. Gli strumenti di divulgazione diventano obsoleti alla velocità della luce e di conseguenza c’è le corsa a impararne di nuovi. La rete unisce ma finisce anche con l’isolare le persone e questa cosa ovviamente danneggia ulteriormente quelle con disabilità. Allo stesso tempo però apre nuove opportunità e permette di confrontarsi in maniera più ampia con realtà che potrebbero non essere alla portata di tutti. Questo ovviamente significa che tutti gli strumenti digitali vanno utilizzati con consapevolezza e con razionalità che portano a distinguere tra quelle che sono opportunità e quelli che sono rischi.

Per questa ragione Sensuability®️ non si limita a utilizzare soltanto strumenti digitali, ma punta su eventi come la mostra di fumetti, come possono essere le iniziative in cantiere che favoriscono l’incontro, la discussione faccia a faccia. Oltre alle attività di formazione itineranti, che comunque ci permettono di lavorare anche offline. Un pezzo di mondo che non ci dobbiamo mai dimenticare, perché ovviamente la realtà è quella rete che ti permette di conoscere e confrontarti con le persone, le famiglie e quelle persone che non utilizzano i social.

Sensuability
Quali nuovi progetti o iniziative avete lanciato per aumentare la consapevolezza della sessualità nella vita delle persone con disabilità?

Abbiamo lavorato su due livelli: la formazione delle figure che ruotano attorno alle persone con disabilità – quali genitori, insegnanti, educatori e personale – che lavora nelle strutture e incontri/conversazioni, rivolti alle persone con disabilità, all’interno dei quali, in uno spazio protetto che garantisca il rispetto della privacy e l’accoglienza, trattiamo liberamente il tema senza giudizio.

Cosa avete imparato dalle vostre esperienze passate con Sensuability®️ e come avete adattato il progetto di conseguenza?

In realtà non abbiamo mai adattato il progetto alle esperienze esterne. Noi partiamo da una visione che permea il progetto e la nostra associazione e su quella cerchiamo di modificare la realtà esterna. Sicuramente abbiamo capito che non tutte le persone sono pronte ad affrontare questo tema e tutto ciò che ruota intorno: autonomia, vita indipendente, lavoro e costruzione di sé. Spesso le persone preferiscono pensare che la società è cattiva piuttosto che lavorare su loro stesse. Ma noi abbiamo tutta la pazienza del mondo e le aspettiamo.

È stato incoraggiante vedere come gli studenti liceali abbiano sempre risposto positivamente, presentando tavole e illustrazioni fantastiche, libere da pregiudizi e tabù

Qual è stato il ruolo dell’attivismo e del sostegno comunitario nel vostro percorso fino ad oggi?

In realtà negli anni ci siamo rese conto che con le realtà che ruotano attorno al mondo della disabilità – che siano associazioni, altre realtà del terzo settore o influencer – non è facile fare squadra per via di tutti gli impegni che ognuno di noi ha. In sintesi, la voglia e l’interesse c’è da parte di noi tutti ma spesso manca il tempo.

Molte sono le realtà invece che ci hanno sostenuto negli anni e tuttora ci sostengono; tra le altre il Comicon, Vita Non profit, Le plurali Editrice, Italia che Cambia, gli artisti e i partecipanti al concorso che hanno preso parte alla mostra che sono diventati i nostri primi attivisti, le scuole, le ASL, la Regione Lazio. Senza dimenticare il ruolo attivo che Nessunotocchimario stesso svolge che si traduce in progetti e iniziative volte a sensibilizzare e ad abbattere i pregiudizi e i tabù.

Sensuability
Come avete coinvolto la società e le istituzioni nel vostro lavoro di sensibilizzazione e di previsione?

Con la formazione alle associazioni, alle ASL, agli ospedali e alle università, con il concorso di fumetti e la successiva mostra che ci hanno consentito di entrare direttamente nelle scuole riuscendo a stimolare le giovani menti. È stato incoraggiante vedere come gli studenti liceali abbiano sempre risposto positivamente, presentando tavole e illustrazioni fantastiche, libere da pregiudizi e tabù. È su di loro che dobbiamo puntare per promuovere una ri-evoluzione culturale.

Avete notato dei cambiamenti nella vita delle persone dopo aver incontrato Sensuability®️?

Sì, piccoli cambiamenti, anche impercettibili ma non per questo meno importanti. Già il fatto di aprirsi e parlare delle proprie sensazioni, paure e desideri di donne con disabilità è fondamentale. Ogni persona che ci contatta condivide la propria storia senza timore di essere giudicata ed esprime liberamente la propria visione della sessualità. Finalmente il corpo è posto al centro della discussione in modo autentico, senza essere manipolato o stereotipato.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Viaggio nella falegnameria che trasforma gli scarti del legno in pezzi unici di artigianato
Viaggio nella falegnameria che trasforma gli scarti del legno in pezzi unici di artigianato

Acqua di luce: sui riti di San Giovanni in Sardegna
Acqua di luce: sui riti di San Giovanni in Sardegna

Francesco Piobbichi, il disegnatore sociale che mette la sua arte al servizio delle persone migranti
Francesco Piobbichi, il disegnatore sociale che mette la sua arte al servizio delle persone migranti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La morte di Noam Chomsky riportata da (quasi) tutti i giornali, che non è vera – #952

|

Equosud e le produzioni solidali in Calabria: un’altra economia è possibile!

|

Massimo Forcellini: “Come sperimentare la consapevolezza attraverso la semplicità”

|

Viaggio nella falegnameria che trasforma gli scarti del legno in pezzi unici di artigianato

|

La scuola estiva di Filò: una settimana dedicata a vita comunitaria e dialogo filosofico

|

Aforas: “Parlare di servitù militari sostenibili è greenwashing, come può essere green la guerra?”

|

Terra di Resilienza e la “crescita endogena del Mezzogiorno dei paesi”

|

PizzAut, la pizzeria gestita da persone con autismo che smonta pregiudizi e abilismo

string(9) "nazionale"