4 Feb 2020

Stefania Rossini: “Come autoprodurre e risparmiare? Lo spiego nei miei video!”

Scritto da: Donatella Briganti

Dopo aver imparato per necessità economica e tramite il web ad autoprodurre, Stefania Rossini ha fatto dell'autoproduzione una vera e propria filosofia di vita e oggi spiega tramite i suoi video a realizzare in casa praticamente di tutto. Il suo messaggio? Tutto è possibile se solo si ha intenzione di cambiare.

Brescia, Lombardia - Stefani Rossini è una “vecchia” conoscenza di Italia che Cambia. Vi avevamo parlato già più volte di lei, in tutto il suo entusiasmo, soprattutto per tutto ciò che ruota attorno all’autoproduzione, strada che ha orgogliosamente intrapreso ormai da anni. Tutto ciò che si può fare in casa Stefania lo autoproduce, risparmiando soldi, oltre che rispettando l’ambiente. Come racconta nella prima intervista pubblicata su Italia che Cambia, tutto è iniziato proprio per necessità di risparmio, essendosi trovata suo malgrado, dopo vari lavori, a fare la casalinga. Ma poi ci ha preso gusto.

«Ho scoperto un mondo fantastico – ammette – Fatto di cose genuine, come quelle dei tempi in cui si utilizzavano solo i prodotti che la terra metteva a disposizione». Dal sapone, alle maschere, al lievito, ad ogni genere di crema e detergente, lei fa tutto da sé. Coltiva il suo orto e lì raccoglie, per esempio, molte verdure che più bio non si può. «Da autodidatta, studiando dal web, ho scoperto tutto quello che faccio».

E proprio il web, che l’ha aiutata a scoprire questo mondo, adesso la vede protagonista, con i suoi video in cui si presenta, racconta di sé ma soprattutto fa delle dimostrazioni, dei tutorial per tutto ciò che riguarda l’home made. «La mia attività principale rimane quella che porto avanti da tempo e cioè il mio B&B con le sue quattro stanze ma mi sono lanciata da circa un mese nel mondo di YouTube perché penso che i video siano più immediati, che arrivino più facilmente».

I suoi non sono però prodotti audiovisivi professionali, non c’è montaggio né post produzione. Ma anche questo è il bello di ogni suo video, in linea con il suo modo di vivere e la sua filosofia di vita che non si discosta da tutto ciò che è diretto, vero, semplice, naturale… e, appunto, homemade.

stefania rossini autoproduzione
Stefania Rossini

«Ho voluto dare al canale semplicemente il mio nome anche perché in tanti, soprattutto tante, che mi seguono, hanno letto i miei libri o seguono il mio blog naturalmentestefy.it, mi conoscono così, come Stefania Rossini. Inizialmente non sapevo come fare a portare avanti questo mio nuovo progetto perché soprattutto le mie figlie più piccole, Michela e Beatrice, esigevano le giuste attenzioni. Così ho pensato di coinvolgerle. Ed ecco che abbiamo trovato la soluzione. Si occupano loro del “dietro le quinte”, le ho praticamente “assunte” come registe. Per gioco hanno iniziato ad aiutarmi e a svelarmi dei trucchetti per pubblicare, editare, fare le dirette su Facebook o altre cosette che io non conoscevo ma che sto imparando grazie a loro. Ci divertiamo un sacco, in realtà. Il loro è diventato un aiuto concreto, anche se hanno soltanto 11 e 13 anni. Il più grande, invece, è ormai quasi maggiorenne, e vive con il padre».

Ma, a distanza di poco più di un mese dalla sua nascita, come sta andando questo video-progetto? «Le visualizzazioni crescono sempre più. È una crescita lenta ma costante. Ci sono circa 10 nuovi iscritti al giorno. Sto anche collaborando con un mio amico con cui facciamo delle interviste. Adesso sto pubblicando un video al giorno ma da aprile diminuirò un po’ la frequenza per dedicarmi maggiormente all’orto e ad altri progetti che ho in testa. Nel frattempo, da qui ad aprile, avrò messo in rete un bel po’ di materiale spero utile».

Come tante mamme, anche Stefania ha incontrato non poche difficoltà nel conciliare maternità e lavoro ma non si è mai arresa e il suo carattere, che sprizza energia positiva da tutti i pori, l’ha sicuramente aiutata. Adesso che i figli sono un po’ più grandi e lei porta avanti i suoi progetti e la sua filosofia di vita, si dice felice di poter insegnare loro che ognuno sceglie la propria vita, che ci sono mille realtà e che ognuno sceglie quella che preferisce.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Leggi anche l’articolo su Stefania Rossini scritto da Donatella Briganti nell’ambito del progetto MIA – Mamme Imprenditrici Allattano

Articoli simili
La Fattoria dell’Autosufficienza: un luogo per costruire un futuro sostenibile

Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»
Sabrina: «Ho capito che il cibo “vivo” fa bene e mi sono data all’autoproduzione»

La saponetta sospesa per promuovere condivisione e autoproduzione
La saponetta sospesa per promuovere condivisione e autoproduzione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone