Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia

Donatella Briganti

Donatella Briganti

Donatella Briganti, ho 40 anni e da Palazzolo Acreide, in provincia di Siracusa, venni a Roma quando ne avevo 18 per studiare all’Università La Sapienza. Dopo la laurea sono diventata giornalista e da allora ho collaborato con vari quotidiani e settimanali nazionali. Ho viaggiato tanto e scritto di tutto: dalla cronaca nera a quella rosa passando per l’attualità e per l’approfondimento. Sono anche una ghostwriter, scrivo su commissione libri, contenuti e testi di ogni genere. Questa oggi è la mia attività principale. Qualche anno fa, non riuscendo per un periodo a vivere di scrittura, mi sono rimboccata le maniche e ho lavorato anche da segretaria in uno studio professionale e in un call center. Oggi sono felice di vivere di scrittura e, ovviamente, lettura. Sono anche felice moglie e orgogliosa mamma.

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

In Brasile sorgerà il corridoio ecologico più grande del mondo – Io Non Mi Rassegno #348

|

Covid e lockdown: perché i bambini sono sempre gli ultimi?

|

Woodvivors: a passo di mulo da sud a nord per riscoprire l’Italia contadina

|

Calciosociale, la solidarietà va in rete quattro volte

|

Sardex apre all’azionariato diffuso: l’economia etica sarà davvero di tutti!

|

Ora possiamo fermare gli incendi! Il caso della Pineta di Castel Fusano

|

Una tappezzeria e falegnameria di quartiere per condividere spazi e saperi

|

Badolato: quando un borgo spopolato è il luogo giusto in cui vivere