20 Apr 2021

Sicilia Che Cambia: noi siamo pronti… e voi?

Scritto da: Selena Meli

Nuove collaborazioni, tante storie da raccontare e un gruppo di realtà locali che crede fortemente nel progetto e lo sostiene con risorse e condivisione d'intenti. Sicilia Che Cambia sta scaldando i motori ed è pronta a partire per un nuovo filone di narrazione dell'inarrestabile cambiamento in atto!

Era poco più di un anno fa quando sessanta persone si sono riunite a Pergusa, nelle vicinanze di Enna, per sognare e progettare la nuova Sicilia che Cambia. Eravamo tantissimi: contadini e permacultori, professori, studenti, imprenditori, giovani e giovanissime provenienti da ogni angolo della Sicilia. Era il 23 febbraio, l’Italia si preparava a un lockdown nazionale, ma noi in quella piccola sala di albergo sognavamo il cambiamento. Come è andata a distanza di un anno? La pandemia è proseguita ed è cronaca di tutti i giorni, ma a dire il vero neanche Sicilia che Cambia si è fermata.

Andiamo per ordine. Dopo la meravigliosa esperienza del 23 febbraio, il lockdown ci ha costretti a bloccare tante della iniziative concepite in quell’occasione. L’entusiasmo però è rimasto vivo e quando le restrizioni si sono un po’ allentate abbiamo deciso di ripartire proprio da alcuni dei progetti meravigliosi che abbiamo in parte toccato con mano in quella domenica e da molti altri che ci sono stati segnalati. Progetti concreti che stanno contribuendo a costruire un altro immaginario, un nuovo modo di agire.

sicilia che cambia 23 febbraio

Con Gabriele Giannetto abbiamo attraversato in lungo e largo la nostra isola in occasione del tour nella Sicilia Che Cambia, parlando di permacultura, turismo sostenibile, integrazione sociale; abbiamo attraversato le aree interne conoscendo ragazzi e ragazze che hanno ridato vita a comunità locali. Ve li abbiamo raccontati e stiamo continuando a farlo sulle pagine di Italia che Cambia.

Negli ultimi mesi poi la redazione è cresciuta e si è animata di due nuove compagne di viaggio che si sono unite al gruppo siciliano: Alessia Rotolo, giornalista palermitana che firma le pagine di altre testate ed Elisa Cutuli, archeologa e giornalista catanese, da poco tornata in Sicilia.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

In questi giorni ho iniziato anche io a girare l’isola, con un pizzico di nostalgia del bellissimo viaggio in camper della scorsa estate e con temperature decisamente più clementi. Ad accompagnarmi questa volta sono la mitica Manuela Leone, presidente di Rifiuti Zero Sicilia, e Federica Vero, talentuosa videomaker modicana. Nel nostro tour in quattro tappe intervisteremo e premieremo rappresentanti di scuole, associazioni e comuni virtuosi che con coraggio e determinazione hanno adottato buone pratiche orientate a una riconversione sostenibile nella gestione dei rifiuti.

Rifiuti Zero Sicilia è anche uno dei partner che ha sostenuto economicamente il progetto insieme alla cooperativa sociale Valdibella, di cui abbiamo recentemente parlato sulle pagine del nostro giornale. Un ringraziamento speciale per i traguardi che abbiamo raggiunto va al consorzio delle Galline Felici, main sponsor, il cui contributo proviene dalla rinuncia agli sconti da parte dei suoi ConsumAttori, che negli anni hanno permesso di promuovere e finanziare diversi progetti sul territorio siciliano e non. Qualche mese fa, infatti, è stata lanciata una campagna di proposta alla rinuncia agli sconti rivolta alla loro rete Gas, che è riuscita a raccogliere un primo corposo contributo economico per l’avvio del nostro progetto. Un supporto importante proveniente dalla comunità dei ConsumAttori, che negli anni ha permesso di promuovere altre iniziative sul territorio siciliano e non solo. Una comunità che non esisterebbe senza la partecipazione attiva di tutti i gruppi di consumatori che si nutrono dei prodotti della rete del Consorzio.

SICILIA CHE CAMBIA 2 1024x683 1
Roberto Li Calzi di Galline Felici insieme ad alcune partecipanti all’incontro del 23 febbraio

Quali saranno dunque i prossimi passi? A breve, grazie a questi importanti contributi, lanceremo il nuovo portale dedicato alla Sicilia che Cambia, in una forma semplificata per tenervi aggiornati sui progetti siciliani: ci troverete le videostorie dei protagonisti del cambiamento, una mappa delle esperienze virtuose, una bacheca in cui potrete postare i vostri annunci e cercare persone con cui avviare progetti. Infine potrete interagire sulle pagine social e creare nuove occasioni di scambio.

Ma non vogliamo fermarci qui! Il nostro intento è quello di allestire un racconto quotidiano e costantemente aggiornato con articoli che raccontino un’altra Sicilia, lontana da quell’immagine di crisi e decadenza che i mass media ci presentano tutti i giorni. Un’isola di storie meravigliose, di ragazzi e ragazze che investono sulla sostenibilità agricola e la cura delle comunità, che si dedicano al turismo sostenibile, ai progetti di innovazione sociale, ad altre forme di economia, esperienze che anche voi che ci state leggendo potrete suggerirci e segnalarci. La Sicilia di chi resta e di chi decide di tornare!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’attentato in Afghanistan e il dramma di un paese abbandonato – Io Non Mi Rassegno #365

|

Sfusi e Riusi: il negozio alla spina che dà lavoro alle persone fragili

|

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi fra i primi 50 al mondo

|

Cambiamo approccio e facciamo in modo che il contagio si diffonda!

|

MUSE FabLab: promoviamo la cultura della riparazione

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali