4 Mag 2022

Festival dello Scarto: la Sicilia si incontra per promuovere l’economia circolare

Scritto da: Selena Meli

Mancano pochi giorni al Festival dello Scarto di Ragusa. Questo evento, organizzato da Sicilia Che Cambia e dal circuito Carato, ha lo scopo non solo di diffondere e praticare l'economia circolare, ma anche di creare momenti e luoghi d'incontro fra le realtà siciliane promotrici di buone pratiche.

Ragusa - Sicilia che Cambia e il circuito Carato Moneta Virtuosa promuovono il Festival dello Scarto, un evento dedicato all’economia circolare e al riciclo. Una tre giorni di eventi nel territorio ragusano per pensare ai rifiuti non più come uno scarto, ma come una vera e propria risorsa.

Dal 6 all’8 maggio si svolgerà a Ragusa questa manifestazione dedicata interamente alle tematiche dell’economia circolare e del riciclo. Un evento nato dalla sinergia tra le realtà di Sicilia che Cambia e Carato Moneta Virtuosa, una rete fluida di associazioni e persone che si occupano di rigenerazione urbana, presidi in natura, battaglie per l’ambiente, cura del territorio e della persona.

NUOVA VITA AI RIFIUTI

L’obiettivo comune è costruire uno spazio dove condividere esperienze e competenze, mostrare concretamente alla collettività che i rifiuti correttamente re-immessi nella catena non sono scarti ma materie post-consumo a cui dare una seconda vita. Che si tratti di rifiuti industriali o familiari, questa è un’occasione per gettare le basi per una riflessione molto ampia.

«Pensiamo a un oggetto artistico creato da brandelli di tessuto, a un’opera d’arte creata con residui di plastica, a un abito che trova un nuovo corpo, a un sacco di juta o residui di torrefazioni e cioccolaterie per coprire i nostri orti. In Sicilia non mancano esempi concreti di riutilizzo delle bucce d’arancia nella realizzazione tessuti o scarti della macinazione delle olive che trovano risvolto in tantissime forme, non ultimo in ambito farmaceutico» racconta Gaia Nicastro di Carato Moneta Virtuosa.

Il Festival dello Scarto sarà un momento per conoscersi, riflettere e imparare nuove tecniche di riciclo creativo tramite laboratori e momenti di gioco. Un’opportunità per incontrare e far incontrare le realtà virtuose del territorio e intensificare la rete di progetti che animano il cambiamento siciliano. Ci saranno occasioni per entrare in contatto con la rete e conoscere più da vicino le opportunità per entrare a farne parte.

Un cambiamento in atto su più fronti, rivoluzionario e virtuoso, che Sicilia che Cambia mira a raccontare fornendo anche gli strumenti per far sì che questo rinnovamento avvenga sempre di più.

PHOTO 2022 05 02 18 21 09
IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL DELLO SCARTO

Il primo appuntamento sarà venerdì 6 maggio alle ore 17 con il laboratorio creativo Macché scarti organizzato dalle associazioni Collettivo OCRA e Tetti Colorati, durante il quale si realizzeranno oggetti artistici con scarti di vario tipo. Si prosegue con un Laboratorio di pupineria, a cura del Giardino delle Bio-diversità, per imparare a creare grandi pupazzi con scarti di plastica. Le opere realizzate saranno installate all’interno del chiostro del Centro Commerciale Culturale dove si svolgeranno la seconda e terza giornata del festival.

Sabato 7 maggio l’associazione RimboschiAmo terrà un laboratorio al parco di Streppenosa per imparare a realizzare la pacciamatura con gli scarti per proteggere dal freddo e dal caldo gli alberi piantati. Verranno usati sacchi di juta e scarti di torrefazioni e cioccolaterie.

Nel pomeriggio, dalle 17 alle 19, ci sarà la Human Library – racconti del cambiamento: oltre dieci libri “umani” racconteranno storie personali e progetti rivoluzionari per ispirare il cambiamento. Nell’auditorium del Centro Commerciale Culturale verrà proiettato un video dell’associazione A.N.F.F.A.S., realizzato in seno ad un progetto ambientale in collaborazione con Legambiente e Comune di Ragusa. A latere un Laboratorio di cucito a cura di Sartoria Sociale Proxima e un corner informativo sul consumo consapevole e una degustazione a cura della Rete G.A.S.(gruppi d’acquisto solidale) e Fi.Co.S. (Filiera Corta Siciliana).

Il Festival dello Scarto sarà un momento per conoscersi, riflettere e imparare nuove tecniche di riciclo creativo

Domenica 8 maggio, dalle 9 alle 13, si andrà alla scoperta della Cava San Leonardo, luogo di vita e produzione dell’antica città di Ragusa, grazie al “Trekking dello scarto” a cura di Ecotono. Dalle 16 alle 20 ci sarà lo Swap Party, ovvero la festa dello scambio, in cui chiunque potrà portare indumenti, oggetti e libri (a cura di Natalia Cecere).

Non mancheranno laboratori e momenti informativi: come la clinica del cucito per imparare a dare vita a indumenti, uno show cooking per imparare a cucinare con gli scarti, un corner per scambiare di libri usati, una dimostrazione dal vivo delle tecnica dell’acquaponica. E ancora punti informativi per conoscere gli strumenti di Sicilia che Cambia: la mappatura, la bacheca, opportunità per mettersi in rete e fare rete. L’evento si concluderà con un concerto di musica popolare del gruppo Scill’ e Cariddi.

IL FESTIVAL E SICILIA CHE CAMBIA

Il Festival dello Scarto sarà un evento diffuso a calendario dinamico e replicabile in altre città siciliane attraverso i canali di Sicilia che Cambia e ha lo scopo di divulgare il più possibile le tematiche dell’economia circolare, proponendo esempi concreti che possono cambiare profondamente la nostra società civile.

Per consultare il programma completo potete cliccare qui.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova
Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

Breakeless club: vecchie biciclette tornano a nuova vita grazie al riciclo creativo
Breakeless club: vecchie biciclette tornano a nuova vita grazie al riciclo creativo

Suolo Urbano, a Modica un evento per parlare di sostenibilità e consumo di suolo
Suolo Urbano, a Modica un evento per parlare di sostenibilità e consumo di suolo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Myanmar, le responsabilità dell’occidente a due anni dal golpe – #663

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

|

Il messaggio di nonviolenza di Ghandi settantacinque anni dopo

|

Monte San Primo: i cittadini si mobilitano per salvare la montagna dal business del turismo

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli