28 Set 2022

Ben(i)tornati, ecco come l’Italia riprende vita grazie alla rigenerazione e al riuso

Una giornata per valorizzare tutte le iniziative di recupero, riuso, rigenerazione, riqualificazione. Dagli atelier di moda etica ai beni confiscati alla mafia, Ben(i)tornati celebra il 1° ottobre i "gesti quotidiani di rigenerazione", i principi e le azioni che stanno alla base dell'economia circolare in tutta Italia.

Salva nei preferiti

Cosa potrebbero avere in comune campi incolti con cibo buttato nel cassonetto, edifici fatiscenti abbandonati a loro stessi con stoffe destinate al macero? La risposta è la voglia di rivivere, di avere una seconda possibilità, di entrare in un ampio percorso di economia circolare e rigenerativa capace di costruire nuovi e concreti modelli per il nostro paese.

Sin dalla sua nascita, Italia Che Cambia riserva grande attenzione al mondo della rigenerazione e del riuso, declinato in mille ambiti. Dalle iniziative di recupero alimentare come RECUP o Ricibo, che salvano dalla spazzatura il cibo ancora buono, ai progetti che hanno riqualificato vecchi immobili dismessi facendoli diventare vivaci centri d’impresa, cultura e sociali – pensiamo ad esempio ad R84, la multifactory realizzata riqualificando una vecchia raffineria, oppure a Homers, che mescola co-housing e rigenerazione urbana.

Ma a rinascere possono essere anche beni che la malavita ha tenuto in ostaggio per anni e che grazie al lavoro congiunto di forza dell’ordine e società civile sono stati strappati alla mafia e riconsegnati alla comunità – è ciò che fa ad esempio la cooperativa Apeiron nell’agro aversano.

alice in the lab 3

Un altro grande filone è quello della moda etica, realizzata con tessuti di scarto che, strappati al macero e ridisegnati abilmente, tornano in vita sotto – è proprio il caso di dirlo – una nuova veste. Fortunatamente si stanno moltiplicando a vista d’occhio i progetti virtuosi in questo ambito: dalle scuole di sartoria Riciclotto, Atelier Riforma e Ortika, fino ai brand di moda etica Progetto Quid, Malia Lab e Alice in the lab, solo per citarne alcuni.

Tutti questi ambiti d’intervento e tipologie di progetti saranno protagonisti sabato 1° ottobre, in occasione della decima Giornata europea delle fondazioni, Acri e Assifero promuovono Ben(i)tornati. Gesti quotidiani di rigenerazione: una festa a cui partecipano oltre 100 luoghi in tutta Italia, dove le comunità e le fondazioni realizzano insieme iniziative locali di rigenerazione.

Cos’hanno in comune campi incolti con cibo buttato nel cassonetto, edifici fatiscenti abbandonati a loro stessi con stoffe destinate al macero?

Si tratta di spazi dismessi, recuperati e destinati a nuovi usi comunitari, beni confiscati alla criminalità e adibiti a fini sociali, nuovi parchi e boschi in aree abbandonate, laboratori di riciclo realizzati con materiali di scarto, iniziative di recupero del cibo invenduto, progetti di educazione alla sostenibilità e in generale alle buone pratiche, che da anni raccontiamo su Italia Che Cambia.

Protagoniste di questi “gesti di rigenerazione” sono organizzazioni del Terzo settore, associazioni di quartiere, cooperative sociali, comitati e gruppi di cittadini, che rappresentano i quasi 7 milioni di italiani che dedicano parte del proprio tempo alla cura della comunità, partecipando attivamente a migliorare la vita delle persone e dell’ambiente che li circonda.

A sostegno di questo universo c’è il vasto mondo delle fondazioni e degli enti filantropici: soggetti privati non profit che quotidianamente mettono a disposizione risorse, competenze e relazioni per sostenere le organizzazioni del Terzo settore e le Istituzioni, contribuendo a diffondere una visione della società pluralista e solidale, in cui ciascuno si senta responsabile del benessere di tutti.

Copia di Cuneo

Su questo fronte tra le attività delle fondazioni si possono individuare alcuni filoni di intervento esemplificativi: sostengono progetti di “rigenerazione umana” rivolti ai soggetti più fragili della società, a partire da bambini e ragazzi, anziani, persone con disabilità, detenuti, migranti; attivano iniziative di “rigenerazione urbana”, volte al recupero di spazi abbandonati o inutilizzati per riconvertirli a luoghi per ospitare attività culturali o sociali, dando vita a nuovi spazi di inclusione e di condivisione.

E ancora, promuovono attività di educazione rivolte ai giovani e non solo, per diffondere l’adozione di comportamenti e stili di vita sostenibili. Tutti questi ambiti hanno un comune denominatore: promuovere l’attivazione delle comunità locali quali attori protagonisti del cambiamento.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare
Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare

Daniela Ducato e il Terzo Paesaggio: valorizzare le zone marginali per riscoprire la vita che pulsa – Dove eravamo rimasti #26
Daniela Ducato e il Terzo Paesaggio: valorizzare le zone marginali per riscoprire la vita che pulsa – Dove eravamo rimasti #26

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "nazionale"