Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
18 Gen 2021

Riciclotto, la scuola di sartoria che cuce insieme tradizione e creatività

Scritto da: Valentina D'Amora

A Genova esiste una scuola di cucito che abbina il tradizionale al creativo: con percorsi sartoriali a tutti i livelli, lo staff di Riciclotto trasmette con passione il proprio sapere, attraverso corsi personalizzati, in laboratorio e online. Abbiamo conosciuto Monica, che ci ha raccontato com’è nato questo progetto.

Monica è appassionata di moda creativa, ha studiato tanto per approfondire la conoscenza delle tecniche di modellistica, taglio e cucito. Antonietta si occupa di sartoria tradizionale, è un’insegnante con un’esperienza trentennale. Questo è lo staff di Riciclotto, una coppia di donne accomunate dall’orgoglio di portare avanti, insieme, un lavoro che amano.

La storia di Monica è comune a tante: lei è una libera professionista che, dopo un momento di stand-by per la nascita di Allegra, la sua bambina, ha sentito il bisogno di rientrare nel mondo del lavoro. «Il cucito per me non è mai stato semplicemente un mestiere ed è proprio per questo ho voluto dare vita a Riciclotto: mi sentivo un po’ orfana del progetto precedente, un marchio di abbigliamento fondato sul riciclo e il riuso dei materiali più diversi. Per me è stata un’esperienza importante e molto formativa, per questo mi sono rimessa in gioco con qualcosa di mio. Così, il viscerale richiamo della creatività si è fatto ancora più forte, unito al desiderio di condividere con altre persone la mia esperienza».

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

Antonietta e Monica in laboratorio

LA NASCITA DI RICICLOTTO

All’inizio Monica si lancia da sola nella didattica delle tecniche base di cucito e i corsi riscuotono da subito un buon successo: «Andavano talmente bene che un giorno mi sono ritrovata con dieci persone in laboratorio e mi sono resa conto che non sarei riuscita a gestirle senza un aiuto. Così, dopo aver conosciuto Antonietta, ormai due anni fa, le ho chiesto di unirsi a me e da allora non ci siamo più lasciate: ora lavoriamo insieme e portiamo avanti questo progetto, che per noi non è solo un lavoro, ma un perfetto mix di amore e passione».

IL FENOMENO DELL’UPCYCLING

Il riuso creativo e il recupero di capi d’abbigliamento abbandonati nell’armadio è un aspetto focale dei percorsi di Monica e Antonietta. «Imparare a trasformare e a dare nuova vita a vestiti inutilizzati è un’idea che piace a molti e anche dal punto di vista ambientale è un bene poter recuperare tessuti ancora buoni dai nostri guardaroba, cosa che ci permette anche di risparmiare qualcosa in termini economici». Una originale proposta di Monica per riciclare i vestitini dei neonati è la realizzazione delle “coperte dei ricordi” e dei copricuscini patchwork, realizzati proprio con lenzuoli, abitini e tutto ciò che usava il piccolo ormai cresciuto. «Ogni volta il risultato è sempre diverso, ma sempre commovente e in grado di parlare dell’amore di una mamma per il proprio figlio».

Una coperta dei ricordi

Si può dire che oggi ci sia un vero ritorno alle attività manuali e Monica e Antonietta stanno riscontrando un incremento dell’interesse verso la sartoria: «Si sta tornando ad apprezzare un mestiere del passato e questo ritorno non credo sia dovuto solo alla particolare epoca che stiamo vivendo, ma anche alla passione, in questo caso per il cucito, in molti casi scoperta in età adulta».

Uno scatto del primo giorno del corso da modellista taglio e cucito SITAM.

Oltre a imparare a usare la macchina da cucire e a effettuare riparazioni, frequentando i corsi di Riciclotto si può diventare sarte stiliste. «Ci siamo affiliate alla SITAM, la nota scuola di modellistica con sede a Padova, e uno dei nostri percorsi è dedicato proprio alla preparazione all’esame e ha l’obiettivo di arrivare a creare modelli in autonomia».

Tantissimi i livelli dei percorsi, orari molto flessibili e percorsi individuali: non resta che affidarsi alle eclettiche “riciclotte” e prendere in mano ago e filo!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ue vuole tassare di più le multinazionali? – Io Non Mi Rassegno #318

|

Segui i nostri aggiornamenti quotidiani dal camper di Italia Che Cambia!

|

“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

|

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

|

Outdoor education: le sfide e le conquiste dell’educazione in natura

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura