6 Mag 2024

Ecofuturo 2024, torna il festival dedicato alle ecotecnologie

Scritto da: Redazione

Dalle comunità energetiche rinnovabili all'agricoltura carbon negative, dal microeolico alla mobilità sostenibile. Sono questi solo alcuni dei temi che saranno al centro dell'edizione 2024 di Ecofuturo, il festival delle ecotecnologie, di cui Italia Che Cambia, come negli anni passati, è media partner. L'appuntamento è a Roma dall'8 all'11 maggio.

Salva nei preferiti

Roma, Lazio - Il Festival Ecofuturo – di cui da anni Italia Che Cambia è media partner –, evento dedicato alle ecotecnologie, si prepara per la sua undicesima edizione che si terrà a Roma, da mercoledì 8 a sabato 11 maggio, presso la Città dell’Altra Economia, promettendo un evento che affronterà in modo approfondito tematiche cruciali per la costruzione di un futuro sostenibile. Proprio il giorno di apertura, alle 11:30 il nostro Andrea Degl’Innocenti interverrà all’incontro “Comunità energetiche ed ecologia integrale: ricostruire comunità”.

Sotto il titolo Un Mondo 99% Rinnovabile per l’Equofuturo, il festival si propone di esplorare e promuovere soluzioni pratiche per la transizione verso un’economia basata al 99% su energie rinnovabili. Lontani dalle ideologie e dagli assolutismi, per generare un futuro sostenibile utilizzando le tecnologie che sono già presenti sul mercato e che Ecofuturo promuove.

ecofuturo
IL PROGRAMMA DI ECOFUTURO 2024

Quest’anno saranno presentate tra le innovazioni tecnologiche anche impianti di microeolico, la macchina per realizzare biochar, sistema offgrid di produzione di energia rinnovabile su ruote, serra intelligente, la macchina per la sterilizzazione dei rifiuti sanitari che farà chiudere gli inceneritori e risparmiare 250 milioni di euro al Paese ogni anno, la batteria al rame, le pavimentazioni stradali senza asfalto bituminoso per rinfrescare e disinquinare le città.

Il focus principale di questa edizione sarà sulle Comunità Energetiche Rinnovabili, Ecofuturo già nel 2017 raccolse oltre 35.000 firme per promuovere il decreto legislativo e per garantire il protagonismo ai cittadini. La rete di Ecofuturo ha già realizzato alcune comunità energetiche basate su un modello che garantisce l’efficacia delle comunità energetiche analizzandone le caratteristiche di produzione e soddisfacendone i bisogni di consumo. CER realizzate e tessute per ogni comunità ad hoc. Parleremo quindi di come farle nei condomini, nei Comuni, nelle scuole e così via.

ecofuturo

Nella seconda giornata saranno presentate le pratiche di agricoltura carbon negative, con particolare attenzione a metodologie promosse dal CIB – Consorzio Italiano Biogas, come la semina su sodo per lo stoccaggio di CO2 nel terreno, l’utilizzo del digestato come fertilizzante, e la produzione del biogas e biometano. L’agricoltura può diventare un settore trainante della transizione ecologica, di diffusione di energie rinnovabili e di cattura della CO2.

Il programma prevede anche approfondimenti sulla mobilità sostenibile, analizzando le soluzioni più avanzate quali l’idrogeno, il biometano e il trasporto elettrico. Ogni giorno al festival dalle ore 18.00 ci saranno sessioni dedicate alla mobilità, con relatori provenienti da tutta Italia, professionisti del settore, imprenditori e ricercatori. Inoltre al festival sarà ospitata l’esposizione di veicoli elettrici.

Il festival si propone di esplorare e promuovere soluzioni pratiche per la transizione verso un’economia basata al 99% su energie rinnovabili

Parallelamente si discuterà dell’efficientamento energetico degli edifici, esplorando le possibilità offerte dalla bioarchitettura, i meccanismi di attribuzione dei crediti di carbonio e le opportunità offerte dalla finanza green. In particolare presenteremo i materiali ecocompatibili per realizzare cappotti termici, impianti di riscaldamento senza emissioni e le case green. La giornata di sabato sarà dedicata al benessere, da fertilizzanti e piante per eliminare la chimica nei campi, come realizzare un ortobioattivo e prodursi ortaggi ad alto valore nutraceutico e come sopravvivere all’inquinamento nelle nostre città, aperta a tutti, grandi e piccini.

PRESENTAZIONI DI LIBRI

Ogni sera inoltre sarà possibile partecipare alla presentazione di libri e a degustazioni guidate di vino e di caffè. Ecco la rassegna dei libri che saranno presentati:

  • Mercoledì 8: “Gli errori Fecondi” G.B. Zorzoli; “Comunità Energetiche. Esperimenti di generatività sociale e
  • ambientale” Giuseppe Milano
  • Giovedì 9: “Alberodonti d’Italia” Tiziano Fratus; “La Merigge” Fabio Roggiolani
  • Venerdì 10: “Vivere felici senza gas” Sergio Ferraris; “L’urgenza di agire. Perché e come abbandonare
  • rapidamente le fonti fossili” Marco Giusti
  • Sabato 11: “Un segreto difficile da mantenere” Michele Dotti
ecofuturo2
PROMOZIONI E WORKSHOP
  • Rottamazione della macchina da caffè: Portando una vecchia macchina da caffè in capsule, ne verrà consegnata una nuova adatta alle capsule totalmente compostabili di Caffè Pascucci vera rivoluzione che supera anche le bioplastiche con materiali di scarto.
  • Pannelli fotovoltaici da balcone: Si potranno acquistare tramite Gruppi di acquisto, i pannelli fotovoltaici da balcone da circa 3KW che sono di libera installazione.
  • Consulenza: Per chi si prenota sarà messo a disposizione un esperto per la riconversione green ecologica ed economica degli edifici. Durante i 4 giorni saranno realizzati workshop su impianti di energie rinnovabili, geotermia a ciclo binario e sarà possibile partecipare alla costruzione di una cupola geodetica realizzata con bamboo e calce-canapa. L’evento è aperto a tutti ed è completamente gratuito, con l’intento di coinvolgere il maggior numero possibile di cittadini interessati alla costruzione di un futuro più sostenibile ed equo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Caterina Murino: “Transizione energetica sì, ma con i sardi e per i sardi”
Caterina Murino: “Transizione energetica sì, ma con i sardi e per i sardi”

L’assalto eolico è ingiustizia climatica: le conseguenze sul patrimonio culturale sardo
L’assalto eolico è ingiustizia climatica: le conseguenze sul patrimonio culturale sardo

“Con l’assalto eolico una transizione energetica dannosa per la Isola”: il no di Luras alla speculazione
“Con l’assalto eolico una transizione energetica dannosa per la Isola”: il no di Luras alla speculazione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Chi è monsignor Viganò, accusato di Scisma dalla Chiesa (e che c’entra Trump) – #953

|

Elezioni europee: che Europa ci attende? Il parere di esperti ed eletti – Io Non Mi Rassegno + #19

|

Richiamo del bosco: dall’arte al forest bathing per vivere la natura tutto l’anno – Dove eravamo rimasti #33

|

Francesco Gesualdi: “Ecco come superare la cultura bellicista e capitalistica”

|

Oro rosso di Sicilia, la cooperativa che ha reintrodotto lo zafferano ennese

|

DIALECT, il progetto che costruisce comunità inclusive sul campo di calcio

|

Garden Sharing: giardini e cortili sono più belli quando sono condivisi

|

Il sogno di Fondalicampania: ripulire il golfo di Napoli dalle microplastiche

string(9) "nazionale"