Viaggi a piedi? Chi inizia non smette più!

Contatto con la natura, relazioni umane, confronto con se stessi. Sono tanti i motivi per cui “chi inizia a viaggiare a piedi non smette più”, come ci dice il presidente e co-fondatore di “Walden Viaggi a piedi”, cooperativa di turismo responsabile e sostenibile.

IMG_9052

Spegnete i cellulari e allacciate gli scarponi, il tour comincia con il primo passo a piedi.
Il concetto di viaggio della “Cooperativa Walden Viaggi a piedi”  recupera la sua originaria purezza e diventa un momento di scoperta non solo dei luoghi ma anche di noi stessi e degli altri. Il ritmo lento e rilassato degli spostamenti e la natura selvaggia che caratterizza la maggior parte degli itinerari scelti, sono diventati per molti uno stimolo di cambiamento inaspettato.

 

IMG_9052

 

“Walden ovvero vita nei boschi”, è il titolo del resoconto dell’avventura di David Thoreau che ha ispirato il nome della cooperativa e ne esemplifica i principi fondanti. L’autore visse infatti per oltre due anni in una capanna auto-costruita nei pressi del lago Walden, cercando un rapporto intimo con la Natura per ritrovare se stesso, sfuggendo ad una società che non rispondeva più ad alcun valore se non a quelli dell’utile e del profitto.

 

La filosofia della cooperativa Walden è quella di una struttura no-profit, basata sulla gioia del contatto con la natura, le relazioni umane e la sostenibilità, a cominciare dalle strutture di accoglienza. Normalmente sono di piccole dimensioni e gestite dagli abitanti del luogo.

 

“Facciamo parte dell’Associazione Italiana Turismo Responsabile – spiega Luigi Lazzarini, presidente e co-fondatore della cooperativa – per questo crediamo che i soldi spesi sul territorio debbano rimanere sul territorio”. L’organizzazione dei tour è molto semplice: è possibile prenotare on-line il viaggio a cui si intende partecipare e poi recarsi il giorno dell’appuntamento nel punto di ritrovo prestabilito. “Normalmente sono luoghi facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici – aggiunge il presidente – e quando si tratta di mete più lontane, il viaggiatore può decidere se organizzarsi da solo o rivolgersi alla cooperativa Viaggi Solidali di Torino, nostra partner”.

 

2015-04-18 14.06.48

 

“Chi comincia a viaggiare a piedi non smette più”, sintetizza scherzando Luigi. Non solo perché le vite che conduciamo ci riempiono sempre più di stress, ma anche perché viaggiare a piedi può diventare un momento di riflessione e di confronto su scelte e stili di vita. Non significa partecipare ad un’escursione (una lunga camminata che fa comunque bene al fisico e alla mente!). Si tratta di compiere un vero e proprio viaggio – di minimo 4 o 5 giorni – in cui lasciamo a casa tutto quello che abbiamo normalmente: televisione, automobile, computer. Messi faccia a faccia con se stessi, è più facile chiedersi cosa ci fa stare bene veramente.

 

Tra le proposte della Walden c’è anche quella di disconnettere il cellulare durante la vacanza, per assaporare davvero i luoghi e le persone che si incontrano durante il cammino. “Questo contesto crea i presupposti per la creazione di una dimensione relazionale intima – spiega Luigi, storico camminatore e guida della Walden – non soltanto con i compagni di viaggio ma anche con gli abitanti dei luoghi che vengono visitati lungo il percorso”. Il gruppo diventa così uno spazio di confronto e contaminazione reciproca, dove la comune sensibilità ha tutto lo spazio per emergere.

 

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi sostenere il nostro lavoro e permetterci di dare voce all'Italia che Cambia attivati anche tu, diventa un Agente del Cambiamento.

Leggi anche