Veronica Tarozzi

Subito dopo il diploma parte da Cagliari alla scoperta del mondo! Viaggia, studia e lavora tra Europa, Africa, Asia e America del Sud per conoscere luoghi, persone, esperienze e storie di vita di gente comune, ma soprattutto fuori dal comune. Nel 2008 insegna lingue a Salvador (Brasile) nel quadro di un progetto per l’emancipazione sociale e la comunicazione interculturale. Torna in Italia nel 2009 stabilendosi a Milano, dove si laureerà in Mediazione Linguistica e Culturale con una tesi dal titolo: “L’empatia nella mediazione linguistica, come chiave per una società collaborativa” . Qui comincia l’attivismo in diverse organizzazioni: dal Movimento Zeitgeist Italia, all’Associazione Società Sostenibile e Metaeducazione e partecipa attivamente all’orto comunitario Coltivando. Negli ultimi anni si è specializzata nell’ambito delle migrazioni e della protezione internazionale verso i migranti ed è tutrice di minori stranieri non accompagnati. È inoltre giornalista pubblicista regolarmente iscritta all’Ordine dei Giornalisti della Lombardia.

Il governo sui voti a scuola? “Gravemente insufficiente” – #883

|

Alla ricerca del Vello d’Oro, un viaggio di 3400 chilometri per unire mito e realtà

|

Tra mutualismo e condivisione il Pink Coworking combatte il gender gap nel mondo del lavoro

|

A Lanusei classi quinte in gita durante le elezioni regionali: il diritto di voto è solo “a metà”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

|

Violenza di genere: “Tutti noi dovremmo mettere in discussione i nostri valori, opinioni e credenze”

|

Una nuova vita al Mulino Marghen, fra relazioni umane e natura

|

Proteste sotto la sede RAI a Cagliari: “Il silenzio sul massacro in Palestina è un puro atto di censura”

string(9) "nazionale"