18 Mar 2021

Armonicamente: “Lo psicologo in classe è indispensabile”

Scritto da: Emanuela Sabidussi

L'Istituto Comprensivo Statale di Carcare (SV) da più di dieci anni, attraverso il progetto Armonicamente, ha attivo uno sportello di supporto psicologico per famiglie, studenti e collegio docenti: uno strumento di aiuto didattico, relazionale ed emotivo per combattere il senso di solitudine e di scoramento, ma anche per far fronte alla dispersione scolastica.

Savona - La situazione del mondo dell’educazione è oggi più difficile che mai: didattica a distanza, restrizioni nelle relazioni di persona, famiglie in difficoltà economiche a causa della perdita del lavoro. Contestualmente si assiste a una diffusione massiccia dell’utilizzo di mezzi informatici, il cui impiego è ormai all’ordine del giorno anche per i più piccoli, che proprio grazie ad essi cercano di compensare le distanze fisiche con i coetanei. Ma quali conseguenze porterà tutto ciò in un breve periodo? E quali sono gli strumenti a disposizione dei minori per gestire il carico emotivo che tutto ciò comporta? 

ARMONICAMENTE ENTRA IN CLASSE

Da qualche mese in molte strutture scolastiche è stato attivato un servizio di supporto psicologico che cerca di aiutare le famiglie trovatesi a farsi carico del sostegno educativo dei propri figli a causa della chiusura di molte scuole. Ma soprattutto un supporto per bambini più o meno grandi, spesso senza strumenti nell’affrontare situazioni di forte disagio emotivo e psicologico. C’è però chi questo servizio interno l’aveva già attivato da anni e conosce molto bene quali sono i benefici che può portare. Un esempio è l’Istituto Comprensivo Statale di Carcare (SV), che da oltre dieci anni, grazie al sostegno di Fondazione De Mari, ha attivato il progetto Armonicamente, che prevede uno sportello di supporto psicologico per tutte le famiglie, gli studenti e il personale della scuola.

carcare 2

L’IMPORTANZA DEL SUPPORTO PSICOLOGICO

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ho intervistato la dott.ssa Raffaella Battiloro, dal 2019 Dirigente Scolastica dell’istituto di Carcare, che accoglie circa 900 bambini dai 3 anni ai 12 anni. La dirigente sottolinea per prima cosa l’impatto che lo sportello psicologico sta avendo, quest’anno in particolare: «Oggi più che mai sono convinta che lo sportello a supporto delle famiglie sia necessario, se non indispensabile, come strumento di aiuto relazionale ed emotivo. Il Covid ha portato un grande senso di solitudine e di scoramento: le famiglie hanno dovuto faticare per la DAD e chiedono conforto. I nostri bambini hanno necessità di un sostegno nel comprendere ciò che avviene fuori. Noi, come scuola di Carcare, siamo la capofila del progetto Armonicamente insieme all’Istituto Comprensivo Cairo Montenotte, all’Istituto Comprensivo di Millesimo, al Liceo Calasanzio di Carcare e all’Istituto di Istruzione Superiore Federico Patetta. Il bando savonese a cui annuale partecipiamo prevede la selezione di una psicologa per ogni istituto, che sino allo scorso anno operava esclusivamente attraverso uno sportello in presenza, mentre ad oggi ne ha attivo anche uno digitale».

COME FUNZIONA

Lo sportello in presenza è aperto negli orari e giorni indicati dal/la psicologo/a di riferimento all’interno dell’istituto e accoglie le richieste di supporto proveniente dalle singole famiglie, dal collegio docenti e dai bambini a partire dalla scuola secondaria di primo grado. Vi possono accedere anche bambini di classe inferiori, previo assenso dei genitori. Esiste poi una modalità di sostegno più ampia e diffusa per dinamiche, problematiche e questioni messa a disposizione per supportare situazioni complesse che l’insegnante non è in grado di identificare e risolvere. In questo caso, infatti, viene richiesta la presenza del/la psicologo/a in classe direttamente dal docente che ne sente l’esigenza, il quale ha la possibilità di essere aiutato a comprendere come risolvere situazioni specifiche.

carcare 1

LO SPORTELLO E IL SUO OBIETTIVO 

Il servizio di supporto psicologico a Carcare è nato per cercare di combattere la dispersione scolastica: «Il ruolo del/la psicologo/a è quello di confidente per tutti noi: un punto di riferimento sicuro dove lo studente può raccontare i propri dubbi, le proprie paure e i turbamenti che non riesce a gestire. Lo stesso rapporto non potrebbe essere creato con il docente, perché esso viene visto come colui che deve valutare, pertanto risulterebbe difficile confidarsi in maniera ugualmente spontanea e con la stessa sicurezza. Credo che il supporto psicologico non debba essere, soprattutto in questo periodo, esclusivamente didattico, aiutando i bambini a gestire emozioni, a motivarli, a mettersi in gioco. Credo inoltre fermamente che si tratti di un supporto valido in particolar modo dal punto di vista sociale, dato che non tutti docenti hanno strumenti e conoscenze sufficienti per poter affrontare situazioni di necessità».

Ad oggi l’istituto non ha uno strumento di feedback sistemico per valutare le effettive conseguenze che questo sportello porta, ma sta lavorando per riuscire a crearne uno. Nel frattempo, nei loro corridoi si può respirare l’armonia di chi, nonostante le difficoltà, ha un posto sicuro dove andare, anche in mezzo alla confusione interiore ed esterna.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Quei migranti che non fanno notizia – #551

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità

|

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

|

Ortika, la moda etica e circolare che si ispira alla natura, dove gli scarti non esistono

|

Nella casa circondariale di Siracusa l’Arcolaio sperimenta modelli innovativi di economia sociale

|

Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice