6 Set 2021

Andare a vivere in montagna: ecco gli incentivi dalla Regione Piemonte

Ritmi più lenti, aria pulita e luoghi incontaminati dove ricominciare una nuova vita contribuendo a rilanciare le aree marginali: è stato aperto in questi giorni il bando con il quale la Regione Piemonte intende incentivare coloro che vogliono cambiare la propria vita trasferendosi dalla città alla montagna e acquistando o recuperando un immobile in un piccolo paese dove spostare la propria residenza.

Nell’ambito delle iniziative che in Piemonte promuovono il ripopolamento delle aree interne e marginali, vi raccontiamo oggi della recente iniziativa avviata dalla Regione Piemonte per favorire chi vuole andare a vivere in montagna. Nel mese di agosto infatti, è stata lanciata una campagna nazionale che offre incentivi a chi sceglie di trasferirsi da una città italiana in uno dei piccoli comuni di montagna, incastonati tra le Alpi piemontesi.

L’iniziativa punta a sostenere la rivitalizzazione e il ripopolamento delle aree montane, anche a seguito dei bisogni sociali crescenti causati dall’attuale emergenza sanitaria. Così, chi risiede in un centro urbano in Italia e intende acquistare o recuperare un immobile in un Comune montano del Piemonte con meno di 5.000 abitanti, da rendere prima casa trasferendovi la propria residenza, potrà aderire al bando della Regione Piemonte che offre contributi da 10.000 a 40.000 euro. Nel complesso si prevede lo stanziamento di 10 milioni di euro; il relativo bando è stato pubblicato proprio in questi giorni sul sito della Regione Piemonte prevedendo, per l’inizio di novembre, l’apertura della piattaforma per le domande di ammissione.

Bando Regione Piemonte1

Fabio Carosso, vicepresidente e assessore alla Montagna della Regione Piemonte, racconta che si tratta di «una promessa mantenuta e l’offerta di una scelta di vita nuova. Conosco le nostre montagne: abbiamo comprensori sciistici di fama mondiale accanto a valli e borghi da riscoprire che pagano lo spopolamento» e, aggiunge, «ho visitato molte delle Unioni montane, incontrato i sindaci di piccoli Comuni e subito ho chiesto al settore Montagna di lavorare alla realizzazione di un’iniziativa che potesse aiutare i giovani a scegliere di trasferirsi a vivere in montagna».

L’iniziativa coinvolge un totale di 465 Comuni montani con meno di 5.000 abitanti (48 in provincia di Alessandria, 12 in provincia di Asti, 48 in provincia di Biella, 132 in provincia di Cuneo, 3 in provincia di Novara, 132 in provincia di Torino, 66 nel Verbano-Cusio-Ossola, 24 in provincia di Vercelli).

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Potranno partecipare i nati a partire dal 1955 e, per fare in modo che al bando aderiscano soprattutto i giovani, i nati dopo il 1980 riceveranno un punteggio più alto. Un altro punteggio premiante saranno gli interventi effettuati in un Comune ad alta marginalità, l’attività lavorativa esercitata in un paese montano oppure in smart-working almeno al 50% nell’abitazione per la quale si chiede il finanziamento, un Isee uguale o inferiore a 20.000 euro e almeno un figlio di età uguale o inferiore a 10 anni che avrà residenza e dimora abituale nell’immobile acquistato. Il bando favorisce inoltre i recuperi realizzati con soluzioni architettoniche e paesaggistiche previste dalla Regione Piemonte e con l’utilizzo dei materiali tipici del paesaggio alpino piemontese.

Bando Regione Piemonte

Per beneficiare dei contributi occorre essere titolari del diritto di proprietà (oppure impegnarsi ad acquisire un diritto di proprietà) di un’unità immobiliare a uso residenziale censita catastalmente nel territorio dei 465 Comuni interessati e trasferirvi la propria residenza e dimora abituale per dieci anni. In caso di contributo relativo all’acquisto, l’atto di compravendita dovrà essere stipulato entro 6 mesi dalla data di approvazione della graduatoria, mentre i lavori di recupero del patrimonio esistente dovranno essere ultimati entro 18 mesi. La rendicontazione dovrà essere trasmessa, invece, entro 3 mesi dalla conclusione dei lavori di recupero, ovvero dalla stipula dell’atto di compravendita.

L’iniziativa per andare a vivere in montagna è pensata per agganciarsi in modo sinergico a un altro bando che la Regione Piemonte lancerà in autunno e che vuole incentivare la nascita delle “botteghe dei servizi” con specifici contributi per sostenere le attività nei territori montani che offrono servizi alla cittadinanza.

«Insieme al bando residenzialità – afferma ancora il vicepresidente Carosso – stiamo lavorando con le Unioni montane all’individuazione di importanti azioni per le nostre “botteghe dei servizi”, volte a favorire chi vuole vivere in montagna, contrastare la desertificazione commerciale nei paesi montani e, di conseguenza, a garantire agli abitanti di queste zone la fruizione di beni e servizi che ne migliorino la qualità della vita».

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra
Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere
Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali
Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La teoria dell’evoluzione va ripensata? – #556

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo alla vita contadina

|

Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

|

Lo spreco d’acqua e la dispersione delle reti idriche: abbiamo un problema

|

Al lavoro con la natura: racconto di un convegno itinerante fra arte, cultura e ambiente

|

Campo e sincronicità: come creare la propria vita con consapevolezza imparando a cogliere certi segnali

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua