15 Lug 2022

Gravità Poetica: arte e poesia si uniscono nel nome dell’educazione ambientale

Scritto da: Paolo Cignini

Letture, laboratori per bambini, concerti e reading letterari performativi mirati a ricordarci come l’ambiente sia la nostra casa comune e l’importanza di gesti quotidiani concreti affinché questa visione non rimanga solamente teoria. Venerdì 16 luglio, a Offida si terrà la seconda tappa del Festival Gravità Poetica, nato allo scopo di valorizzare la poesia e fonderla con l’ampio mondo dell’arte performativa e delle arti visive. Abbiamo incontrato Valeria Svizzeri, una delle ideatrici del Festival, che ci spiega il suo funzionamento e l’obiettivo della manifestazione.

Ascoli Piceno, Marche - “Poesia, pura forza d’attrazione nell’essenza universale”. È la poesia il cuore pulsante del Festival Gravità Poetica, che il 16 luglio giunge alla seconda tappa della sua seconda edizione, che ha come focus il tema Ambiente. Siamo ad Offida, in provincia di Ascoli Piceno, nelle Marche. Qui si è formato un trio musicale, composto da Alessio Mariani Radice, Valeria Svizzeri e Mauro Cesari, formatosi in occasione di un reading originale di poesie, per la pubblicazione del primo libro di Cesari.

GLI OBIETTIVI

«La nostra volontà era quella di evolverci in un vero e proprio collettivo – ci spiega Valeria Svizzeri – che successivamente, di fatto, è diventato il Festival. Abbiamo voluto creare una sorta di dimensione aperta, in cui diverse forme d’arte possono confrontarsi ed entrare in sinergia, mantenendo la poesia al centro di un universo comune».

gravita poetica2

Gravità Poetica infatti è un progetto che mira a creare una sinergia tra l’elemento poetico e il mondo dell’arte performativa, che va dalla musica al teatro fino agli innumerevoli campi d’azione delle arti visive, creando un intimo abbraccio tra le varie forme d’arte e restituendo alla poesia una nuova veste tessuta di avanguardia e freschezza.

«Il primo obiettivo è quello di avvicinarsi ai giovani, in maniera anche accattivante, coinvolgendo forme d’arte più vicine al loro linguaggio», spiega Valeria. «Parallelamente miriamo a fornire uno spazio per artisti emergenti: ci piace pensare a questo Festival come a un mezzo di comunicazione sociale e di sensibilizzazione verso temi solidali, utilizzando l’arte come ricerca della bellezza e di nuovi stimoli».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

L’IMPEGNO PER L’AMBIENTE

Quest’anno il Festival Gravità Poetica, che incentra il suo programma su diverse macrotematiche, giunge alla sua seconda edizione e l’ambiente è il protagonista di questa sessione: «L’ambiente è il nostro mondo, la nostra casa, la nostra responsabilità, lo abbiamo inserito anche come sottotitolo del Festival», racconta Valeria. «Intendiamo porre l’attenzione sull’ambiente nel suo significato più ampio: vogliamo mettere l’accento sull’attuale crisi ambientale e sulla relativa urgenza di attuare strategie comunitarie per la sua salvaguardia, attraverso gesti quotidiani che possano fare la differenza». 

A tal proposito sono state coinvolte due associazioni territoriali, Marche a Rifiuti Zero e Questione Natura, i cui rappresentanti interverranno nel corso delle due serate per ricordare l’importanza della salvaguardia naturalistica e dell’ecologia per un futuro armonico dell’essere umano sul pianeta Terra.

gravita poetica1
IL PROGRAMMA

A dir la verità, Gravità Poetica 2022 è già partito: il 19 giugno 2022, all’alba, si è svolto “Passo in Versi”, un’escursione naturalistica-sonora al sorgere del sole: «Abbiamo intrapreso, insieme a un gruppo di audaci, un trekking naturalistico alle prime luci dell’alba percorrendo un antico sentiero ad anello che circonda il territorio offidano. Lo abbiamo fatto arricchendo il cammino di un’esperienza di bagni di suoni e di massaggi sonori a cura di Giuseppe Carlini e del suo progetto “Campane in viaggio“, insieme ai versi poetici e teatrali del GADA, il Gruppo Amici dell’Arte di Offida».

Per quanto riguarda i prossimi passi, la seconda tappa di Gravità Poetica partirà dalle ore 18 di venerdì 16 luglio, nel parco Pablo Neruda di Offida, con un momento di lettura e laboratorio artistico dedicato ai bambini, in compagnia dell’autrice Carolina D’Angelo e del suo libro Gianna e il Coccodrillo pubblicato da CoccoleBooks editore: la partecipazione è gratuita ma è richiesta la prenotazione qui.

Alle ore 19.30, in Piazza del Popolo sempre a Offida,  la cantante e arpista Alessandra Capone si esibirà in Irene e il Mare: tratti dal libro dell’autore partenopeo Enrico De Luca (detto Erri) Storia di Irene, edito da Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano, i racconti della vita di Irene, salvata dai delfini e altalenata tra la terra e le onde del mare, si intrecceranno ai canti tessuti dalla Capone sul telaio della sua ipnotica arpa celtica

Ci piace pensare a questo Festival come a un mezzo di comunicazione sociale e di sensibilizzazione verso temi solidali

A partire dalle ore 21:00, nel piazzale antistante Santa Maria della Rocca di Offida, è previsto infine Versi oltre il Crepuscolo, dove  si alterneranno sul palco il reading letterario performativo del duo Rosaria Angotti e Paolo Cutuli, l’arte introspettiva multimediale di Andrea Marazzi e la poliedrica performance musicale-letteraria di The Margians, trio formato da Mariagiulia Ciucci, Gianfranco Miranda e Gianclaudio Hashem Moniri.

Ci saremo anche noi di Italia che Cambia, con un contributo video in cui ricorderemo l’importanza della responsabilità personale e della collaborazione per lo sviluppo di una vera cultura del cambiamento. «Noi vogliamo mettere a disposizione della comunità un’alternativa che possa essere una piacevole esperienza ed un momento di riflessione allo stesso tempo», conclude Valeria Svizzeri. «Vogliamo seminare piccoli germogli che, auspicabilmente, possano fiorire nell’agire quotidiano di ogni persona che ci verrà a trovare al Festival Gravità Poetica».

Per vedere il programma completo e per scoprire come partecipare agli eventi clicca qui

Articoli simili
L’ultima accademia di Belle Arti attiva sulle Alpi che valorizza il territorio vigezzino
L’ultima accademia di Belle Arti attiva sulle Alpi che valorizza il territorio vigezzino

Kronoteatro: mancano i sostegni e la compagnia ligure pluripremiata è a rischio
Kronoteatro: mancano i sostegni e la compagnia ligure pluripremiata è a rischio

Hisn Al-Giran, l’antico villaggio bizantino rinasce grazie a un gruppo di giovani siciliani
Hisn Al-Giran, l’antico villaggio bizantino rinasce grazie a un gruppo di giovani siciliani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi