8 Set 2022

Tra borghi, castelli e fortezze: un concorso fotografico per documentare le bellezze del Piemonte

Scritto da: Lorena Di Maria

Wiki Loves Monuments è il più grande concorso fotografico del mondo, organizzato da Wikimedia Italia: coinvolge fotografi professionisti e amatoriali per documentare i monumenti italiani e renderli accessibili a chiunque. Per tutto il mese di settembre il progetto raccoglierà foto per raccontare il patrimonio storico e culturale in Piemonte, tra castelli, fortificazioni, borghi e paesaggi.

“Immagina un mondo in cui ciascuno possa avere libero accesso a tutto il patrimonio della conoscenza umana”. Con queste parole si descrive Wikimedia Italia, associazione di promozione sociale che da anni lavora con un obiettivo: promuovere il sapere e la cultura non senza la diffusione di contenuti liberi e accessibili a tutti.

Vi dice qualcosa Wikipedia, l’enciclopedia online a contenuto libero che è la più consultata al mondo, con 20 miliardi di pagine visualizzate al mese e 55 milioni di voci scritte dagli utenti? Oppure OpenStreetMap, il progetto collaborativo che punta a una raccolta mondiale di dati geografici e finalizzato a creare mappe e cartografie del mondo? Ebbene, proprio come testimoniato da Wikipedia e OpenStreetMap, ad oggi l’associazione è impegnata a diffondere la conoscenza e aumentare la consapevolezza in merito alle questioni sociali e filosofiche correlate ai temi della cultura libera e del pubblico dominio.

Wikimedia1
Castello di Barolo. Foto di Andrea Marchisio tratta da Wikimedia Commons
WIKI LOVE MONUMENTS, UN CONCORSO FOTOGRAFICO PER TUTTI E TUTTE

Dal 1° al 30 settembre Wikimedia Italia ha lanciato il contest fotografico “Wiki Loves Monuments” che vedrà protagonista il Piemonte con le sue bellezze storiche e architettoniche. Grazie alla collaborazione con Istituto Italiano dei Castelli, i protagonisti della storia e del panorama italiano saranno fotografabili per la prima volta e andranno ad arricchire l’enciclopedia online più grande al mondo favorendo la diffusione della cultura italiana all’estero dell’immenso patrimonio nostrano.

COME PARTECIPARE

Il concorso si svolgerà online dal 1° al 30 settembre e sarà in contemporanea in tutto il mondo. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti: per il mese di settembre sarà possibile caricare su Wikimedia Commons una foto dei monumenti appartenenti al concorso, seguendo la procedura: non solo castelli e fortificazioni che aderiscono al concorso, ma anche monumenti di altro genere o vedute di città, borghi e paesaggi. Alla fine la giuria decreterà dieci foto vincitrici, selezionate da una commissione preliminare di volontari e successivamente sottoposte all’esame della giuria finale nominata da Wikimedia Italia.

È la più grande iniziativa internazionale che chiama partecipanti, volontari, comunità online e istituzioni a documentare il patrimonio culturale

Oltre al premio nazionale e regionale, i fotografi piemontesi potranno gareggiare per due premi speciali: il “Premio Mario Gabinio”, dedicato alle foto dei monumenti autorizzati che furono ritratti dal fotografo torinese, e il “Premio Fotografa la tua biblioteca”, che si propone di valorizzare e documentare le biblioteche del capoluogo piemontese.

UN PO’ DI NUMERI

L’iniziativa rappresenta oggi un’opportunità per la diffusione, promozione e tutela del patrimonio culturale di ben 93 Paesi. Come riportano i dati di Wikimedia Italia, dalla sua prima edizione il concorso ha contribuito a documentare milioni di monumenti, con oltre 2,7 milioni di immagini caricate da più di 100.000 partecipanti.  

L’edizione italiana si conferma poi un prezioso strumento collaborativo di documentazione digitale dei monumenti: dal 2012, circa 8.750 partecipanti hanno caricato su Wikimedia Commons più di 165.000 fotografie, scegliendo tra oltre 17.300 monumenti e beni culturali fotografabili, ancora più numerosi nel 2022.

Wikimedia2
San Marzano Oliveto, foto di Piedmont Properties tratta da Wikimedia Commons

Del contest, amministrazioni pubbliche, enti culturali e religiosi, proprietari privati, oltre che un gran numero di volontari sono i veri pilastri dell’iniziativa. «Wiki Loves Monuments è un concorso fotografico ma è anche qualcosa di più: è la più grande iniziativa internazionale che chiama partecipanti, volontari, comunità online e istituzioni a documentare il patrimonio culturale del proprio paese e a renderlo pienamente accessibile a tutti», ha dichiarato Iolanda Pensa, Presidente di Wikimedia Italia.

«Wikipedia e i progetti Wikimedia danno grandissima visibilità alla ricchezza culturale e, grazie al contributo collaborativo, stanno diventando le più grandi banche dati esistenti sul patrimonio culturale mondiale: gratuite, facilmente aggiornabili e a disposizione per ogni uso. Vorrei invitare tutti a partecipare al concorso, per condividere le proprie fotografie con il mondo, per contribuire alla conoscenza libera e per valorizzare la bellezza dell’Italia».

Articoli simili
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

La musica riparte dal sud con i suoi talenti
La musica riparte dal sud con i suoi talenti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il nucleare continua a non avere senso – #589

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale

|

Disability Pride, una parata perché la disabilità non resti una questione per pochi

|

Ben(i)tornati, ecco come l’Italia riprende vita grazie alla rigenerazione e al riuso

|

Francesca della Giovampaola, da giornalista di città a divulgatrice della permacultura