22 Dic 2022

Rotaract di Padova: un aiuto concreto al canile per “scaldare” l’inverno degli amici a quattro zampe

Scritto da: Davide Artusi

Per gli ospiti a quattro zampe dei canili gli inverni sono particolarmente duri. I cani sono costretti a passarli al freddo nelle loro cucce che, sebbene coibentate, non offrono riscaldamento. Ecco dunque che entra in gioco Rotaract Club Padova Euganea, che con la sua iniziativa che sta portando avanti in favore del Rifugio di Rubano intende raccogliere coperte e altri beni per "scaldare" l'inverno degli ospiti della struttura.

Padova, Veneto - A novembre il Rotaract Club Padova Euganea ha deciso di dare vita a un’iniziativa di beneficienza, che continuerà anche nel corso di tutto il mese di dicembre, che ha come target non l’essere umano ma i suoi amici a quattro zampe. «Questo progetto – riprendono Ilaria ed Edoardo, due membri del gruppo – nasce dalla consapevolezza che tantissimi animali ogni anno in Italia soffrono il rigido freddo invernale. Spesso i canili, che non sempre sono sovvenzionati con soldi pubblici, non possono permettersi di avere cucce riscaldate».

Il Rotaract si sta quindi attivando per raccogliere, attraverso contatti personali e la fitta rete di connessioni del Rotary, coperte e lenzuola usate, da poter donare al Canile di Rubano, Comune della provincia di Padova. L’iniziativa punta anche a recuperare giochi e guinzagli nuovi per supportare, seppur con limitati mezzi, l’attività dei volontari che ogni giorno si spendono per il benessere di questi animali.

COS’È IL ROTARACT

L’associazione Rotaract Club Padova Euganea promossa dal Rotary International, di cui ne è una piccola costola, nasce il 25 gennaio 1984. Si tratta di una realtà composta da giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni circa. Lo scopo del Rotaract è offrire a chi ve ne fa parte l’opportunità di elevare le conoscenze e le capacità che contribuiranno al proprio sviluppo personale, di affrontare le esigenze materiali e sociali delle loro comunità e di promuovere migliori relazioni tra i popoli del mondo attraverso l’amicizia e il servizio.

Rotaract 2 1

I Club Rotaract organizzano attività di raccolta fondi con lo scopo di venire incontro ai bisogni della comunità locale, attività volte a favorire la comprensione internazionale, riunioni, relazioni su temi di pubblico interesse, visite ad aziende, attività culturali, campagne di sensibilizzazione nelle scuole. Ogni Rotaract Club si appoggia alla comunità o a un’università ed è spesso patrocinato dal Rotary club locale.

«Siamo un Club di Servizio – ci raccontano Ilaria ed Edoardo – ovvero un’associazione che si occupa di portare avanti progetti di beneficenza sia su piccola che su larga scala. Attualmente il nostro Club, il Rotaract Padova Euganea, è composto da un totale di 26 soci, ragazzi e ragazze (sia studenti che lavoratori), un gruppo affiatato che con gli anni ha imparato a condividere momenti ed esperienze anche al di fuori del mondo Rotaract».

«Per quanto riguarda il singolo club, lo scopo primario è di aiutare attraverso il nostro operato le realtà del territorio patavino; ma come noi, esistono centinaia di Rotary e Rotaract in tutta Italia e nel mondo». Uno dei più importanti Service organizzato dal Rotary nella sua totalità è stato la campagna EndPolioNow, che ha avuto come obiettivo la vaccinazione contro poliomielite di tutti i bambini, insieme all’Unicef e all’OMS.

Rotaract 3
IL CANILE DI RUBANO

«L’iniziativa è stata – continuano Ilaria ed Edoardo – e continua a essere, un successo. Abbiamo ricevuto alcune donazioni dalle persone contattate direttamente, ma ciò che ci ha maggiormente resi felici è stato osservare un fantastico passaparola. Molti di coloro a cui ci siamo rivolti si sono messi in prima persona a chiamare loro amici e parenti per racimolare un gran numero di coperte. Stiamo ancora raccogliendo quest’ultime, anche se una prima tranche è stata già portata al canile».

«Sicuramente saremo più che felici di collaborare nuovamente con il Canile di Rubano e di farlo con altre realtà simili, che ogni anno abbiamo modo di scoprire. La cosa che più ci è piaciuta del lavorare con chi si occupa del canile è stata osservare la loro dedizione, la loro capacità di far sembrare facile la gestione di una struttura complessa, molto ampia e in cui capita, come è successo a noi, di commuoverci».

Questo del Rotaract è innanzitutto un progetto di carattere materiale, in quanto i giovani del Club si sono impegnati a raccogliere coperte usate che verranno utilizzate dai cani. In secondo luogo però vuole essere un gesto di diffusione di consapevolezza, dato che a volte anche chi ha animali in casa non pensa a quelli che si trovano in canile e che avrebbero davvero bisogno. La speranza dell’associazione è che questo gesto possa ispirare altre donazioni da parte della cittadinanza.

La cosa che più ci è piaciuta del lavorare con chi si occupa del canile è stata osservare la loro dedizione, la loro capacità di far sembrare facile la gestione di una struttura complessa

PER CONTRIBUIRE

Per venire a conoscenza di iniziative simili a queste, inerenti a Rotaract come ad altri progetti di beneficienza, la cosa più semplice ed efficace è proprio rimanere aggiornati tramite i social. Ad esempio il Rotaract Club mostra ogni giorno su Instagram, Facebook e sulla propria pagina web di cosa si sta occupando. In tal modo gli interessati possono sempre sapere come contribuire alle attività per cui si sentono maggiormente coinvolti.

«Siamo convinti che il nostro piccolo gesto possa essere di ispirazione per tanti cittadini della provincia, che magari si attiveranno anche loro per donare coperte e cibo al Rifugio di Rubano, o per adottare a distanza uno degli oltre 80 ospiti». L’invito di Ilaria ed Edoardo non vuole essere però specifico solo di questa iniziativa, ma la speranza è quella di mostrare la bellezza della beneficienza e l’importanza di dare una mano a uomo o animale che sia.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto
Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

Io sono una mucca. Ecco la vita (e la sofferenza) degli allevamenti d’alpeggio
Io sono una mucca. Ecco la vita (e la sofferenza) degli allevamenti d’alpeggio

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata
4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Myanmar, le responsabilità dell’occidente a due anni dal golpe – #663

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

|

Il messaggio di nonviolenza di Ghandi settantacinque anni dopo

|

Monte San Primo: i cittadini si mobilitano per salvare la montagna dal business del turismo

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli